Lunedì 12 Novembre 2018
   
Text Size

I NABABBI DELLA POLITICA PUGLIESE

regioneconsiglio

Gli ex consiglieri della Regione Puglia hanno riscosso le spettanze per  fine del mandato politico. Gli uffici di via Capruzzi hanno così liquidato 40 pagamenti, per un totale di 8milioni di euro. Alla faccia della crisi.

Tra gli altri, ben 235 mila euro sono andati al “monello” Sandro Frisullo. Quest'ultima chicca regionale è davvero “amara” per noi cittadini: l’ex vicepresidente della giunta Vendola 1 (arrestato per concussione nell’indagine sulla Sanità pugliese), ha accumulato la sua indennità da consigliere regionale anche quando era in galera. Un’assurdità? Un'assurda verità, purtroppo.

È l’unico caso italiano, e ciò è avvenuto grazie a una legge regionale creata ad hoc, che gli permette di godersi una pensione vitalizia di ben 10 mila € lordi al mese. Frisullo aveva portato a casa già 152 mila €, a titolo di anticipo sull’assegno di fine rapporto. Insomma, la sua liquidità totale sfiora i 400 mila €.

Per tutto questo gli ex consiglieri regionali devono ringraziare Mario De Cristofaro, il presidente del Consiglio regionale che nel 2003 (legislatura Fitto) fortissimamente volle questa legge-prebenda. Una legge che ha fatto diventare nababbi tutti gli ex consiglieri regionali e che prevede, oltre la vitalizio che si somma alla pensione, un assegno di “saluto” a fine mandato. Un anno d’indennità amministrativa regionale è oggi di 130mila €.

E come se ciò non bastasse, i consiglieri regionali hanno votato nella finanziaria del 2004 una bella legge (la 1/2004 articolo 57) che consente loro di percepire in anticipo l’80% delle spettanze. Di questa legge hanno approfittato 19 politici. C’è da precisare che il vitalizio non è una pensione, e che l’assegno di fine mandato non è una liquidazione (come avviene per chiunque presti la sua attività lavorativa) ma sonante denaro senza trattenute per fondi di categoria.

Ma chi sono coloro che hanno riscosso di più? Presto detto: Giovanni Copertino, che ha svolto 20 anni di mandato in via Capruzzi, e Roberto Ruocco. Il monopolitano ha ottenuto 492 mila euro (mille più del collega di Cerignola). Il conversanese Vitantonio Bonasora dovrà, invece, accontentarsi di soli 129mila euro.

 

TABELLA DEI COMPENSI DEGLI EX CONSIGLIERI

TABELLA_COMPENSI

Commenti 

 
#6 rive_la gauche 2010-09-16 20:56
Oltre a Consiglieri dormienti e inconsistenti come il nostro, anche i soldi a quel politico che andava a escort........
Segnala all'amministratore
 
 
#5 ste.lo 2010-09-14 17:37
Che vergogna..................
Segnala all'amministratore
 
 
#4 Beppe Cacciapaglia 2010-09-12 02:11
L'acqua calda? una pentola sul fuoco ed è fatta!
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Franca Falcucci 2010-09-11 20:22
All'aspirante casalinga di Voghera,
Io mi domando e dico, di questo passo dove andremo a finire ?
E' tutto un magna magna. Si stava meglio quando si stava peggio eh? E le mezze stagioni ? E le tasse chi le paga ? Il buco nell'ozono ?

Facile polemizzare con il puro qualunquismo (chi non sarebbe d'accordo a ridurre i compensi dei consiglieri?) anziché cercare di capire da dove vengono i tagli del governo.

Altri spunti per le sue polemiche:
nonciclopedia.wikia.com/wiki/Mezze_stagioni
www.youtube.com/watch?v=Xh2zJTppRhY
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Beppe Cacciapaglia 2010-09-11 17:53
Per Franca Falcucci: E i lavoratori pendolari, gli studenti, si ritrovano a pagare il 13% di aumento anche grazie a questo. Ormai si toglie ai "poveri" solo per continuare a garantire i privilegi dei politici o ex tali, a prescindere dai danni da loro prodotti. "Parsimonia ammonì il maiale e affondò il muso nel caviale".
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Splutus 2010-09-11 16:46
L'ex Consigliere Regionale di Conversano Vito Bonasora porta a casa oltre 100.000 euro
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI