Mercoledì 14 Novembre 2018
   
Text Size

PARTE OGGI IMAGINARIA FILM FESTIVAL

imaginariaIIgiorno
Parte oggi la settima edizione d’Imaginaria film festival.  Prestigioso evento cinematografico, dedicato al cinema internazionale indipendente. Quest’anno ospitato dalla Casa delle Arti fino al 15 novembre, il nuovo centro culturale polivalente di Conversano.

Il Festival è patrocinato dalla Regione Puglia, Assessorato al Mediterraneo e Attività Culturali, dalla Provincia di Bari e dal Comune di Conversano e dalla Cineteca di Bologna.
Cinquanta le opere in concorso provenienti da oltre quindici paesi e molte le anteprime regionali e nazionali. Diverse le opere in concorso già premiate da prestigiosi festival fra cui Cannes, Toronto, Venezia, Clemond Ferrant, Torino Film Festival e Sundance Film Festival.

Tra gli eventi speciali del 12 novembre vi segnaliamo la proiezione del film Becket, ore 21.
Un film di Davide Manuli, vincitore del Premio della Critica Indipendente a Locarno e conteso da tutti i festival di cinema indipendente, ma quasi invisibile in Italia. La pellicola un originale omaggio all’opera del drammaturgo Samuel Beckett interpretata da Fabrizio Gifuni, Paolo Rossi e Roberto Freak Antoni fa fatica a trovare spazio nella programmazione delle sale cinematografiche italiane.
Un’occasione da non perdere: il regista e il produttore del film incontreranno il pubblico dopo la visione del film.
Le proiezioni partono ogni giorno dalle ore 18 fino alle 23.30. L’ingresso è di 2 euro, valido per tutta la giornata.
“Becket prende forma dalla necessità di esprimersi liberamente, senza regole e auto-censura. - spiega il regista Davide Manuli - Nasce così, insieme ai produttori Bruno Tribbioli e Alessandro Bonifazi di BLUE FILM, un’operazione retrò, d’altri tempi, dall’ampio respiro cinematografico”.


Sinossi: Freak e Jajà si trovano in una terra di nessuno, senza data né tempo. L'uomo non abita più il pianeta. Solo qualche strano personaggio sopravvissuto appare raramente.
I due protagonisti si incontrano ad una fermata del bus in mezzo al nulla, senza conoscersi. Il bus arriva, ma non si ferma. Era il bus che portava a Godot, il Dio che si è manifestato al di là della montagna sotto forma di sonorità musicale. Avendo perso il bus, Freak e Jajà decidono allora di cercarlo a piedi.
Iniziano così un viaggio che farà loro incontrare i bizzarri personaggi che abitano questa landa.
Purtroppo però verso la fine del loro viaggio Freak e Jajà troveranno la morte prima di arrivare al loro Dio.

Dicono di Beket:

"...in questo film c'è SAMUEL BECKETT, ABEL FERRARA, LUIS BUNUEL, ma soprattutto tanta nausea per il cinema italiano limitrofo."
Roberto Silvestri - IL MANIFESTO

"...celebra le nozze con la letteratura 'BEKET', intelligente film di Davide Manuli."
Roberto Nepoti - LA REPUBBLICA

"...autore di quell'opera speciale che è 'Girotondo, giro attorno al mondo', ora propone un'altro piccolo (solo per budjet e tempi di lavorazione, 13 giorni) gioiello."
Boris Sollazzo - LIBERAZIONE

"...Il film diventa un viaggio non pedante che fa 'incontrare' Cipri&Maresco e Wenders, Straub e Pasolini, il western e l'on the road".
Alberto Castellano - IL MATTINO

"...visto con incredulo piacere, quasi costante, Cipri&Maresco non c'entrano niente, semmai Godard."
Peter Del Monte - SMS

"Bello"
Steve Della Casa - SMS

"Beket, potente e ben fatto."
IL SOLE 24 ORE

INFO:
Mobile 349.52.60.370
Tel/fax 080.237.69.65
c/o Casa delle Arti
Via Donato Iaia, 14
Conversano
http://www.imaginariafilmfestival.org

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI