Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

PROPOSTA DIRETTA DEI CONSIGLI COMUNALI

municipio

Vi proponiamo di seguito il testo della mozione, recentemente presentata dai consiglieri Mottola e Lorusso, inerente la possibilità anche per Conversano di trasmettere, in diretta o in differita, i lavori dei Consigli Comunali sul sito web del Comune.

Una proposta che troverebbe la sua ragione nella volontà di rispettare il presupposto della “trasparenza d’esercizio dell’azione amministrativa” nei confronti di tutti i cittadini, anche quelli che, per i più vari motivi, sono impossibilitati a presenziare in aula consiliare. Inoltre tale operazione agevolerebbe il contatto tra giovani e Amministrazione incrementando, come dimostrano altri Comuni che hanno adottato identico provvedimento, i momenti di partecipazione alla vita politica della propria città.

Spazio, come al solito, alle vostre opinioni.

 


 

 

Al  Presidente del Consiglio Comunale

Dott. Pasquale GENTILE

Al Sindaco Avv. Giuseppe LOVASCIO

Al Segretario Generale dott. Franco MANCINI

Ai  Sigg. CONSIGLIERI COMUNALI

 

MOZIONE: TRASPARENZA CONSIGLIO COMUNALE 

OGGETTO: Pubblicazione delle sedute Consiliari sul sito web del Comune.

Premesso che:

il comma 4 dell’art. 39 del Regolamento del Consiglio Comunale  “Informazione sull’attività del Consiglio Comunale” cita che: “il Consiglio Comunale assume, ispirandosi a principi di obiettività dell’informazione e di pluralismo informativo, idonee iniziative per favorire e promuovere la pubblicità dei lavori del Consiglio mediante trasmissioni radiofoniche, televisive e informatiche, dirette o registrate”

• Tra gli obiettivi prioritari della Pubblica Amministrazione vi è la trasparenza e il miglioramento del rapporto tra Cittadini e Amministrazione Comunale come indicato all’articolo 124 dello Statuto Comunale “Il Comune assicura e promuove la più ampia partecipazione di tutti i cittadini, alle scelte politiche e amministrativa dell’Ente, secondo i principi stabiliti dall’art. 3 della Costituzione”; “Il Comune riconosce e garantisce altresì  alle formazioni sociali ed ai singoli cittadini il diritto ad una informazione completa ed imparziale sulle attività amministrative e sui servizi pubblici comunali, come condizione per favorire la partecipazione popolare. Le informazioni sono accessibili anche mediante il sito web istituzionale del Comune e mediante pubblicazioni periodiche”.

• a tal proposito esistono già gli strumenti legislativi che regolano tali aspetti, e in particolare il “Codice dell’Amministrazione Digitale” definito con il Decreto legislativo n.82 del 7 marzo 2005 e successivamente integrato con il decreto legislativo 4 aprile 2006, n.159, che rappresenta una vera rivoluzione, offrendo opportunità di partecipazione democratica e trasparenza senza precedenti; l’Art. 9: “Lo Stato favorisce ogni forma di uso delle nuove tecnologie per promuovere una maggiore partecipazione dei cittadini, anche residenti all’estero, al processo democratico e per facilitare l’esercizio dei diritti politici e civili sia individuali che collettivi.”

• quanto in oggetto, è espressamente sancito dagli indirizzi generali di governo che quest’amministrazione intende raggiungere

Rilevato che:

• Tutti i programmi politici dei candidati Sindaci alle elezioni amministrative 2008, mettevano in risalto l’importanza dell’informazione e della trasparenza dell’attività politica.

• Il Sindaco e il Consiglio Comunale hanno più volte rimarcato la volontà di improntare il loro mandato nell’ottica, per l’appunto, della trasparenza d’esercizio dell’azione amministrativa;

VISTO che: esistono opportunità, praticamente a costi limitati, di inviare sulla rete internet flussi video/audio in diretta o in differita; i costi per la ripresa di materiale video e audio sono limitati e la tecnologia attuale rende molto pratica e semplice tale realizzazione.

• le sedute del Consiglio Comunale sono pubbliche e sono la massima espressione del lavoro istituzionale dell’Amministrazione Comunale;

• tutti i consiglieri sono pubblicamente eletti e svolgono una funzione pubblica durante il Consiglio Comunale.

• tutti i consiglieri ricevono un compenso dai contribuenti per la loro presenza in Consiglio Comunale. Pertanto secondo i principi costituzionali devono rispondere a tutti i cittadini del loro operato. Ed i cittadini devono poter venire a conoscenza dell’attività amministrativa delle loro persone elette.

• molti cittadini, per problemi di salute, di lavoro, famigliari, non possono partecipare direttamente a tali sedute.

• viviamo in un periodo di grande sfiducia nel mondo della politica in generale, ed un intervento che avvicini l’amministrazione alla cittadinanza potrebbe essere utile ad aumentare la partecipazione dei cittadini alla vita politica.

• già numerose amministrazioni locali hanno adottato la decisione di rendere pubblico il consiglio comunale, testimoniando che nulla osta al  rispetto delle privacy già garantita dalle normative vigente.

• Il garante della privacy s’era già espresso nel 2002 in nel merito della pubblicazione in streaming dei Consigli Comunali in riferimento alle normative vigenti (d.lg. n.267/2000).

Verificato che: una operazione che può favorire la puntuale informazione, è la video pubblicazione dei lavori dei Consigli Comunali sul sito web del Comune;

• la videoregistrazione, essendo realizzata al solo scopo documentativo e dovendo essere adattata ad una distribuzione via internet (quindi con requisiti qualitativi modesti), può essere effettuata da una postazione fissa, senza la necessità di un operatore specializzato ed utilizzando uno dei numerosi mezzi che la tecnologia mette ormai a disposizione.

• in tal modo si favorisce i cittadini, sopratutto giovani, di poter entrare in contatto più facilmente con l’attività amministrativa.  I Comuni che hanno adottato tale politica di diffusione delle informazioni hanno riscontrato un deciso un sensibile incremento della partecipazione diretta dei cittadini alle attività dell’amministrazione comunale;

• l’eventuale successo dell’iniziativa porterebbe a lievitare il numero di accessi con benefici anche per le altre sezioni del sito web;

Si impegna  il Sindaco, la Giunta e il Presidente del Consiglio Comunale affinchè: vengano avviate le azioni necessarie per adottare quanto prima le modifiche al regolamento del Consiglio Comunale di Conversano  per rendere possibili le riprese delle sedute del Consiglio Comunale, e predisporre l’immediata pubblicazione in streaming nel sito web del Comune.

Chiediamo pertanto che la presente mozione venga iscritta nell’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale.

Conversano,  9 Novembre 2010

                                                    I Consiglieri Comunali

                                                           Nico MOTTOLA

                                                    Massimo LORUSSO

                                                          

                                                          

 

Commenti 

 
#14 Intellegenti Pauca 2010-11-18 18:24
no io non mi chiamo Gianvito Fanelli, né voglio dare patenti di correttezza.
Davo sfogo ai miei 2 neuroni finalmente riappacificati. :-)

Sono d'accordo sulle mozioni (la nuova ma anche la vecchia) se mi si precisano costi e modalità, onde evitare le figure barbine di cui all'articolo sulla selezione per i cercatori di numeri civici.
Segnala all'amministratore
 
 
#13 Gianvito F. 2010-11-18 13:50
Non faccio il difensore d'ufficio. E' che mi fanno ridere certe situazioni. Prima si chiede più trasparenza, poi la si rifiuta dicendo che i consigli comunali sono uno spettacolo indecente. Ma allora, dove arriveremo così? Si critica a prescindere. Non sto facendo il difensore d'ufficio, sto facendo la persona che ragiona sui fatti e reputa se essi siano positivi o negativi per la comunità. La diretta web sarebbe un fatto positivo, a mio parere. Ma forse, più che la diretta, andrebbe bene la sola differita, anche più economica. Mi accontenterei anche di vedere il Consiglio Comunale on demand, senza far spendere al Comune euro per potenziamento banda, server farm ecc,, sfruttando anche un sitarello come YouTube (il cui account premium non costa certo migliaia di euro).

A parte questo, ho la correttezza di firmarmi. Mi chiamo Gianvito Fanelli. Tu?
Segnala all'amministratore
 
 
#12 danielepasquale 2010-11-18 00:46
scusate per i tanti ... pò(po')
Segnala all'amministratore
 
 
#11 danielepasquale 2010-11-18 00:44
Se qualcuno vuol vedere lo spettacolo sul web, è giusto che lo paghi ...
E' un pò come andare al teatro, al cine, al ... circo o allo zoo!
Segnala all'amministratore
 
 
#10 Intellegenti Pauca 2010-11-18 00:04
Gianvito
e tu, con tutti quei neuroni, ridotto a fare il difensore d'ufficio di una maggioranza di basso profilo tenuta in piedi con i trucchetti ? che pena...
Segnala all'amministratore
 
 
#9 p.laricchiuta 2010-11-17 18:26
è meglio se il Comune come ente, a prescindere da qualunque contratto che lo leghi all' esterno in questo caso con conversanoweb o altri giornali e/o mezzi di trasmissione online, mettese sù il proprio canale live E delle commissioni E dei consigli comunali. ci sono svariati strumenti opensource (a costi estremamente limitati) che si potrebbero uilizzare a tale scopo SUL sito del comune. ma siamo sicuri che Conversano necessiti di ciò? proprio di questo servizio o chessò, dell' accessibilità delle delibere nella loro forma piena(allegati compresi)via web?
In definitiva, una bella camminata a piedi o coll' autobus perennemente vacante sarebbe meglio di una visione sedentaria... non siamo ancora una metropoli in cui spazio&tempi di percorrenza sono proibitivi. Poi, un Mottola o un Tuccino "live" sono qualcosa che non si può nè descrivere nè comprendere se non fisicamente presenti "sopa pòst!" :lol:
Segnala all'amministratore
 
 
#8 Gianvito F. 2010-11-17 16:09
E non fanno la diretta, e vuol dire che hanno qualcosa da nasconodere.

E la fanno, e sono uno spettacolo indecente.


Mettete d'accordo i due neuroni del cervello, please!
Segnala all'amministratore
 
 
#7 Amo Fax 2010-11-17 15:47
ma va?
l'Amo esce di sabato?
terribile!
Segnala all'amministratore
 
 
#6 Jader Jacobelli 2010-11-17 15:42
Ma no, Lofano farebbe molta più audience di Mottola, ma anche molti altri piccoli CettoLaqualunque stanno crescendo.
Un po' (e non pò) di pazienza.
Segnala all'amministratore
 
 
#5 Francesco 2010-11-17 13:41
Con lo spettacolo indecente che offre l'assise comunale meglio di no, se Mottola vuole un pò di visibilità facesse delle cose concrete per la Città.
E lui che in lavora per il gruppo telenorba, al massimo si facesse riprendere dalla sua emittente.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 IndyRecta 2010-11-17 13:19
anche io sono d'accordo
(ma cambiate nella mozione frasi sgrammaticate come
"in tal modo si favorisce i cittadini, sopratutto giovani, di poter entrare in contatto più facilmente con l’attività amministrativa.")

Mi piacerebbe sapere quali sarebbero i costi della realizzazione e pubblicazione sul sito del Comune e magari anche della diretta in streaming (attività lodevolmente già sperimentata da questa testata)

A proposito, cara redazione, che ne direste di una bella inchiesta sul sito istituzionale del Comune che documenti chi e come ci lavora e i costi relativi ?
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Il Terribile 2010-11-17 13:08
Anche io sono d'accordo. In questa maniera possiamo sentire dalla viva voce dei protagonisti della politica conversanese le dichiarazioni che effettivamente fanno in Consiglio senza essere "interpretati" da giornali di comodo (specie quelli che escono il sabato)
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Mario Panessa 2010-11-17 09:50
Sono completamente d'accordo!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 danielepasquale 2010-11-17 06:39
i vigeo su you tube ...
un pò di gloria per Conversano.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI