Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

ELEUTERADUE A CONVERSANO

alinapupa

Nei pressi di via Rosselli, a Conversano, ieri sera si è inaugurato il salotto letterario Eleuteradue.

Pupa Leone, Alina Laruccia e Angelo Elefante hanno accolto tantissimi tra amici, parenti e curiosi nella seconda sede di questo salotto dove arte e cultura letteraria si incontrano.

“Una bellissima iniziativa – apre il sindaco di Conversano, Giuseppe Lovascio - che sicuramente mancava nella nostra città. Siamo abituati a frequentare per necessità le librerie per reperire libri scolastici, ma il salotto letterario è un luogo diverso dove ritrovarsi, apprendere e fare cultura”.

“La scelta di aprire anche a Conversano – afferma la signora Alina Laruccia – non è stata dettata da necessità commerciali, bensì abbiamo voluto regalare una parte del nostro sogno e della nostra attività a questa città. Qui abbiamo già realizzato diversi incontri e manifestazioni, come il Festival dei Lettori, e siamo stati accolti, apprezzati e seguiti da tanti appassionati del libro. Abbiamo avuto tanto sostegno dall’intera cittadina e pertanto ci è sembrato opportuno aprire anche qui il nostro salotto letterario”.

“Un grazie a tutti coloro che hanno festeggiato con noi, da Alina al sindaco Lovascio, dall’Assessore alla cultura Pasquale Sibilia agli amici di Turi e Conversano” – sono le parole di Pupa Leone e Angelo Elefante che accompagneranno la signora Laruccia in questo nuovo ed importante progetto.

Nelle scuole, come nei luoghi d’incontro per i ragazzi, il Presidio del Libro, spesso con l’ausilio dell’Associazione culturale Di Vagno, ha realizzato importanti momenti di incontro letterario. Da Giusi Quarenghi a Roberto Piumini, all’importante Festival Dei Lettori che già da diversi anni è un appuntamento irrinunciabile per i conversanesi e non. Una kermesse estiva del libro e dei suoi protagonisti (autori e lettori) e un laboratorio culturale, al quale partecipano attivamente e indistintamente persone di tutte le età, accomunate solo dal piacere di stare insieme in una biblioteca a cielo aperto, in un microcosmo fatto di pagine scritte, da toccare e leggere ad alta voce, in luoghi in cui si incrociano generazioni di libri, di autori e, soprattutto, di lettori.

“Il bene di un libro sta nell'essere letto. Un libro è fatto di segni che parlano di altri segni, i quali a loro volta parlano delle cose. Senza un occhio che lo legga, un libro reca segni che non producono concetti, e quindi è muto”. (Umberto Eco)

Commenti 

 
#2 Pupa Leone 2010-05-29 10:47
caro misterx,(e' piu' facile!!)la Libreria e' in Via C.Rosselli 50,e' anche un salotto letterario x chi,come te,si nasconde dietro uno pseudonimo che non servirebbe se solo avessi il coraggio di mostrare faccia e nome.E comunque va benissimo cosi'!Sono felice di conoscere un "fratello" che fino a ieri non conoscevo,e ancora,io non sono turese,anche fosse cosi' sarei orgogliosa e non sono qui nella bellissima Conversano,dove peraltro ho studiato, per "dettare linea" alcuna a nessuno di voi! Ritengo che Conversano non ha affatto bisogno che nessuno gli detti alcunche'! Al contrario mi aspetto da voi tutti un qualunque insegnamento.Tuttavia grazie x aver espresso un tuo personale giudizio,le critiche sono sempre una risposta positiva a tutto quello che facciamo.Se vuoi,io ti aspetto nel mio salotto-libreria dove l'ingresso e' libero e democratico,un posto dove scambiare quattro chiacchiere tra amici,guardandosi negli occhi.:-)
Segnala all'amministratore
 
 
#1 L4c4p4g1r4 2010-05-21 13:59
Nei pressi vuol dire che non è in Via Rosselli ?
***

E' un salotto o una libreria ?
L'ingresso è libero e democratico ?

A parte la meritoria iniziativa,
i campanilisti sono serviti:
si sono accorti che ci facciamo dettare la linea dai nostri fratelli (ma soprattutto sorelle) Turesi ?
avete colto il segnale ?
solo delle ridicole candidature velleiotarie sapete lamentarvi ?
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI