Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

UDC: "A CHE GIOCO STIAMO GIOCANDO…"

UDC-logo

Dopo anni di lotte, ricorsi e atti amministrativi di varia natura finalmente una sentenza pareva aver messo la parola fine alla discarica Lombardi in C.da Martucci. Ci si riferisce naturalmente alla sentenza del TAR n. 3536/2010 del 7 ottobre 2010. Nell’invitare tutti i cittadini a leggerla, in quanto pubblicata sul sito del TAR Puglia, ci si rende immediatamente conto delle problematiche affrontate dai giudici e di quanta superficialità determinate strutture abbiano speso nel tutelare l’ambiente e la salute pubblica.

A poche ore dalla citata sentenza arriva la nuova ordinanza del Commissario delegato – Presidente della Regione Puglia Nicola Vendola che di fatto, a prescindere dalla visione contorta di qualcuno, riapre sine die il quarto lotto della discarica Martucci. Tale affermazione trova il suo fondamento nelle seguenti osservazioni. Sebbene l’ordinanza parli di un periodo di trenta giorni il tutto è subordinato alle determinazioni che saranno assunte in ordine al titolo dell’esercizio e all’individuazione del soggetto che vi provvederà a gestirlo, oltre che alla determinazione della tariffa per la gestione complessiva degli impianti, non disgiunto dal costo relativo al recupero del CDR.

Se a questo si aggiunge che la stessa ordinanza afferma che l’utilizzo di tale impianto (biostabilizzazione dei rifiuti e sversamento nella discarica di servizio/soccorso) avverrà per un brevissimo tempo, non superiore ai trenta giorni, ma che comunque deve consentire l’attivazione dell’intero impianto complesso già realizzato, la cosa appare in tutta la sua stranezza e contraddittorietà.

Raggiunge però il fine, ancora una volta, di dividere l’opinione pubblica e le forze politiche. La stessa maggioranza che oggi ci governa non può ignorare le dichiarazioni rese pochi giorni or sono a Conversano dalla stesso Presidente Vendola, il quale a chi lo invitava ad avviare gli impianti complessi rispondeva che lui non voleva rischiare di finire in galera, poiché la cosa non era possibile. Cosa è cambiato in questi giorni?

Ulteriormente è lo stesso TAR che nella sentenza afferma che non vi è notizia sul collaudo di quella parte dell’impianto destinato alla produzione del CDR. Inoltre, già oggi l’impianto di biostabilizzazione non corrisponde nel ciclo di lavorazione agli standard prefissati in ordine all’abbattimento della quantità di rifiuto stabilita in circa il 30%, riducendolo di fatto di poco più del 15%.

Tutte queste considerazioni portano anche a poter dire che qualora, non certo tra trenta giorni, partisse l’impianto complesso si bloccherebbe dopo pochi giorni per due ragioni fondamentali:

1-      il CDR prodotto sarà di qualità non idonea ad essere termovalorizzato per la mancanza di una qualificata raccolta differenziata a monte;

2-      una volta prodotte le eco-balle nessuno oggi è in grado di dire dove saranno bruciate.

In forza di queste affermazioni come possiamo con onestà intellettuale dire alla gente di aver conseguito un successo ed aver evitato un’emergenza ambientale? Spiace costatarlo che ancora una volta le forze politiche presenti nell’assise consiliare di Conversano sono state in buona parte ignorate a prescindere dalle decisioni istituzionali assunte e sostituite di slancio con comunicati stampa, attraverso i quali quella parte politica, rappresentata dal sindaco, informa la cittadinanza del brillante risultato raggiunto.

A mio avviso, come già accennato, questo serve a dividere e a creare confusione facendo perdere di vista il risultato finale. Ossia per evitare che si metta di fatto in esercizio il quarto lotto della discarica  necessità far operare in maniera unitaria tutte le forze politiche provvedendo immediatamente ad impugnare anche quest’ultima ordinanza, essendo tale strumento l’unico praticabile per seguire passo dopo passo l’attività regionale e costringerla a dare corso alle enunciazioni indicate nell’ordinanza commissariale, finalizzata ad avviare entro trenta giorni il ciclo complesso dei rifiuti.

                                                                                                          UDC Conversano       

                                                                                                           Pasquale Gentile

Commenti 

 
#3 senzapelisullalingua 2010-10-14 01:30
Fatevi un giro qua ne vedrete delle belle:
http://www.facebook.com/group.php?gid=112608165463609
Segnala all'amministratore
 
 
#2 DIABOLIK 2010-10-13 18:44
Concordo con pelisullalingua. Incentivi a chi fa la raccolta differenziata ma serrato controllo del territorio con forti sanzioni a chi non si attiva in tal senso, nessuno escluso.
Tutti i comuni devono venire a Conversano con percentuali "europee" altrimenti l'immondizia se la tenessero a casa loro. Eppoi dove bruciare o smaltire le eco...balle di Vendola ? questo Vendola lo deve dire chiaro alla comunità !!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 senzapelisullalingua 2010-10-13 15:51
FATE IL POSSIBILE PER ATTIVARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA DA SUBITO. IL RESTO SONO MIN***TE DA PUERILI MESTIERANTI DELLA POLITICA
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI