Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

LANZILOTTA: “BATOSTA DI VENDOLA SUI PENDOLARI”

lanzillotta

Con una nota stampa del consigliere Domenico Lanzillotta (Pdl), si riaccendono i riflettori sull'aumento delle tariffe del trasporto locale.

“Vendola ha atteso agosto per colpire a freddo i pendolari pugliesi, da lui in passato ampiamente strumentalizzati all’insegna della solita, sdolcinata demagogia. Con una delibera del 6 agosto scorso, un aumento improvviso delle tariffe del trasporto locale del 13% si abbatte sui ritorni dei Pugliesi dalle ferie, in un’ennesima sconfessione di tutte le auto-incensazioni della più menzognera delle campagne elettorali, mentre emerge sempre più con tutte le sue conseguenze l’autentico sacco dei conti della Regione.

Una Puglia sempre più povera, con la perdita più alta d’Italia in materia di posti di lavoro, vede caricare sui lavoratori e sugli studenti un nuovo balzello, mentre – per esempio – nelle stazioni della Sud-Est sono in atto faraonici quanto inutili lavori, su cui presto chiederemo ragioni vere, beneficiari, procedure e conti. Il “sogno” vendoliano si sta rapidamente rivelando un incubo. Spiegando ampiamente le ragioni del disperato bisogno di fuga del Governatore”.

Commenti 

 
#4 tea 2010-09-11 13:18
sono d'accordo con franca falcucci i tagli sono stati fatti dall'alto e noi del basso paghiamo le conseguenze.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Beppe Cacciapaglia 2010-09-10 14:36
Per Franca: Le frequenti interruzioni dei servizi, i ritardi, le condizioni igieniche dei mezzi pubblici, il sovraffollamento specie in alcune fasce orarie, costringono all'utilizzo dei propri mezzi, specialmente per chi come il sottoscritto ha obblighi di orari, dovendo, responsabilmente, portare con se altri pendolari. Non è un problema di colore politico, ma il resoconto di una gestione, anche a livello nazionale, che spende e spande, in tantissimi settori, e poi ci si ripiega imponendo aumenti spropositati a chi si deve fare i conti in tasca.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Franca Falcucci 2010-09-10 13:47
Prima di lanciare simili boomerang, il consigliere eletto preferito dal nostro sindaco potrebbe provare a leggere qualcosa di diverso da Feltri-Belpietro e Minzolini.
Scoprirà che lo stesso è accaduto nella regione più allineata a questo regime a colori, a causa dei tagli del commercialista di Sondrio

Citazione:
In Lombardia verranno a mancare 314 milioni di euro, circa il 37% dei contributi pubblici necessari al funzionamento del trasporto pubblico. È questo quanto è emerso venerdì pomeriggio 30 luglio in Regione Lombardia - alla presenza dell'assessore Cattaneo - alla riunione sui tagli al trasporto pubblico derivanti dalla manovra economica approvata dal Parlamento. Dalle proiezioni della Regione, tenendo conto anche della relativa diminuzione di utenza, anche un aumento delle tariffe del 50% coprirebbe solamente poco più della metà del buco economico e provocherebbe una consistente perdita di utenza.

(L'eco di Bergamo www.ecodibergamo.it/stories/Cronaca/146675_dopo_i_tagli_pubblici_aumenti_sui_biglietti_i_pendolari_dei_treni_soluzione_inaccettabile/)

Quanto a quelli di Legambiente, non li vedo utilizzare molto i mezzi pubblici.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Beppe Cacciapaglia 2010-09-10 12:45
Evviva la politica che salvaguard-a (erebbe) giovani e lavoratori pendolari che magari non utilizzano l'auto anche per il rispetto dell'ambiente. Siamo alle pezze!
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI