Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

LA STRADA CON TOSCA E VENTURIELLO

tosca-la-strada-venturiello-norba

Grande successo ieri sera al Teatro Norba per il quarto appuntamento della stagione teatrale 2009-2010. L’iniziativa “Una stagione di prosa” è organizzata dal comune di Conversano in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese. Un teatro per tutti, che ieri sera ha visto salire sul palco Tosca e Massimo Venturiello per lo spettacolo “La strada”, grande capolavoro di Fellini.

Una scenografia importante, splendidi costumi, sei attori ad accompagnare i due protagonisti, e tutti i brani cantati dal vivo. Otto voci intense, una storia struggente, non senza momenti di riso. Venturiello è Zampanò, un saltimbanco che viaggia per l’Italia proponendo sempre e soltanto il suo numero con la catena, Tosca invece è Gelsomina, venduta al rozzo prestigiatore da sua madre per poche lire, unico modo per sopravvivere. La ragazza un po’ tonta, vestita di stracci diventa l’assistente di Zampanò e ne subisce il carattere duro e violento.

DAL CINEMA AL TEATRO - Sin dalle prime battute l’impressione è di essere in un mondo magico, in quegli angoli di Italia che respirano sogni e fantasia. Un’atmosfera a metà tra quella circense e quella reale. I brani musicali senz’altro contribuiscono a rendere questo mix avvincente e a tratti commovente, dove si ride delle donnette con cui si intrattiene il forzuto Zampanò, ma ci si ferma spesso a riflettere sulla solitudine e sulla freddezza con cui tutto il mondo tratta Gelsomina.

Solitudine ben descritta dai monologhi recitati e cantati con la voce splendida di Tosca. Ancora una volta è la magia del teatro a farla da padrona, anche quando a un certo punto qualche inconveniente tecnico sembra minare la serata. Ma tutto si risolve in pochi minuti e lo spettacolo prosegue come e più di prima.

 

PROSSIMO APPUNTAMENTO - 08/02/2010 Teatro Norba di Conversano

Roberto Ciufoli
L’ULTIMO DEI 40
con Vito Ubaldini – percussioni, Dominique Antonacci - voce

Dal teatro alla televisione e viceversa. Dopo i successi riscossi con il quartetto "Premiata ditta", protagonista della scena comica anni '90, Roberto Ciufoli ritorna al teatro con uno spettacolo che alterna divertentissime gag alla musica del percussionista Vito Ubaldini e del poliedrico strumentista Dominique Antonacci. "L'ultimo dei 40" completa il mosaico iniziato da Ciufoli con il monologo "Tre" nel quale traccia, con sano sarcasmo, le linee della solitudine.

 

Commenti 

 
#2 L4c4p4g1r4 2010-02-05 14:59
di che ti lamenti?
sai quanti eravamo, chessò, a guardare Lo Zio di Brooklyn



biblio: www.myspace.com/ciprimaresco
Segnala all'amministratore
 
 
#1 La_rive_gauche 2010-02-04 20:02
Ma se sì è no saremo stati in cento, compresi gli omaggi...
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI