Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

500 DOCUMENTI RITORNANO DA CHICAGO

archiviodiocesanorepertosigillo
Sono ben 498 le unità pergamenacee, cartacee e librarie appartenenti all’Archivio Diocesano di Conversano e ritrovate a Chicago nell’ambito di una complessa operazione di polizia culturale che ha interessato il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale e il Federal Bureau of Investigation americano.

È questo il favorevole bilancio di una operazione messa in atto il 12 giugno scorso e conclusasi con il rimpatrio dagli Stati Uniti dei seguenti beni: 348 pergamene risalenti al periodo compreso tra il XII ed il XVIII secolo, la maggior parte delle quali presentano ancora i sigilli; 792 libri editi tra il XVI ed il XIX secolo; 409 reperti archeologici integri o frammentati (vi sono diversi frammenti ricomponibili di statuine fittili) scavati clandestinamente in aree archeologiche apule e, in particolare, a Canosa di Puglia (sono stati rinvenuti alcuni bigliettini scritti a macchina che avvolgevano i reperti, con la descrizione e la dicitura “excavated near Canosa (Italy)”; centinaia di documenti manoscritti (singoli e in fascicoli) risalenti al periodo compreso tra il XVIII e il XIX secolo;36 manoscritti cartacei e documenti autografi di politici, letterati, storici e musicisti italiani (Benito Mussolini, Giuseppe Garibaldi, Giuseppe Mazzini, Vittorio Emanuele II, Umberto I, Saverio Mercadante, Giovanni Giordano ecc.); 1 frammento di una reliquia di un Santo di Trani; 2 sigilli di un vescovo di Otranto (LE) e di un vescovo pugliese.

I beni bibliografici e archivistici recuperati sono risultati trafugati in data imprecisata, compresa tra i primi anni ‘70 e gli ’80, da biblioteche e archivi -ecclesiastici o comunali- ubicati quasi esclusivamente in Puglia. Il materiale è stato rinvenuto a Berwyn (Illinois - U.S.A.) nella disponibilità dell’antiquario italo-americano John Sisto, deceduto nel marzo 2007.

Il Dipartimento di Polizia di Berwyn, accorso su richiesta di uno dei due eredi Sisto per dirimere un dissidio familiare, si è trovato di fronte all’oggetto del contendere: l’eredità di John Sisto costituita da 3.500 volumi antichi, manoscritti vari, reperti archeologici, pergamene, francobolli, medaglie, oggettistica del periodo fascista, riviste italiane del primo e secondo dopoguerra ecc.

La Polizia di Berwyn, vista la natura e l’ingente quantitativo del materiale, ha attivato l’Ufficio F.B.I. di Chicago che, a sua volta, individuando l’Italia come Stato di provenienza del materiale rinvenuto, ha interessato il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Roma.

Nello specifico, l’F.B.I., nel constatare la presenza, su diversi libri e pergamene, di timbri e annotazioni manoscritte riconducibili a biblioteche ed archivi pugliesi, ha richiesto al Comando CC T.P.C. di far conoscere se tale materiale fosse di provenienza furtiva e/o frutto di illecita esportazione verso gli U.S.A.

I primi accertamenti, svolti in Italia dal Nucleo CC T.P.C. di Bari -competente per territorio- e dal Reparto Operativo T.P.C. di Roma, unitamente a funzionari della Soprintendenza per i Beni Archivistici della Puglia, dell’Archivio di Stato di Bari, della Biblioteca Nazionale di Bari e dei responsabili degli Uffici Beni Culturali delle Diocesi di Conversano-Monopoli e Trani-Barletta-Bisceglie-Nazareth, hanno permesso di identificare e riconoscere, quali appartenenti al patrimonio indisponibile di Enti civili e religiosi -pugliesi e non- tutti i libri e le pergamene che presentavano, rispetto ai beni custoditi nei rispettivi archivi e biblioteche, elementi univoci di corrispondenza quali
un’identica timbratura ad inchiostro presente sui frontespizi; note di possesso di canonici o di privati che, nel tempo, avevano donato i loro libri o manoscritti alla Chiesa; uniformità di catalogazione di atti (identità di manoscrittura, criteri di segnatura ecc.).

Dopo la prima fase delle indagini svolta in Italia, stante la piena disponibilità delle Autorità statunitensi, personale dipendente ha perfezionato i riscontri direttamente negli U.S.A., avvalendosi, in loco, della preziosa collaborazione dei funzionari della Soprintendenza per i Beni Archivistici della Puglia (BA) e dei responsabili degli Uffici Beni Culturali delle Diocesi di Trani e Conversano. Nel corso degli accertamenti, svolti congiuntamente all’F.B.I., sono stati controllati i 3.500 volumi residui della biblioteca di John Sisto (è stato accertato che negli anni ’70 l’antiquario possedeva una biblioteca formata da circa 70.000 volumi antichi) nonché tutte le pergamene e i documenti manoscritti che, nell’abitazione dell’antiquario, erano accatastati in modo disordinato e in locali umidi, di certo non idonei a custodire materiale così prezioso dal punto di vista storico-scientifico e commerciale (il valore dei beni recuperati è stato stimato in 4 milioni di euro).

I beni, sequestrati e confiscati in favore delle Autorità italiane, saranno restituiti agli aventi diritto al termine di un’esposizione che, programmata dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Puglia per la fine di questo anno presso l’Archivio di Stato di Bari, celebrerà il quarantesimo anniversario dell’istituzione del Comando Carabinieri T.P.C.

Provenienza dei volumi e delle pergamene recuperate:

Biblioteca Diocesana    Trani (BT)    347
Biblioteca Diocesana    Conversano (BA)    498
Archivio Diocesano    Barletta (BA)    124
Biblioteca Diocesana    Gallipoli (LE)    1
Biblioteca Diocesana    Lecce    3
Biblioteca Diocesana    Molfetta (BA)    1
Biblioteca parrocchia del Carmine    Mottola (TA)    9
Biblioteca Diocesana    Gravina (BA)    13
Biblioteca Comunale    Bitonto (BA)    4
Biblioteca Diocesana    Bitonto (BA)    6
Biblioteca Comunale    Toritto (BA)    8
Biblioteca Diocesana    Toritto (BA)    1
Biblioteca Comunale    Noci (BA)    8
Archivio Comunale    Monopoli (BA)    1
Biblioteca Diocesana    Santeramo (BA)    1
Biblioteca Nazionale    Bari    77
Basilica San Nicola    Bari    11
Biblioteca Diocesana    Bari    17
Biblioteca Diocesana    Bisceglie (BT)    2
Archivio Diocesano    Taranto    1
Biblioteca Parrocchiale    Capurso (BA)    1
Biblioteca Diocesana    Bitetto (BA)    1
Biblioteca Diocesana    Bitritto (BA)    1
Biblioteca Diocesana    Giovinazzo (BA)    2
Archivio di Stato    Palermo    1
Seminario    Trivento (CB)    1
TOTALE    1140

Commenti 

 
#2 cristiano diocesano 2009-09-25 12:24
buon lavoro a don Angelo,certo. E' apprezzabile il suo lavoro. Però sarebbe auspicabile che l'archivio abbia un respiro più diocesano e non solo conversanese. Un pò di spazio agli altri comuni della diocesi in fatto di produzione culturale, valorizzazione del territorio e della comunità ecclesiale non guasterebbe. Nella logica della comunione e della ecclesialità. Buon lavoro!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 L4c4p4g1r4 2009-09-25 03:38
Buon lavoro a Don Angelo
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI