Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

PROVINCIA: EMERGENZA RIFIUTI NEL BACINO BARI 5

provincia

A scatenare la dichiarazione dell’assessore regionale Lorenzo Nicastro, pubblicata ieri, è stata la conferenza stampa svoltasi lunedì mattina nel palazzo della Provincia di Bari, organizzata dal Presidente Schittuli per fare il punto della situazione.

Il Presidente e l’assessore provinciale Barchetti non hanno usato mezzi termini nel dichiarare lo stato d’emergenza per il bacino Bari 4 e Bari 5 (il nostro) e nel rimarcare il fallimento del piano rifiuti, che non è stato in grado di far raggiungere ai vari Ato (ambiti territoriali ottimali) l’autosufficienza dello smaltimento dei rifiuti e, tantomeno, di  “chiudere il ciclo” predisponendo gli opportuni impianti di trasformazione in energia del rifiuto (i famosi termovalorizzatori), come previsto dell’articolo 182 del decreto legislativo 152 del 2006.

Presenti alla conferenza anche il sindaco di Conversano Giuseppe Lovascio (Presidente dell'Ato Ba 5) e il collega molese Stefano Diperna che hanno  criticato aspramente l’operato del Presidente  Vendola: “Nel luglio del 2009, il governatore fece arrivare in questo nostro sito anche i rifiuti provenienti dal Salento. Ora che la questione è nostra, Vendola non può dichiarare che non ci sono soldi per effettuare il trasporto fuori provincia e non può in nessun modo imporre alla nostra provincia di sopraelevare la discarica come ha fatto lo scorso 4 agosto. Discarica che la stessa regione aveva dichiarato esaurita in tre precedenti circostanze, salvo poi autorizzarne lo smaltimento in regime di proroga”.

“L’unica cosa che può fare Vendola – ha proseguito Lovascio – è dare l’avvio in esercizio straordinario dell’impianto per il Cdr che è completato in contrada Martucci, nel frattempo che si concluda la causa giudiziaria fra il consorzio pugliese Cogeam e il Consorzio Laziale Rifiuti (Co.La.Ri ) che ha ricevuto qualche mese fa la sentenza favorevole alla gestione dell’impianto dal Consiglio di Stato”.

 

Commenti 

 
#1 Vituccio 2010-09-24 12:12
E le ecoballe (leggasi CDR) dove lo mandiamo a bruciare ad Acerra?
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI