Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

COMMISSIONE SANITÀ: S'INSEDIA IL NUOVO DIRETTORE

com.sanit1

Ieri mattina, come da programma, si è riunita la Commissione Sanità per dare il proprio benvenuto al nuovo Direttore del Distretto Socio-sanitario, dott. Vincenzo Gigantelli, stimato professionista oltre che primo cittadino del Comune di Turi.

Ad aprire i lavori, il presidente Gianluigi Rotunno che, dopo aver ricapitolato le iniziative svolte dalla Commissione, si è fatto portavoce di una “comunità scontenta relativamente alla qualità dei servizi offerti”. Sotto il vaglio critico finiscono l’inadeguatezza dei locali dov’è temporaneamente ubicato il Distretto (nelle more della definizione del progetto – già finanziato ma non ancora cantierizzato – della nuova sede); l’assenza di personale amministrativo e la scarsità numerica degli operatori. com.sanit2A questo si aggiunge la sperequazione nell’offerta dei servizi: “Siamo a favore del concetto d’ambito, tuttavia è raro assistere a casi di mobilità degli operatori dagli altri due presidi verso Conversano; il contrario, invece, è sempre avvenuto”.

Gigantelli concorda sulla strategicità di individuare nell’immediato dei nuovi locali e s’impegna a controllare la corretta distribuzione dei servizi.

Segue l’intervento del consigliere Matteo Salzo che, in previsione della prossima riunione del 5 ottobre, suggerisce la presenza di Gigantelli al fine di creare la giusta sinergia tra un “contenitore da riempire” – il Distretto – e un “contenitore in fase di svuotamento” – il Presidio ospedaliero. E in tale direzione, avanza la proposta, ben accolta dal nuovo Direttore, di ubicare il Distretto in ambiente ospedaliero: “Solo così si otterrà un vero e proprio polo medico e non tanti ambulatori scollegati tra loro”.  

Riprendendo l’importanza del concetto d’ambito sottolineata da Rotunno, Salzo tiene a precisare: “Senza voler creare dualismi tra Conversano e Monopoli, per mancanza di controllo la maggior parte dei servizi infermieristici e amministrativi si trova a Monopoli. Ad esempio, mentre Conversano ha un piccolo servizio di senologia, Monopoli può vantare un grande centro territoriale. Stesso discorso per il servizio di odontoiatria, ubicato al San Giacomo senza, tra l’altro, che né la Commissione né qualche consigliere ne avesse contezza. È, poi, notizia di ieri (giovedì 30, per chi legge) che il medico radiologo è stato trasferito a Monopoli, facendo di fatto chiudere il servizio di radiologia dello Iaia”. Solo grazie all’interessamento della Commissione si è riusciti ad evitare quest’ennesima beffa, ottenendo rassicurazione dall’Assessorato regionale alla Sanità sul non ripetersi di tali spiacevoli circostanze. In conclusione: “Ci sono stati ripetuti errori, ora bisogna accentrare il tutto in quella che da sempre è la sede del Distretto, Conversano”.

L’assessore Tina Conserva, nel fare i suoi auguri, prende l’impegno di aggiornare Gigantelli su quello che il coordinamento istituzionale ha fatto e sui progetti che s’intendono realizzare a breve giro. Tra queste iniziative, anticipa la dott.ssa Tarulli, devono essere annoverate l’informatizzazione per medici di base e pediatri, il percorso sui consultori e l’ampliamento del numero degli infermieri – oggi pari a “3 e mezzo” – fino a dieci, che è il fabbisogno d’ambito. Su quest’ultimo punto, Gigantelli invita a segnalare personale qualificato, e soprattutto motivato, da poter reclutare.

Pasquale Gentile, invece, si sofferma sull’assistenza domiciliare chiedendo un aggiornamento dei dati affinché si comprenda la vera esigenza del territorio, commisurandola – senza mero esercizio di promesse – con le risorse disponibili. “Se continuiamo ad avere servizi territoriali così come si presentano oggi e un ospedale in fase di chiusura – precisa il Presidente del Consiglio – c’è da preoccuparsi, soprattutto per le ricadute sulle fasce più deboli”.

Altra richiesta di chiarezza arriva dalla dott.ssa Politano: “Spesso noi medici non sappiamo indirizzare i pazienti poiché non vi è trasparenza sui servizi che un Distretto è tenuto ad offrire”. Oltre alle lungaggini delle prenotazioni, che spingono l’utente a rivolgersi al privato, la Politano denuncia in seconda battuta la discrasia tra medici e Ufficio Ticket: “Se il sabato mattina ci si trova nell’urgenza di eseguire un accertamento, nonostante la disponibilità del medico e dell’analista non è possibile procedere poiché l’Ufficio Ticket è chiuso”.

La Commissione si congeda con la consegna ufficiale della Deliberazione del Consiglio Comunale (la numero 72 del Dicembre 2008) in cui si esprime un chiaro indirizzo su cosa fare di Distretto e Presidio ospedaliero. A breve ve ne riassumeremo il contenuto.

Commenti 

 
#1 Il Servizio di Radiologia di Conversano 2010-10-05 16:40
Riscontriamo la nota del 2/10/20010 contenuta nel sito conversanoweb.com per contestarne integramente e totalmente il suo contenuto, destituito, peraltro, di qualsivoglia fondamento di verità.
Atteso che la succittata pone in evidenza in modo maldestro e malizioso che il Servizio di Radiologia dello “Iaia” è stato chiuso, appare raccapricciante come possano essere divulgate notizie prive di veridicità, prestando il fianco, se il caso lo richiederà, ad interessare i competenti Dirigenti Sanitari.
Ma vi è di più, nella nota si legge che Conversano possiede un “piccolo” centro di Senologia rispetto a Monopoli. Appare lapalissiano che i/il soggetto/i che ha/nno scritto tali inesattezze senza dubbio, o sono totalmente disinformati, o sono in mala fede.

Il Servizio di Radiologia di Conversano
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI