Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

L'OPPOSIZIONE: 'ALTO RISCHIO PER CONVERSANO'

consiglieri-opposizione

OGGI POMERIGGIO, ORE 15, C'E' IL CONSIGLIO COMUNALE.

Alcuni consiglieri di minoranza e non solo... promettono battaglia.

“Il bilancio di Conversano è ad altissimo rischio. Manderemo la relazione allegata alla delibera di giunta del 4 ottobre 2010 alla Corte dei Conti”. E’ il grido d’allarme dell’opposizione lanciato ieri sera con relativi emendamenti protocollati lunedì scorso a Palazzo di Città.

Vincenzo Berardi e Michelangelo Corona seduti alle due estremità. Al centro il presidente del Consiglio Gentile affiancato dai consiglieri Coppola, Rotunno e Pasquale Bonasora. Gli esponenti si sono presentati all’appello in aula per la prima convocazione del consiglio comunale. In previsione del fatto che la maggioranza si sarebbe presentata in seconda convocazione, i sei esponenti hanno indetto una conferenza stampa. Una parte dell’opposizione, poiché non si sono visti alcuni consiglieri, uno su tutti D’Alessandro del PD.

LA RELAZIONE - Berardi ha letto alcuni passaggi della relazione approvata dalla giunta a margine della delibera del 4 ottobre 2010: “bilancio di previsione 2010, ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e verifica degli equilibri di gestione”.

“Il bilancio di previsione 2010 – si legge a pagina due della relazione - approvato a fine giugno, si regge su tecnicismi contabili comprese le previsioni di entrate particolari collegate innanzitutto al ristoro ambientale, che sta creando un equilibrio instabile sia finanziario sia economico per il bilancio 2010 tant’è che le previsioni di entrata sono state ridimensionate di € 900mila”.

“Ecco – punta il dito Berardi prima di sferrare alcune cassandre – questa non sembra una relazione approvata da una maggioranza. I rischi che sta correndo il comune sono parecchi. Il bilancio ha notevoli problemi e punti non chiari che questa maggioranza si rifiuta di affrontare. Rispetto a queste problematiche assistiamo a un balletto tutto interno alla maggioranza.”

IL RIMPASTO NON E' DI GRADIMENTO - Il riferimento conclusivo è al rimpasto di giunta con i nomi dei nuovi assessori annunciati in esclusiva dalle nostre colonne. Nomine che una parte dell’opposizione non sembra già gradire: “A nostro parere poco rispondono alle esigenze della città. I nuovi assessori servono solo a tenere in piedi questa maggioranza. Ogni gruppo politico cerca di avere il proprio referente e vedrete che domani ne sentiremo...”

“Nella definizione delle deleghe - rilancia Rotunno - mancano quelle alle politiche giovanili che sono state il cavallo di battaglia di questa amministrazione.”

Che il rimpasto non sia di gradimento anche per alcuni rappresentanti della maggioranza? Staremo a vedere.

GENTILE: 'RISCHIO ASSESTAMENTO' - Sulla ipotesi di assestamento, Gentile entra nei particolari e denuncia una situazione di precarietà: “Ci sono 15milioni di euro di residui attivi del bilancio consuntivo. Di questi, circa 6 milioni non li riscuoteremo mai perché sono somme passate a Equitalia per la riscossione di Tributi ma che riguardano società o persone che non sono presenti. Bisogna fare chiarezza per non creare un tesoretto che non esiste. Vogliamo capire cosa è realmente incassabile? ”

Gentile denuncia alcune “anomalie” su emissioni di fatture. “Ci sono tre fatture emesse nel 2009 per circa 3,5 milioni di euro di ristoro dal 2004 al primo semestre 2009. Soldi che la Lombardi deve al Comune. Queste fatture sono tutte perfettamente numerate e allineate tra loro. Ciò significherebbe che non sono state emesse altre fatture. Un po’ strano. Inoltre, non sono state chieste notizie sulla volontà o meno di pagare, e non esiste un rapporto contrattuale tra comune di Conversano e Lombardi.”

Non è tutto. Il presidente confida di alcune somme che la Lombardi deve per il recupero di energia dai biogas relativi al periodo compreso dal 2004 a oggi. Si tratterebbe di somme contrattualizzate ma non ancora percepite e valutate dalla stessa Lombardi in cifre dell’ordine di 213mila euro dal 2004 al 2009. “La Lombardi - fa notare Gentile - ha fatto un suo conto non documentato. E pensare che quando i comuni del bacino erano dieci, veniva 27lire al kw per un totale di 200milioni di lire all’anno. 213mila euro sono pochi”.

I TRE EMENDAMENTI - Rotunno introduce i tre emendamenti e proposte avanzate dall’opposizione con una nota polemica: “La maggioranza preferisce andare in seconda convocazione. Non è sfuggito a nessuno che il paese è completamente fermo e nel frattempo si preferisce discutere di assessorati senza trovare la quadra.” Per il consigliere Rotunno questa è una “maggioranza che non c’è più”.

“Mentre loro parlano del niente - rivendica il consigliere Rotunno - noi abbiamo presentato questi tre emendamenti.”

In breve si tratta di tre proposte: realizzazione di  un progetto di raccolta differenziata porta a porta sull’intero territorio per un importo di 400mila euro; 300 mila euro per impianti fotovoltaici sugli edifici pubblici; istituzione di un fondo per finanziare idee imprenditoriali nel campo del riuso e riciclo di materiali per 200mila euro. Somme che le minoranze consigliano di impegnare dall’avanzo di amministrazione del consuntivo 2009.

Le progettualità messe in atto dall’amministrazione sul problema rifiuti, secondo il presidente Gentile “non portano a nulla sul discorso della differenziata.”

Qualche ora dopo scopriamo che i tre emendamenti sono stati rigettati, alla consegna dei quali non sarebbero stati rispettati i termini di tempo entro i quindici giorni dalla notifica dell’ultimo consiglio comunale.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI