Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

IL CONSIGLIERE PIEMONTESE ABBANDONA IL PD.

penna-stilografica

Il consigliere Raffaele Piemontese ha anticipato alla stampa la decisione di uscire dalle fila del Partito Democratico. Si dichiarerà indipendente senza, per il momento, indicare il colore della casacca che intenderà indossare.

Alcuni hanno ipotizzato una scelta strategica in vista delle prossime elezioni: avere, come si direbbe in gergo, le “mani libere”. Ma, Piemontese spiega con dovizia i motivi alla base della scelta. Principalmente sarebbero due: il continuo scontro tra i due gruppi (DS e Margherita), che si sono trovati a convivere nel PD dopo la fusione a freddo che ne sancì la nascita, e la “pugnalata” del Governo regionale di centro-sinistra ai danni dell’ospedale di Conversano.

Del resto, a ben guardare, la scelta di Piemontese non è certo inaspettata: la prima avvisaglia del “disagio” del consigliere la si era registrata nella lettera del 17 luglio scorso, in cui si argomentavano le ragioni del tardivo rinnovo della tessera del PD:“Non vedo né sento un partito che costruisca le posizioni comuni, un partito che si relazioni con le altre opposizioni”.

Piemontese tratteggiava il tetro bozzetto di un organismo votato all’autosufficienza (e dunque all’isolamento politico), dilaniato dalle polemiche interne: “Io stesso fino ad una paio di mesi fa l’ho frequentato assiduamente – dichiarava perentorio – ma ho trovato solo persone piene di sospetti che non facevano altro che polemizzare con me e con gli assenti”. E i riferimenti erano chiari: il sostegno alla maggioranza elargito in modo “occulto” da alcuni consiglieri che, puntualmente, mancavano l’appuntamento con la condivisione dei documenti firmati da tutte le altre forze di opposizione, e la questione della tessera negata ad Antonio Renna. Vicenda, quest’ultima che spingeva Piemontese a sentenziare: “Nel PD di Conversano non è ammesso il dissenso e questo non può funzionare”.

Le polemiche, insomma, avevano – a parere dell’ormai ex consigliere PD – paralizzato l’attività programmatica e la riflessione sui reali problemi della città, rendendo insostenibile la permanenza.

Sentito telefonicamente il Segretario Saverio Ranieri, ci ha comunicato che – prima di rilasciare qualsiasi dichiarazione – discuterà l'argomento nel prossimo Direttivo (fissato per martedì  5 ottobre), come da prassi consolidata nella sua gestione della Segreteria.

 

Commenti 

 
#6 Dìvide-et-impera 2010-10-04 21:11
L0 significava L =/= 0 (diverso, ma l'escape non ha funzionato)
Segnala all'amministratore
 
 
#5 Franco 2010-10-04 20:14
E vai trucchetto, ancora un colpo dei tuoi....ti manca andare con Dipietro o con Vendola e poi li hai fatti tutti.
Andate a lavorare.....................................la terra!!!!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#4 Dìvide-et-impera 2010-10-04 18:51
matematica elementare
PD=PDL/L (se L0)
Segnala all'amministratore
 
 
#3 senzapelisullalingua 2010-10-03 22:45
PD ?
Chi era costui?

;-)
Segnala all'amministratore
 
 
#2 senzapelisullalingua 2010-10-03 22:44
piemontese cambia casacca?
mica è una novità.
avrà ricevuto qualche offerta più allettante.
mandateliazapparelaterraaaaaaaaa
Segnala all'amministratore
 
 
#1 p.laricchiuta 2010-10-03 15:12
è il primo ma sicuramente non l' ultimo a defilarsi dalle file del PD cittadino. Dobbiamo ringraziare, per la questione in particolare, le dimissioni di chi poi sperava un posto al sol della Regione.
La Sinistra cittadina stava cominciando a pensare d' armarsi&partite xle prox.amministrative tanto profilavanosi prossime venture! vedivedi che ora a spaccarsi è l' opposizione e/o la parvenza di quello che rimane. Di TESSERATI al PD nell' assise comunale restano due consilieri... E' una sconfitta di chi ha lasciato che le cose degenerassero a tal punto; è una sconfitta della linea politica del "volesemo bene&non famose troppo male" ché stiamo sott' al cielo!; è una sconfitta della partecipazione della cittadinanza attiva che comprende le magagne&i giri contorti più di quanto "loro" non immaginino. Ma la storia si sa non insegna nulla, per cui GENTE coytinuate a votare ESATTAMENTE come avete già fatto, il buono di benzina vi farà girar la testa!
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI