Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

COMMISSIONE SANITÀ: SOPRALLUGO IN OSPEDALE

ospedale

Quella di ieri mattina doveva essere una Commissione Sanità volta ad accertare che gli impegni assunti durante l’ultima riunione fossero stati onorati. Al contrario, prima che i componenti s’insediassero, è giunta una comunicazione del Dirigente Sanitario di Conversano, Dott. Giuseppe D’Auria, in cui si chiedeva di “aggiornare la convocazione”, in quanto si era “in attesa di indirizzi organizzativi specifici da parte della Direzione Generale”.

“Fuori dalla formule di circostanza – ha spiegato il Presidente Gianluigi Rotunno –  la Direzione Generale non ha dato parere favorevole ad incontrare questa Commissione, volendo evitare che i Dirigenti Sanitari prendessero delle posizioni nella direzione dell’organizzazione di servizi efficienti”.

A seguito di questo ennesimo “strappo” verso un’istituzione che rappresenta i cittadini, Rotunno ha avanzato la proposta – accolta all’unanimità – di spostare la Commissione in Ospedale per costatare di persona il funzionamento dei servizi ambulatoriali e non, denunciando alle autorità eventuali mancanze”.

 

La Commissione Itinerante – La Commissione, accompagnata dal dott. D’Auria, ha passato in rassegna i vari ambulatori, da Chirurgia a Radiologia, dal Centro trasfusionale alla Struttura Complessa di Geriatria, interloquendo con i vari responsabili – quando presenti – su tutte le criticità che quotidianamente si devono affrontare e sulle possibili soluzioni.  In attesa di fornirvi un resoconto dettagliato di quanto accaduto, pubblichiamo un contributo video in cui il Presidente Rotunno e il consigliere Pasquale Bonasora tracciano un bilancio complessivo.

Rotunno è chiaro: nessuna delle promesse è al momento stata onorata, anzi  continua l’emorragia di personale infermieristico da Conversano a Monopoli. Un’unità per il mese di ottobre ed una per il mese di novembre vanno a rimpinguare le forze in capo al San Giacomo, mentre il nostro reparto di Geriatria continua ad essere sottodimensionato (16 anziché 20 posti) proprio per carenza di personale. E tra l’altro, convince poco la temporaneità del trasferimento, giacché temporanea – limitata al solo periodo estivo – era anche la chiusura dei reparti di Chirurgia e Ortopedia dello “Jaia”, ad oggi ancora fermi.

Conversano è un serbatoio di Monopoli” – conclude il consigliere Pasquale Bonasora, rintracciando nel Dirigente Sanitario di Monopoli, Dott. Sansonetti, la responsabilità di “essere venuto meno all’impegno di predisporre tutti quegli atti che, senza il coinvolgimento della Direzione Generale, possono essere sufficienti per rendere migliori i servizi sul territorio, anche grazie all’Ospedale di Conversano”.

Commenti 

 
#9 sabio 2010-11-06 20:11
per angelo lorusso 2, 3, 4 , 5 ..
quando si parla di cose serie, alla tua età, è meglio zittire!
Segnala all'amministratore
 
 
#8 danielepasquale5@gmail.com 2010-11-06 13:01
"paesà" è molto informato sulla realtà della Sanità locale!
Ho un sospetto: non sarà mica il simpatico "banditore" cittadino del Centro Destra?
Quello beneficiato dal provvidenziale intervento di un noto avvocato e amministratore cittadino?
" ... solo quanto verrà reso operativo si potrà parlare.il dirigente medico di monopoli da quello che sò si muove dietro direttive della direzione generale,inoltre siete bravi ha sparlare su tutti ... "
Segnala all'amministratore
 
 
#7 A. Palazzeschi 2010-11-06 02:34
uè paisà (sei un genio)

ha ha ha ha
sò sò sò sò
e e e e
fà fà fà fà

(psycho killer, qu'est-ce que c'est?)
Segnala all'amministratore
 
 
#6 Angelo Lorusso2 2010-11-05 21:19
sabio sei ridicolo
Segnala all'amministratore
 
 
#5 danielepasquale5@gmail.com 2010-11-05 20:26
Le tante mutine nell'intervento di "paesà" dovrebbero indurre tutti ad un ossequioso silenzio!
Segnala all'amministratore
 
 
#4 Il Terribile 2010-11-05 20:18
Caro Sabio, la tua nota e' illuminante e sono totalmente daccordo. Ti posso garantire che l'impegno del Sindaco Lovascio e' nella direzione che tu hai ben illustrato e questa ipotesi di lavoro è stata gia' annunciata in piu' occasioni anche in quella ufficiale del Consiglio Comunale in una seduta monotematica sulle sorti dell'ospedale conversanese. Il problema come sempre sono le risorse. Perche' va bene a riprenderci la struttura, va bene a fare un accordo con l'Università di medicina, ma poi chi paga i servizi ? Sforziamoci con l'aiuto della redazione di creare un forum e prendere spunti di casi in Italia che potrebbe dare una volta tanto soluzioni alla politica.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 sabio 2010-11-05 14:49
Ospedale senza memoria e politici senza scrupoli.
Al di là di quelle che possono essere le mie e le vostre personali convinzioni politiche su un tema che è sostanzialmente umano e serioso (con la salute non si scherza), vorrei cercare di entrare nella testa dei miei concittadini (politici e non) per fargli ripercorrere, finalmente, una sequenza a dir poco paradossale degli eventi che hanno stravolto la vita di tutti i cittadini e di tutta la città di Conversano. In seguito, forse, se tutti saremo capaci di essere prima di tutto cittadini (vedi la Francia, Tersigno ecc), potremo andare anche fuori della nostra città fino ad arrivare a Bari, alla Regione Puglia, della quale, hainoi, facciamo parte.
Soltanto due osservazioni, la prima provocatoria, la seconda reale:
E’ rilevante, prima di tutto, ricordare che il “Nostro Ospedale” è stato fondato con risorse di un privato cittadino, quel famoso Florenzo Jaia dal quale prese anche il nome. Ora, se l’ospedale è di nostra proprietà, e su questo nessuno può metterci il naso, possiamo benissimo tornare a gestircelo. Facciamo tornare le suore che per tantissimi anni lo hanno mantenuto attivo e lo facciamo diventare un ospedale “privato”.
Mi son preso la briga di andare in giro per il paese e per questa mia voglia di un “ritorno al passato” mi sono avvalso di interviste sul campo fatte ai “vecchi della domenica”, agli anziani giocatori di carte, a quelli all’ombra degli alberi, ai nonni seduti in fila sul marciapiede davanti alla società operaia e artigiana, alle anziane casalinghe che ramazzano il davanzale di un vicolo stretto o innaffiano le piante. Le domande sull’esistenza del vecchio ospedale del paese, che richiedevano una risposta alla loro memoria, talvolta impossibile o muta, talvolta pronta e dotta, al loro orgoglio di paesani, il più delle volte sorpresi, ma sempre gentili e consolatori per l’insistente mio interesse verso un loro ricordo, hanno avuto sempre un esito positivo, anche se il paragone con la presente situazione è assolutamente mortificante.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Il Terribile 2010-11-05 13:00
Ancora non lo avete capito...? Per sanità e ambiente per come siamo messi dobbiamo ringraziare Vendola & Compagni, !!! Rincorrere proposte ragionevoli è inutile perchè vengono sistematicamente disattese. Lo si legge e lo sente dalle parole imbarazzate degli esponenti della sinistra radicale di Conversano, che stanno coprendo di ridicolo a forza di difendere l'indifendibile. Lo abbiamo visto anche per la questione discarica. Vendola e la sinistra, quando conviene loro se ne fottono delle marce di protesta, di sentenze del TAR perse. L'essenziale e vivacchiare, anzi sognare, sognare, sognare, e raccontare le solite favole troppo lontane dalla realtà.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 paesà 2010-11-05 10:29
la ormai cronica sittuazione dei piccoli ospedali porta ha una riflessione,non credo ha una parola di quanto letto nell'articolo pubblicato da voi,in primis bisogna ragionare con la testa e non con i piedi.la sittuazione dei piccoli ospedali e scritta nell'atto aziendale,che solo quanto verrà reso operativo si potrà parlare.il dirigente medico di monopoli da quello che sò si muove dietro direttive della direzione generale,inoltre siete bravi ha sparlare su tutti,perchè non invitate il direttore generale in commissione,in modo che l'unico titolato ha dare delle risposte.domanda,il dott.d'auria che ha perso il posto a responsabile dell'ospedale,facendo in questo cosa vuole da questa sanità che fà acqua,vuole la promozione ha un posto di rilievo grazie alla politica?ci sono altre cose più urgenti da proporre e non dare veleno!!!saluto paesà
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI