Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

VINOSOFIA: QUANDO IL VINO DIVENTA ARTE

vinosofia-conversano

AL CASTELLO IL VINO PROTAGONISTA DI UNO SPETTACOLO TEATRALE

“Non si beve per dimenticare, ma per ricordare”. È con questa frase che viene presentato lo spettacolo intitolato “Vinosofia”, che si terrà al secondo piano del castello di Conversano. In realtà nello stesso pomeriggio l’esibizione itinerante, con tanto di calice di vino offerto all’entrata, si replica tre volte: alle 18.00, alle 20.00 e alle 22.00. L’ingresso è gratuito, ma è consigliato prenotarsi presso la Proloco dalle 10.30 alle 12.30.

Per la regia di Margie Gigante, le coreografie di Antonietta Ranieri, i costumi di Tania Spagnolo e la collaborazione di Jonny Russo, il vino diventa protagonista di uno spettacolo teatrale, musicale, e di danza grazie alla collaborazione della scuola “Petite Etoile”. Un percorso, che potremmo definire “enopoetico”, che nasce con l’idea di ripercorrere una serie di autori da Parini alla poetessa, recentemente scomparsa, Alda Merini, per capire come questi poeti abbiano raccontato il vino e la sua magia. Un viaggio nella filosofia della bevanda degli dei, che guiderà gli spettatori nelle tre sale del castello, ciascuna allestita per rivelarne un aspetto, un dettaglio, una essenza . Il vino degustato durante lo spettacolo sarà offerto dalla cantina salentina “Vallone”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI