Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

PRESENTATA LA RICERCA SUL "PROCESSO DI VAGNO"

di-vagno

Lungo gli anni, l’assassinio di Giuseppe Di Vagno, il gigante buono, è sempre stato ricostruito attraverso il trapasso orale, gli articoli di stampa, i pochi documenti d’Archivio. Mai, fino ad oggi, si era avuta la possibilità di consultare gli atti ufficiali come i rapporti di polizia, i reperti giudiziari, le testimonianze processuali e le sentenze.

Questa mattina, con una conferenza stampa, la “Fondazione Di Vagno” ha mostrato i risultati di anni di ricerche compiute ad opera degli studiosi Antonio Leuzzi e Giulio Esposito, i quali hanno ritrovato presso l’Archivio di Stato tutti gli atti del “Processo Di Vagno”. Un processo che si è svolto in due tempi: tra il 1921 e il 1923 fino alla sentenza di proscioglimento degli imputati; e tra il 1945 e il 1947 a seguito della richiesta di revisione fermamente voluta dagli esponenti dell’antifascismo pugliese, che poi ha visto i colpevoli farla franca per merito dell’amnistia.

L’obiettivo di tale ricerca non è la semplice ricostruzione storica dei fatti, ormai compiuta in più occasioni, ma lo studio degli aspetti del clima sociale e politico di quel tempo. Il risultato di questi anni di ricerca sarà una pubblicazione che verrà presentata nel corso del 2011, in occasione del 90°anniversario dell’omicidio del deputato socialista.

Alla conferenza stampa erano presenti l’avv. Gianvito Mastroleo, presidente della “Fondazione Di Vagno”, alcuni dei ricercatori protagonisti di questo studio, il prof Antonio Castorani e il prof. Giovanni Paparella, rispettivamente presidente e direttore generale della Fondazione Cassa di risparmio di Puglia, ente che ha sostenuto economicamente l’iniziativa.

Commenti 

 
#1 danielepasquale5@gmail.com 2010-06-25 22:23
Il lavoro svolto dall'Avv. G. Mastroleo è affascinante e sicuramente ricco di interessanti aneddoti e documenti inerenti la vita di quegli anni bui della nostra città.
Conversano, anche agli albori del fascismo, ebbe il non invidiabile merito di anticipare l'ondata di odio e violenze che contrassegnarono la storia del "ventennio".
Spero e confido nella possibilità che qualcuno della "Fondazione Di Vagno", possa pubblicare un sunto del carteggio. Per me - e so che non sono l'unico! - sarebbe molto importante ...
Adoperarsi per dare il giusto valore alla nostra storia ed alla vita dei personaggi che l'hanno contraddistinta, é solo uno dei grandi meriti dell'avv. Mastroleo.
L'amorevole interesse per la Storia del "Gigante buono", diverrà sempre più, motivo di orgoglio per noi conversanesi.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI