Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

Orecchiette Spray Off: "Cultura metropolitana a raduno"

orecchiette-spray-off-2012

L’Associazione Fatti di China e Enzo Rosato hanno organizzato la quarta edizione dell’evento più colorato ed atteso del sud Italia Orecchiette Spray OFF. L’evento si è tenuto presso il campo di basket di Conversano, sabato 22 Settembre e per conoscere meglio le novità di quest’anno abbiamo intervistato lo stesso Enzo Rosato.

Come nasce l’idea di dar vita ad una manifestazione dedicata alla cultura metropolitana a Conversano

"Noi abbiamo iniziato a fare graffiti dal ’95. Poi col tempo la cultura metropolitana ha preso sempre più piede tanto che le cose sono evolute e da “quattro gatti”, che eravamo all’inizio, siamo aumentati. Eventi come questi consentono all’opinione pubblica di accorgersi che “Orecchiette spray” non è una cosa per pochi. Questo può essere considerato un vero raduno di cultura metropolitana che unisce tutte le discipline della Urban Culture".

Qual è la novità dell’edizione Orecchiette spray 2012

"Quest’anno come novità abbiamo portato alcuni atleti di parkour: l’evoluzione acrobatica della breakdance. Una nuova tendenza metropolitana che consiste nel muoversi con velocità per la città o in mezzo alla natura, superando ogni ostacolo con agilità e destrezza. Sono dei veri e propri atleti che hanno come obiettivo quello di affrontare in modo creativo, atletico, leggero ed estetico, le barriere naturali o artificiali che trovano sulla loro strada., sfruttando quello che la città offre, come tubi, strutture di cemento, sbarre. La cultura metropolitana non è un fenomeno da baraccone, molti lo fanno come mestiere. Quest'anno abbiamo fatto poi un esperimento".

Ovvero?

"Non abbiamo affisso locandine, ma in internet abbiamo messo un’inserzione “Se diciamo orecchiette voi che cosa rispondete?”. Dopodiché abbiamo lanciato una sola data e sono venuti da tutto il sud d’Italia. È un evento molto atteso, che, negli anni, ha offerto a molti la possibilità di fare qualcosa di buono".

Considerate, dunque, la strada come una sorta di grande museo metropolitano

"Si. Molte sono infatti delle vere opere d’arte. Basta vedere cosa hanno fatto oggi. Abbiamo creato arredo urbano adattandoci al territorio. Un’altra cosa importantissima è che eventi come questo sono deterrente per tutte le scritte vandaliche che stanno in giro in città. È un modo per togliere il grigiore dei palazzi e dare alla città un tono più colorato".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI