Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

C.DA MARTUCCI: L'OPPOSIZIONE SCRIVE A SCHITTULLI

schittulli

Durante la presentazione della sesta edizione del festival Lector in fabula, il Presidente del Consiglio Comunale, Pasquale Gentile, ha approfittato della presenza del Presidente della Provincia Prof. Schittulli per consegnare una lettera, sottoscritta da UDC,PD,SEL e Il Centro, contenente circostanziate considerazioni e richieste sui futuri sviluppi del problema discarica.

Di seguito la versione integrale del documento.

 


  

AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI BARI

Prof Francesco Schittulli

e per conoscenza

AL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE – PUGLIA – BARI

AL SINDACO DEL COMUNE DI CONVERSANO

 

Gent.mo Presidente Prof. Francesco SCHITTULLI, siamo a scriverLe in qualità di Consiglieri Comunali appartenenti ai gruppi UDC, PD, SEL ed Il Centro, al fine di poterle rappresentare, atteso che mai prima di oggi ci è stata data la possibilità di incontrarla, il nostro pensiero in ordine alla problematica ambientale che da tantissimi anni vede in particolare il Comune di Conversano sede di una “immensa” discarica di RSU.

Dopo tanti anni di lotte e di promesse, non sembrava vero che il 30 giugno u.s., la cd. “Discarica di C.da Martucci” gestita dalla società Lombardi Ecologia srl doveva cessare la sua attività e con essa lo sversamento del rifiuto tal quale. Infatti, erano stati collaudati i nuovi impianti sia per la biostabilizzazione che per la produzione del CDR.

Quasi come un fulmine a ciel sereno però, sul più bello arriva una sentenza del Consiglio di Stato che mette in discussione tutto l’affidamento per la realizzazione e gestione degli impianti complessi di C.da Martucci, impedendo così l’avvio del nuovo sistema di trattamento del rifiuto.

Nel contempo, non potendo procedere con la chiusura della discarica,giova ricordarlo, viene emessa una Ordinanza a firma del Presidente della Giunta Regionale che prorogava la chiusura di altri 180 giorni. A tal proposito piace ricordare che le volumetrie residue e, diciamo residue per usare un eufemismo, erano già ampiamente esaurite al Novembre 2009. Infatti, a suo tempo, nel corso di una seduta del Consiglio Comunale venne evidenziato e dimostrato che le volumetrie tecniche dichiarate dalla azienda e dalla Provincia in sede di autorizzazione, cose che la preghiamo vivamente di verificare, erano ampiamente superate. Nonostante tutto, pur di non andare in una situazione emergenziale, che avrebbe visto obbligatoriamente l’intervento del Presidente della Regione  Puglia in veste di Commissario per l’emergenza ambientale, la Provincia di Bari, con ordinanza a Sua firma ha emesso un provvedimento che in sostanza riapre la discarica ed autorizza un iniziale sopralzo di cm. 50.

In questa lettera non è intendimento di Chi scrive aprire una polemica sull’opportunità e/o convenienza del provvedimento assunto ma ci preme evidenziarLe come una situazione ambientale così imponente e protratta negli anni sta seriamente danneggiando l’ambiente ormai non più circoscritto al solo sito di discarica, ma inizia a creare serie preoccupazioni anche sulla salute dei cittadini, con particolare riferimento a quelli dimoranti nel Comune di Conversano e nel limitrofo Comune di Mola di Bari.

Atteso pertanto che ad oggi con questa sopraelevazione di fatto la Regione si è svincolata da ogni problema immediato, potendo gestire in assoluta tranquillità tutti i passaggi che porteranno attraverso tempi oggi non certi, ad affidare l’avvio degli impianti, siamo a chiederLe:

-          Di evitare nel prossimo futuro di autorizzare altri sopralzi di qualunque entità;

-          Di far monitorare attraverso i tecnici provinciali e se del caso comunali e regionali tutte le attività di gestione della discarica;

-          Di impegnarsi a non programmare sul territorio del Comune di Conversano e Mola di Bari la realizzazione di un impianto di termovalorizzazione;

-          Di farsi parte attiva con questa comunità al fine di avviare un tavolo di concertazione con i Comuni dell’ATO Bari 5 e gli organismi regionali per poter gestire e seguire pedissequamente la procedura per il nuovo affidamento relativo alla gestione degli impianti affinché i rifiuti vengano biostabilizzati e poi trasformati in CDR idoneo alla termovalorizzazione, potendo solo così mettere fine allo sversamento in discarica;

-          Avviare una volta per tutte procedure certe affinché venga effettivamente corrisposto il tanto decantato ristoro ambientale;

-          Incontrare gli amministratori di questa Comunità affinché possano essere valutate le prioritarie necessità che affliggono il territorio, che in questo momento rischia di perdere anche la locale struttura ospedaliera con grave nocumento per tutta la città.

Nel restare in attesa di un Suo cenno di risposta, Le chiediamo un urgente incontro.
L’occasione si è gradita per salutarla cordialmente.

In rappresentanza dei Consiglieri Comunali
Il Presidente del Consiglio Comunale
Dr. Pasquale Gentile

Commenti 

 
#1 senzapelisullalingua 2010-09-10 13:47
sembra la lettera a babbo natale.
lottate in consiglio comunale affinché venega prodotto all'unanimità una documento chiaro e forte CONTRO qualsiasi ipotesi di inceneritore e di far partire seriamente la raccolta differenziata spinta, l'avvio dell'impianto di compostaggio e magari un centro di riciclo (vedasi Vedelago su youtube) e tutte quelle politiche incentivanti la riduzione alla fonte del "rifiuto".
queste lettere non producono nulla di concreto.
E poi ci diranno che avevano fatto il possibile...
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI