Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

“NESSUN AZZERAMENTO, FISIOLOGICA VERIFICA”

lovascio-sindaco

Dopo la pausa estiva, la vita politica ritorna al centro della scena. Doveroso fare il punto della situazione, intervistando il Sindaco Giuseppe Lovascio. Due i macrotemi su cui abbiamo insistito: assetto politico e questione ambientale. Data l’articolazione delle considerazioni raccolte, proporremo le due tematiche separatamente.

Iniziamo con la “questione politica”

Più consiglieri rivendicano una verifica sugli equilibri della maggioranza. Insiste il ritornello azzeramento-allargamento: qual è la sua posizione?

“L’ipotesi di “allargamento” della maggioranza è sempre stata valida qualora la si intenda, in senso lato, come volontà di condividere con tutte le forze politiche i temi di più stretta urgenza e importanza per lo sviluppo di Conversano. Escludo, invece, a priori il discorso dell’azzeramento: non ci sono i presupposti o l’utilità. Arrivati a metà del mandato, è più che giusto fare una verifica, che non deve essere intesa come accusatoria ma fisiologica. Abbiamo il preciso compito di servire la città, nel momento in cui ci si accorge che in certi settori è strategico apportare delle modifiche lo si fa in tutta tranquillità e auspicando la massima condivisione. Il bilancio dovrà, infine, tenere in considerazione tutta la serie d’intoppi causati non dalla gestione politica ma dagli aspetti organizzativi quali la mancanza di personale e di dirigenti che abbiamo avuto in diversi periodi. Oggi alcuni di questi problemi si stanno risolvendo e sarà più semplice ottenere dei risultati; tutto sta ad avere un’unità politica, come ricordo sempre alla mia maggioranza. Se si ha coesione, si possono rispettare i tempi di un’agenda politica che abbiamo ben chiara”.

Ad esempio quali sono le priorità?

“Entro dicembre avremo dato un assetto definitivo alla giunta e dovremmo avere quasi tutti gli uffici a pieno regime, per quanto è concesso dal patto di stabilità sul personale. Nel settore dell’urbanistica va immediatamente affrontato il piano regolatore e l’ampliamento delle zone produttive. Ripeto: è necessaria la capacità politica non tanto e non solo del Sindaco bensì dell’intera maggioranza: se si comprenderà tale importanza andremo avanti serenamente e seriamente, in caso contrario valuteremo anche dal punto di vista politico cosa fare”.

 Si è parlato di una disparità di atteggiamento per la questione Loiacono e per quella Bugna. Per l’Assessore all’Ambiente, le dimissioni sono state accettate senza colpo ferire, per l’assessore all’Urbanistica s’è avviata un’estenuante trattativa.

“Le due vicende sono completamente diverse. Loiacono aveva una forte volontà di tirarsi fuori e non ha inteso neanche confrontarsi con me o con la sua maggioranza. Ha preso una decisione unilaterale e non discussa, il che mi è molto dispiaciuto. Per quanto riguarda Bugna, è chiaro che ci sono stati e ci sono ancora dei problemi, ne stiamo ragionando insieme ai consiglieri. Mi preme sottolineare che, in attesa degli esiti di questi confronti, Bugna sta lavorando regolarmente senza dunque un vuoto gestionale nell’assessorato. Mi auguro che al termine di questa discussione, indipendentemente da quelle che saranno le determinazioni di tutti, Bugna compreso, i rapporti rimangano integri. Credo che persone che hanno condiviso e lavorato insieme per un progetto non hanno mai motivo d’interrompere i rapporti personali e politici”.

Commenti 

 
#2 Martin Pescatore 2010-09-09 14:51
Credo che dovrebbe essere Conversano nel Cuore a chiarire le difficili situazioni che il proprio rappresentante in Giunta ha determinato. Non pare ci sia stata molta chiarezza da parte di Bugna, ripetutamente sollecitato sulla questione impianto carburanti. Se il sindaco non ha indicazioni non può sconvolgere un assetto che bene o male riesce a sopravvivere.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 R. Zero 2010-09-07 23:17
concordo: in effetti c'è poco da azzerare
(giusto qualche decimale trascurabile)
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI