Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Approvato alla Camera il Premio biennale di Ricerca Giuseppe Di Vagno (1889-1921)

fondazione di vagno logo

Mentre lentamente calava il sipario sulla XVI Legislatura, alle 18,15 del 21 Dicembre, la Commissione Cultura della Camera in sede Legislativa ha approvato in prima lettura la proposta di legge (n.4333), primi firmatari gli On.li Di Staso (PDL) e Ginefra (PD), che istituisce il Premio biennale di Ricerca Giuseppe Di Vagno (1889-1921), che prevede una borsa di studi ripartita in due anni di €uro 40.000 da assegnare per concorso a un giovane ricercatore meridionale di storia contemporanea, e lo stanziamento per una sola volta di un contributo straordinario per la Biblioteca e l'Archivio storico della Fondazione.

La ricerca storica riguarderà una delle seguenti materie:

-Conflitti e lotte politiche, Socialismo e Riformismo

-Cambiamenti istituzionali regionali e locali

-Dinamiche dei processi di industrializzazione, economici, sociali e del lavoro nella Puglia e nel Mezzogiorno d’Italia del XX° secolo

 

Naturalmente non basta, perché la Legge non è definitiva mancando l’approvazione del Senato; ma certamente potrà ripartire da questo punto fermo il corso della proposta di Legge che sarà presentata subito dopo l’insediamento del Parlamento, e che potrà contare sulla copertura finanziaria già assicurata.

Troppo lungo sarebbe raccontare i particolari dell’intero percorso della proposta di legge e soprattutto della fase finale dell’iter, quando le difficoltà della copertura economico-finanziaria della Legge apparivano pressoché insormontabili, fra:

- le opposizioni immotivate quanto ostinate del Ministro del Lavoro Elsa Forneroad accettare e concedere il consenso del Governo all'esame del provvedimento in Legislativa avendo il Governo concesso la copertura finanziaria su un capitolo di bilancio del suo Ministero
 
- il rotolamento sul bilancio 2013 dell'impegno di spesa ottenuto con un duro lavoro in Commissione Bilancio
 
- le opposizioni della prof.ssa Fornero fino ad una settimana fa, che provocavano le incertezze del Ministero dei Rapporti con il Parlamento.

 

La Fondazione deve dei ringraziamenti:

- innanzitutto, ai presentatori della proposta, gli On.li Antonio Di Staso e Dario Ginefra e alla relatrice On.le Gabriella Carlucci,
 
- al Sottosegretario. all’economia prof. Gianfranco Polillo che ha assicurato la copertura finanziaria, a Rino Formica, prodigo come sempre di aiuto e consigli, e a Lello Di Gioia,
 
- si sono distinti sempre nel corso dell’intero iter dei lavori parlamentari, oltre ai presentatori della Legge, la relatrice On. Gabriella Carlucci e l’On. Lino Duilio quest’ultimo per il prezioso determinante aiuto in Commissione Bilancio.

Una squadra sulla quale si spera poter contare per la nuova proposta di Legge.

 

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI