Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

IL COMUNE CONDANNATO A LIQUIDARE 83 MILA EURO

entratamunicipio

Si chiude uno dei molti contenziosi che gravano sul nostro Comune e, neanche a dirlo, la parte soccombente è proprio quella pubblica.

Il Comune di Conversano è stato, infatti, condannato a pagare 83mila euro per lo studio preliminare alla costituzione di una società mista – con socio pubblico maggioritario – cui sarebbe stata affidata la gestione dei servizi pubblici (manutenzione del verde, servizio mensa, ecc.) e del centro di raccolta differenziata, o di stoccaggio, ubicato in Contrada Martucci.

Per capire l’origine del contenzioso, bisogna risalire all’aprile del 1998: la “giunta Bonasora” per svincolare Conversano dagli “umori dei privati”, aveva avviato le procedure per realizzare una Società per Azioni, avente appunto il 51% di capitale pubblico, commissionando lo studio all’agenzia castellanese “Airò ed associati”. Tuttavia, in una seduta fiume durata fino all’alba, la maggioranza venne meno e il progetto si arenò.

Tanto si ritenne sufficiente per decidere di non rimborsare il lavoro svolto dai professionisti ingaggiati, aprendo un decennale contenzioso. Il risultato è che, dopo 12 anni, la società mista vaga ancora nel limbo delle buone intenzioni e noi cittadini ci ritroviamo a pagare il doppio del costo iniziale – spese processuali incluse – come ha stabilito il Tribunale di Rutigliano, nella persona del giudice Pietro Mastronardi.

L’augurio è che l’attuale giunta esprima inequivocabile volontà di rivalersi sugli amministratori del tempo, addebitando loro il credito riconosciuto.

Commenti 

 
#5 nico mottola 2010-09-23 21:06
.....L’augurio è che l’attuale giunta esprima inequivocabile volontà di rivalersi sugli amministratori del tempo, addebitando loro il credito riconosciuto..

Non c'e' bisogno perche' questi debiti che si chiamano "debiti fuori bilancio" finiscono dritti dritti alla Corte dei Conti e potrebbe emettere -il condizionale e' d'obbligo - il provvedimento per le eventuali rivalse agli amministratori del tempo.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 un cittadino 2010-09-23 14:26
Federalismo comunale con amministratori competenti!!!!E tutti i macellai, carpentieri, falegnami e maestri d'ascia (con tutto il rispetto per le categorie succitate) che siedevano e tuttora siedono nelle poltrone del consiglio comunale devono "pagare" la loro inefficienza!!!!!!A casaaaaaa!!!!Vogliamo giovani competenti e con idee per il nostro Paese, non cialtroni!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#3 ... 2010-09-22 03:08
dopo tanti soldi rubati in regione, il caro ex, x fortuna nostra, consigliere bonasora, può benissimo pagare gli errori commessi. naturalmente sempre accompagnato da chi, in passato, ha mal governato il consiglio comunale.
e ci volesse che ora aumentassero le tasse ai cittadini!
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Ubaldo 2010-09-19 20:53
Sarebbe proprio l'ora di far pagare i CONTI. La realtà che in Italia vige, almeno fra i politici, "Il fatto non sussiste". E IO PAGO.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Gianvito F 2010-09-19 17:21
Amministratori del tempo... Fra cui personaggi che ancora oggi si aggirano fra gli scranni del nostro Consiglio Comunale... E moralizzano! Tutti uguali sono.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI