Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Presentato il convegno "Bande da Giro"

bande da giro

È stato presentato lunedì pomeriggio il convegno intitolato “L’interesse culturale del fenomeno Bande da giro in Puglia”, che si svolgerà a Conversano il 29 aprile nel Castello a partire dalle 9. L’evento, che fa parte del progetto triennale “La Banda in Testa” organizzato dall’Assessorato alle Politiche Culturali in collaborazione con l’Associazione Culturale Musicale “G.Piantoni” e all’Associazione “Orchestra di Fiati Gioacchino Ligonzo”, prevede un ricco programma che si snoderà per l’intera giornata e che permetterà di fare il punto sulla situazione di questo fenomeno prettamente pugliese attraverso il confronto fra mondo bandistico e istituzioni con esponenti provenienti da tutta la regione.

Ad aprire la conferenza è stato l’intervento di Ruggero Chiummo, Presidente dell’Ass. Culturale Musicale “G. Piantoni”, che ha illustrato l’importanza culturale delle bande da giro, un fenomeno la cui origine in Puglia è collocabile alla fine del ‘700 (a Conversano cominciò poco dopo, all’inizio dell’800). “Un convegno per salvaguardare la storia e l’esistenza del concerto bandistico”, secondo Chiummo, a cui fa eco Angelo Schirinzi, Direttore dell’ ”Orchestra di fiati G. Ligonzo”, sottolineando la necessità in questo momento complicato di unire le forze per riuscire a far sopravvivere questa tradizione che appartiene non solo agli addetti ai lavori ma a tutti i cittadini conversanesi e pugliesi.

È intervenuto anche Domenico Zizzi, Presidente della Federazione delle Bande Pugliesi (nata 3 anni fa), che ha individuato tre priorità per salvaguardare il fenomeno bande da giro in Puglia: la necessità di una adeguata regolamentazione, perché nella nostra regione costituiscono una importante opportunità lavorativa; la tutela del patrimonio (spesso spartiti e strumenti d’epoca non sono custoditi in maniera opportuna); l’importanza di avvicinare i giovani al mondo della banda, considerata l’elevata età media del pubblico.

Non è mancato l’entusiasmo da parte delle istituzioni nei confronti dell’iniziativa. L’Assessore alle Politiche Culturali Pasquale Sibilia ha ricordato il grande consenso ottenuto durante l’ultima edizione della Bit di Milano, quando il progetto “La Banda in testa” ha rappresentato, musicalmente parlando, la Provincia di Bari. Per Sibilia “questo convegno rappresenta un altro passo nel cammino che porterà alla richiesta del riconoscimento della tradizione bandistica di Conversano quale “Patrimonio culturale immateriale” da parte della Commissione tecnica dell’Unesco”.

Commenti 

 
#1 -.- 2012-05-01 22:34
Con le bande non si fa turismo!!
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI