Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Good morning Radio Coffy

Radio-coffy-1

Una dimensione oscillante tra la musica, il cinema e un romanticismo demenziale, un ipertesto continuo di citazioni, canzoni e vita reale. Questa è Boogie nights, ogni martedì sera su Radio Coffy, web radio indipendente conversanese, in attività da un mese circa; ma l’ideatore, padrone di casa, presentatore, Radio-Coffy-paco-terioregista, responsabile tecnico, anche ospite all’occorrenza, Paco Terio (nella foto a destra) ci assicura che l’ironia e la demenzialità e il clima leggero delle trasmissioni sono solo una chiave di lettura.

Perché la radio? Da dove sei partito e dove vorresti arrivare?

"La radio può fare cultura, creare discussione, spingere la voglia di pensare e vedere la vita con la speranza. L’ascoltatore di radio grazie all’alternanza di canzoni, discussione e jingles può emozionarsi per il pezzo, riposare, riflettere. L’Italia è un paese in cui manca l’educazione civica, l’apprezzamento per la nostra storia, cultura e per quel gusto italiano che potrebbero farci ricominciare. Con l’ironia e la pretenziosità raccontiamo questo, cercando di far coincidere musica e parole dette, per scavare nella mentalità dell’italiano medio, quella del “non sai chi sono io!”, perché la gente non è stupida ma si abbassa a quello che le viene proposto".

Quindi lasciando la strada delle trasmissioni mainstream ti sei buttato su un progetto personalizzato, di nicchia, rinunciando alla possibilità di avere sponsor.

"Quando mi hanno sbarrato le porte col classico ‘le faremo sapere” sono stato spinto a fare da me. C’è una frase di Boris Yellnikoff (personaggio del film Basta che funzioni, Woody Allen,ndr) “riconsiderare le proprie idee è da genio, e infatti io lo sono”. Bisogna rinunciare alla fissità, per avere sponsor dovrei far diventare Radio Coffy una radio commerciale, dovrei decuplicare le spese attuali e potrei perdere quella nicchia di affezionati e quell’impronta che ho voluto dare alla radio con una scelta musicale per tutti i palati, anche difficili".

Parliamo della selezione musicale.

"Il lunedì POP; il martedì BLUES; il mercoledì ROCK; il giovedì SOUL-FUNK-BLACK MUSIC; il venerdì e il sabato ALTERNATIVE, ispirato alle atmosfere del film Donnie Darko; il sabato sera ELETTRONICA, selezione di HAL 9000 (computer di bordo della nave spaziale nel film 2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick); la domenica è JAZZ, immaginando che ci sia Woody Allen a scegliere per noi".

Boogie nights…

"Boogie nights è un programma che esisteva da anni su altre radio, un bagaglio mio. Ci sono dei collaboratori con me in studio durante la trasmissione, impersoniamo ex star del porno in disuso ( Deerk Diggler, uno dei personaggi è realmente ispirato a Boogie Nights, gli altri sono curiosamente pescati dal mondo reale o immaginario ndr). Il programma ogni martedì dalle 21.33 fino alle 23.40 ha un format di base predefinito su cui montiamo le variazioni, tra cui la possibilità di telefonate dagli ascoltatori".

Il futuro della radio?

"Un programma richiede una settimana di lavoro di ricerca, scrematura, scrittura e una redazione forte. Per non parlare della ricerca musicale e dell’impegno tecnico. L’obiettivo è arrivare a creare un network, una squadra che lavori alle diverse fasi di cui adesso mi occupo io. Se riuscissimo ad arrivare a questo, sarebbe un guadagno per tutti quelli che ruotano intorno alla radio, condizioni migliori per chi la fa e un prodotto migliore per chi l’ascolta".

E ascoltiamo! Su http://www.coffy.info

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI