Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

IMPIANTO VIA GOBETTI: ULTIMI AGGIORNAMENTI

VIA-GOBETTI---BORRELLI

Durante il Consiglio Comunale di lunedi 22 novembre, si è tornati a parlare dell’impianto di carburanti di via Gobetti.

Il 13 agosto 2010 il Comune di Conversano ha convocato una conferenza dei servizi, nel cui ambito si sarebbe raggiunto un accordo tra l’Amministrazione e la ditta Edileco. Il 15 settembre 2010 la ditta in questione ha prodotto un progetto di variante.

Tramite un’interrogazione consiliare datata 8 novembre e presentata da Rotunno, alcuni consiglieri di opposizione hanno richiesto approfondimenti riguardo la gestione della particella 704 – il vecchio stabile in disuso – e la disposizione delle uscite.

In dettaglio, si chiede “la motivazione tecnica per cui in conferenza dei servizi il Comune abbia assentito all’utilizzo di un uscita direttamente sulla rotatoria di via Lorenzo il Magnifico”, quali sono stati “i provvedimenti adottati dal Comune di Conversano nei confronti dell’Edileco” laddove è ovvio che vi è stata un irregolarità (uscita sulla rotatoria realizzata prima del rilascio della variante, smantellamento marciapiedi ed espianto degli alberi senza autorizzazione).

Per quanto riguarda il vecchio fabbricato, l’Edileco – nella relazione tecnica (pag. 4) prodotta in allegato alla richiesta di variante – intende inoltre realizzare, al piano interrato, “una tavernetta accessibile da una scala interna con affaccio su un atrio (…), al piano primo la realizzazione della zona notte (…)”. Alla luce di questo l’interrogazione presentata chiedeva conto di “cosa risponde l’Amministrazione Comunale a quei cittadini proprietari di zone tipizzate a servizio del vigente PRG”.

Per ciò che è attinente ad eventuali sanzioni a carico della Edileco, l’Assessore all’Urbanistica Scazzetta ha ammesso che “dal punto di vista dell’Amministrazione non è stato preso nessun provvedimento”. Scazzetta ha, invece, assicurato che per quanto riguarda la gestione della particella 704 non ci sarà nessun tipo di abitazione, bensì la struttura potrà essere ricostruita – con le stesse volumetrie – soltanto se questa sarà destinata a servizi utili alla comunità.

Il consigliere Rotunno, a nome dei firmatari dell’Interrogazione ha espresso soddisfazione in riferimento a quest’ultima dichiarazione, tuttavia ha messo in evidenza “l’inconcludenza dell’Amministrazione” per il modo con cui il resto della vicenda  stato gestito.

Commenti 

 
#4 mario.b 2010-11-25 07:43
trovate un altro caso dove e' consentito....dire ferma con la crisi di lavoro che vige in questo paese....tanto a voi che avete il posto fisso cosa ve ne frega....e facile parlare.......w il distributore........
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Giuseppe 2010-11-24 08:58
Trovate un altro caso in Italia dove è consentito l'uscita da un distributore su una rotatoria. Se esiste allora concedete il permesso, diversamente saremmo unici anche in questo. Vorrei proprio vedere un TIR nelle manovre, da paralizzare il traffico.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 DarioMora detto Lele 2010-11-23 20:36
A futura memoria, propongo alla commissione per la toponomastica un cambio di nome per la strada in oggetto:

Via Bugna-Bugna
(già Via Gobetti, quando c'erano gli alberi)
Segnala all'amministratore
 
 
#1 mario.b 2010-11-23 18:39
dai a finire....almeno..lavoreranno..10...persone.....
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI