Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

SAC: l'Ecometrò passerà da Conversano, pronti 400mila €

Le cariche istituzionali e il Sac

Presentato a Conversano nei giorni scorsi, ecco cos’è il SAC

 

L’unione fa la forza e il SAC (Sistemi Ambientali e Culturali) è l’elemento giusto che racchiude questo pensiero, l’unico strumento in mano ai Comuni per poter usufruire di finanziamenti da destinare a progetti per la realizzazione di servizi e dare sviluppo al proprio Paese.

Lo scorso 2 Agosto, presso il museo Pino Pascali, alla presenza di Domenico Matarrese, relatore e responsabile commerciale del progetto, l’assessore Regionale Angela Barbanente, il Sindaco di Polignano Domenico Vitto, la prof.ssa Rosalba Branà e l’assessore alla cultura Marilena Abbatepaolo,  è stato presentato il quarto ed ultimo incontro di conoscenza del SAC: “Mari tra le mura, nel blu dipinto di Puglia”, destinatario di un finanziamento di 1 milione e 800 mila euro dalla Regione Puglia, con il fondo europeo per lo sviluppo regionale (FESR) 2007/2013.

Il SAC è promosso dai quattro comuni, Conversano come capofila del progetto, Mola di Bari, Polignano a Mare e Rutigliano, i quali hanno l’obiettivo di creare un sistema di valorizzazione del patrimonio ambientale e storico-culturale con percorsi turistici. Un rettangolo di paesi limitrofi con molti beni ambientali e culturali che molto spesso sottovalutiamo o consideriamo pochissimo, beni di cui probabilmente anche noi cittadini e residenti in questi comuni ignoriamo l’esistenza. Il SAC, mari tra le mura nel blu dipinto di Puglia, ha l’obiettivo di promuovere il sistema dei beni ambientali e culturali del territorio attraverso una fruizione lenta, coordinata e sostenibile, favorire la destagionalizzazione attraverso un uso integrato di beni e servizi dedicati sia alla popolazione locale che ai visitatori, creare racconti attraverso le voci viventi sul territorio come le guide turistiche e un network internazionale di artisti. Per quest’ultimo punto sarà fondamentale la presenza del museo Pino Pascali con il progetto “Contemporaneamente” per un importo di 300 mila euro e che, come ha spiegato la Branà: “per la prima volta in Europa saranno presenti nel nostro territorio 20 artisti, i quali suddivisi per i quattro comuni incontreranno gli artigiani del posto. In un passaggio successivo creeranno delle opere d’arte moderna figuranti i lavori caratteristici della nostra terra.”

Dunque cinque punti specifici e fondamentali dai quali partire e costruire una vera e propria rete turistica, potenziare la produzione di nuovi servizi museali, collegare i nodi attraverso una rete di itinerari che intrecciano i beni ambientali, archeologici e monumentali dell’intero territorio del SAC, raccontare i luoghi con azioni mirate a laboratori con la guida di esperti del settore, ma anche la valorizzazione del percorso con la connessione tra un bene culturale e l’altro, infine raccordare tutti i servizi attraverso la coesione e collaborazione dei quattro comuni appartenenti al SAC.

Nel frattempo, Conversano ha già iniziato il percorso facendo bandire la gara d’appalto per la fornitura di beni e servizi necessari per l’iniziativa bandiera, dal nome “Ecometrò”.

Insomma, il primo progetto capace di favorire la nascita di un distretto turistico completo attraverso processi di mobilità e di ospitalità, che permette la crescita culturale di un territorio ricco e ancora inesplorato, offrendo una serie di servizi di natura logistica, comunicativa e organizzativa. 

 

L'ecometrò partirà da Conversano

 

L’ecometrò rientra nel progetto SAC – mari tra le mura, nel blu dipinto di Puglia – al quale partecipa e aderisce Polignano a Mare, ma il progetto partirà dal paese capofila, Conversano, per un importo di 400 mila euro.

L’ecometrò sarà costituito da dieci linee articolate in percorsi in bicicletta, risciò, cavallo e a piedi, e saranno contraddistinti di colore diverso. Richiamano infatti l’organizzazione delle metropolitane. La linea arancio sarà riservata per i beni architettonici monumentali, quella gialla per i percorsi enogastronomici e artigianato, la linea viola per i percorsi religiosi, quella marrone per musei e aree archeologiche, la verde per natura e ambiente, quella azzurra rivolta alle residenze artistiche, infine le linee bianca, blu e rossa che saranno riservate a percorsi senza barriere architettoniche fruibili con servizio navetta denominato “InterCitybus”.

Ai fruitori verrà consegnata una card personalizzata con codice a barre, da ritirare presso gli Ecoinfo Point presenti sul territorio. La card racchiuderà i dati del servizio richiesto dall’utente, il quale, per il servizio a noleggio, potrà richiedere una card giornaliera oppure plurigiornaliera.

Quando i comuni avranno allestito le linee e dotato il territorio di mezzi, strumenti e servizi per proporre l’Ecometrò, ed individuato il soggetto Gestore attraverso un bando pubblico, sarà possibile ipotizzare e proporre un tariffario con costi differenziati a seconda del mezzo e della scelta turistica.

Dunque, andando sul sito del comune di Conversano si può scaricare il bando e partecipare alla prima iniziativa turistica-culturale della Puglia.

 

Domenico Torres

 

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI