Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

18 anni con l'Associazione "Cuori con le Ali"

cuori-con-le-ali-18-anni

È stata ufficialmente inaugurata, presso la sede dell’Associazione culturale Cuori con le Ali, l'apertura del 18° anno associativo. Tra la calca di gente e il rumoroso saltellare dei piccoli artisti, siamo riusciti a fare qualche domanda ad Antonella Nardomarino, la voce narrante dell’Associazione.

Diciotto anni di “impegni con l’arte” sono veramente tanti. Qual è la spinta che ti consente di andare avanti, con così tanta passione?

"Considero l’Associazione come una seconda casa, questa ‘sala prove’ normalmente accoglie l’esercizio delle arti, della danza, del canto e della recitazione; qui, quotidianamente, dopo la scuola, il lavoro,l’adempimento dei vari doveri sociali, diamo libero sfogo alle passioni, alla creatività; è in questa sala e in questa sede che si compie l’importante processo di socializzazione e di crescita dei vostri figli. Questa magica sala, in questi due giorni, si trasforma in ‘teatro’ per accogliere le famiglie, gli amici, e presentare loro le attività, i corsi, gli artisti di questo nuovo anno associativo, il 18° per i Cuori con le ali!".

Qual è il principio ispiratore, alla base della costituzione dell’Associazione?

"Non siamo una scuola di danza, di canto o di teatro: siamo un laboratorio di idee, di ispirazioni, di creatività. Non insegniamo ‘arte’ ma educhiamo all’arte, favorendo l’emersione di quei talenti sommersi che ognuno di noi serba nel proprio ‘IO’. Promuoviamo e divulghiamo la cultura intesa come conoscenza, sapere, ma anche senso critico. Forniamo stimoli e non paragoni perché ogni bambino e ogni ragazzo impari a scoprire la propria unicità e ad apprezzare le proprie capacità".

E quali sono, in prospettiva, le vostre iniziative per l’anno che sta per iniziare?

"Siamo una compagnia teatrale che produce spettacoli originali, che reinventa, riusa e, a volte, ricicla le scene e i costumi perché siamo contro ogni spreco. Contiamo di fare uno spettacolo a gennaio ed uno a marzo, come abbiamo fatto l’anno scorso con “Profili”, rassegna teatrale e musicale, legata alla ricorrenza della festa della donna. Non escludo che possa esserci dell’altro, le idee sono sempre in movimento".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI