Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

MOBILITÀ, LA MOZIONE DI ROTUNNO E BONASORA

municipio

Pubblichiamo di seguito il testo della mozione, protocollata oggi, a firma dei consiglieri Gian Luigi Rotunno e Pasquale Bonasora, i quali interrogano Sindaco e Giunta sulla necessità di attuare una pianificazione strategica del flusso di traffico che interessa il nostro territorio, al fine di giungere ad una forma di mobilità sicura e sostenibile.

 


 

Al Sindaco
All’Assessore alle Politiche del Territorio
All’Assessore alle Politiche Sociali

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO
AI CONSIGLIERI COMUNALI

 

OGGETTO: MOZIONE PER UN PROGRAMMA PER UNA MOBILITA’ SICURA E SOSTENIBILE A CONVERSANO

Conversano risente dei problemi legati al sistema della mobilità urbana sia per quanto attiene al traffico veicolare all’interno della città consolidata sia per quanto attiene al Centro Storico.

Le recenti iniziative circa la regolamentazione della ZTL, dei parcheggi a pagamento, presentando alcune criticità da risolvere ed essendo comunque iniziative positive, rischiano di non dare i risultati attesi in quanto non rientrano in un’attività complessa di pianificazione dei flussi di traffico e di organizzazione della mobilità cittadina.

Anche le scuole di Conversano di ogni ordine e grado hanno mostrato una grande sensibilità al tema tanto da partecipare a numerosi bandi e iniziative della Regione Puglia per promuovere nuovi modelli di comportamento negli spostamenti a partire dai cittadini più giovani.

Anche in questo caso ogni singola attività non è stata posta a sistema  a causa della mancata programmazione delle politiche sul territorio e le iniziative sono terminate con l’esaurirsi delle risorse economiche messe a disposizione dalla Regione Puglia.

La congestione di traffico, anche quello pesante, ha delle evidenti ripercussioni sulla qualità della vita, sulla sicurezza degli utenti della strada soprattutto quelli deboli, sull’ambiente e la salute dei cittadini in genere (a tal proposito va ricordata la pubblicazione di una ricerca sull’obesità infantile legata alla mobilità promossa dalla Commissione Speciale Sanità del Comune di Conversano, la Regione Puglia –CREMSS- e la ASL BA con il patrocinio del Comune di Conversano. I risultati di tale ricerca offrono numerosi spunti di riflessione e la possibilità di pianificare anche in riferimento ai risultati scientifici presenti nella ricerca).

Per queste ragioni il Consiglio Comunale impegna il Sindaco e la Giunta a promuovere un articolato piano per la mobilità sicura e sostenibile da attuarsi secondo le seguenti azioni che devono trovare posto nelle disponibilità economiche del bilancio di previsione 2011:

  1. Azioni di pianificazione e organizzazione della mobilità urbana
  2. Azioni di partecipazione
  3. Azioni di sensibilizzazione

Si propone, nello specifico:

  • L’istituzione di un Ufficio di Mobility Management con la nomina del Mobility Manager (decreto del 27 marzo 1998, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 3 agosto 1998, n. 179). Tale ufficio curerebbe l’organizzazione, del Piedibus mettendo in rete le esigenze delle scuole, in stretta correlazione con le esigenze delle famiglie e all’interno del Piano dei Tempi. E curerebbe insieme ad altri enti, quali la ASL e le scuole stesse, l’organizzazione del sistema di mobilità al fine di ridurre l’utilizzo degli autoveicoli privati.
  • La realizzazione di una pista ciclabile all’interno della città con relativa approvazione del Piano per la Mobilità Urbana (PUM) e la realizzazione di un Piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche su ogni infrastruttura dedicata alla mobilità lenta e sostenibile.
  • La realizzazione di un programma di attività socio-culturali capace di animare il Centro Storico altrimenti destinato ad un completo isolamento dal resto del tessuto urbano. A tal proposito va ricordato come il nostro Centro Storico ha bisogno sicuramente della ZTL ma ha soprattutto bisogno di essere vissuto come luogo partecipato nella quotidianità e non solo in occasioni particolari.
  • La promozione di particolari itinerari specifici per il “turismo a bassa velocità”.
  • La sottoscrizione di protocolli formali e sostanziali con la ASL BA, con il distretto sociosanitario per la prevenzione delle malattie cardiovascolari e metaboliche legate ad un programma per la mobilità sicura e sostenibile, da condividere con i medici di base e i pediatri di libera scelta.

Conversano 26 gennaio 2011

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI