Mercoledì 20 Giugno 2018
   
Text Size

Conversano: ricostruita la datazione della chiesa di San Lorenzo

Conversano archivio diocesano

 

I Carabinieri e l’FBI trovano una pergamena negli USA. Essa svela la fondazione della chiesa di San Lorenzo a Conversano.

 

Una pergamena del 1400 è stata ritrovata dai carabinieri impegnati insieme con l’FBI in una azione di contrasto al furto di opere d’arte nel 2012. I carabinieri hanno trovato una pergamena datata 16 agosto 1429 istitutiva della chiesa di San Lorenzo “fuori le mura”. La pergamena è stata analizzata dai ricercatori dell’Archivio Diocesano di Conversano diretto da Angelo Fanelli sacerdote professore. Don Fanelli ha tradotto dal latino l’iscrizione.

La pergamena istitutiva del culto della chiesa di San Lorenzo fuori le mura a Conversano. Nella pergamena ritrovata i vescovi sottoscriventi dispongono il culto nella chiesa di San Lorenzo fuori le mura a Conversano e stabiliscono la concessione di indulgenze nei confronti dei fedeli professanti la fede nella stessa chiesa. Il testo del decreto è riportato di seguito nella traduzione offerta da Don Angelo Fanelli: «I cardinali Giordano Orsini, vescovo di Albano, e Ugo Lusignano, detto comunemente “di Cipro”, Giovanni Sanfelice, vescovo di Muro, e Luca Offida, vescovo di Ajaccio, desiderano che la chiesa di San Lorenzo Martire fuori le mura di Conversano venga accresciuta di congrui onori, venga venerata dai fedeli e che costoro confluiscano più volentieri a essa e possano trovarvi con più abbondanza l ristoro della grazia celeste […] Perciò, per la misericordia dell’onnipotente Dio e confidando nell’autorità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, i due cardinali concedono 100 giorni d’indulgenza e i vescovi Giovanni e Luca 40 giorni a tutti coloro che si confessano e con cuore contrito visiteranno devotamente la suddetta chiesa nelle feste di Natale, della Circoncisione di Gesù, dell’Epifania, della Parasceve, della Pasqua, dell’Ascensione, della Pentecoste, del Corpo del Signore Gesù Cristo, della Purificazione, della Visitazione, dell’Assunzione e Natività della Vergine Maria, di San Giovanni Battista, dei Santi Pietro e Paolo, di San Giacomo, di San Giovanni Apostolo e di tutti gli altri apostoli, di Tutti i Santi. E ancora nella vigilia di San Lorenzo nei primi vespri, nel giorno e nell’ottava, e nella dedicazione della stessa chiesa, ovvero a tutti coloro che doneranno i calici, i libri e gli ornamenti o daranno il loro lavoro manuale per conservare o restaurare la fabbrica».

Il patrimonio monumentale della città di Conversano: un asset per lo sviluppo del turismo culturale, religioso con attenzione al dialogo tra diversi. La città di Conversano ha a disposizione un patrimonio monumentale unico costituito da edifici dedicati al culto ma anche da opere architettoniche a testimonianza del potere temporale della famiglia Acquaviva d’Aragona. La presenza nella città di Conversano di una famiglia nobile palatina e di una sede vescovile ha dotato la comunità di opere architettoniche inserite in un contesto naturalistico costituito da una zona collinare, impreziosita dalla presenza di laghi e dalla vicinanza alla costa adriatica. Il patrimonio conversanese consente alla città di avere un vantaggio competitivo assoluto da spendere sia per il turismo culturale ma anche per il turismo storico-religioso. La promozione della città di Conversano sia come città vescovile che come città governata da una nobiltà palatina può consentire sia di ottenere le risorse per tutelare il patrimonio che per far conoscere i monumenti agli stranieri. I percorsi possono essere costituiti anche in collaborazione con i comuni di Mola di Bari, Noicattaro, Rutigliano, Polignano a Mare, Castellana Grotte, per ricostruire i disegni di governo di una città cristiana in grado di esercitare una importante egemonia territoriale in una terra minacciata da guerre di religione. Uno scenario che sembra essere tornato attuale e che potrebbe trovare anche nel dialogo interreligioso una ulteriore chiave per la promozione del patrimonio monumentale conversanese.

 

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI