Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

DISSESTO IDROGEOLOGICO, PUGLIA 'SCIPPATA DAL GOVERNO'

regione-puglia

Approvato l’emendamento 2.33 al cosiddetto decreto “mille proroghe”: “Al fine di finanziare le spese conseguenti allo stato di emergenza derivante dagli eccezionali eventi meteorologici che hanno colpito il territorio, nonché per la copertura degli oneri conseguenti allo stesso, è autorizzata la spesa di 100 milioni di euro per ciascuno degli anni 2011 e 2012”.

Lo stanziamento sarà così ripartito: 90 milioni per la Liguria, 60 per il Veneto, 40 per la Campania e 10 milioni di euro per i comuni della provincia di Messina colpiti dall'alluvione del 2 ottobre 2009 .

A suscitare l’ira della Regione Puglia, ed in particolare dell’Assessore alle Opere Pubbliche e Protezione civile Fabiano Amati, è che i finanziamenti in favore di Liguria e amatiVeneto verranno prelevati dal Fondo FAS, destinato alle sole regioni meridionali al fine, tra l’altro, di mitigare il grave dissesto idrogeologico.

“È in corso l’ennesimo e volgarissimo scippo di risorse a carico della Puglia e delle regioni meridionali, con l’originale copione che questa volta anche alcuni senatori liguri del mio partito (PD, ndr) stanno reggendo il sacco” – commenta Amati in un comunicato diffuso dalla Sala stampa della Giunta.

“Ennesimo” se si ricorda la vicenda analoga delle “quote latte” e, soprattutto, se si considera che il governo nazionale non inserì la Puglia tra le Regioni alluvionate, adducendo come motivazione la mancata presentazione della “stima degli interventi emergenziali necessari”; peccato che nessuna Regione lo aveva fatto, comprese Liguria e Veneto che ora – a differenza della Puglia – si trovano a poter usufruire di un apposito capitolo di spesa.  

“È da fuori di senno – continua l’Assessore – ostacolare la messa in sicurezza del Sud del paese che rischia di morire inghiottito dal dissesto, così come con serietà e garbo sta segnalando purtroppo inascoltato il Prefetto Franco Gabrielli nei primi mesi del suo mandato di Capo Dipartimento della Protezione civile”.

Amati s’è impegnato a chiedere nei prossimi giorni un incontro con il Ministro Prestigiacomo e il Prefetto Gabrielli, oltre che a segnalare l’accaduto ai membri del Governo e ai parlamentari meridionali, affinché sanino “la storia peggiore dopo quelle delle multe per le quote latte”. Infine, sarà concordato un confronto con il segretario Bersani e i due capigruppo in Parlamento, Finocchiaro e Franceschini, al fine di “richiamare a maggiore coerenza i parlamentari settentrionali del PD che violano con i fatti la linea politica del partito”.

Commenti 

 
#6 315 2011-02-15 12:06
Bello? lo Zimbello d'Europa semmai
espresso.repubblica.it/dettaglio/b-zimbello-deuropa/2144567
e noi appresso a lui
Segnala all'amministratore
 
 
#5 daniele pasquale 2011-02-14 18:49
Per garantirsi l'immunità, il bello d'Arcore continua indefesso a stuprare gli interessi del sud con i suoi compari (i bovari della fantomatica Padania!). Con buona pace dei suoi fidi ed accondiscendenti elettori ...
Il vento cambia però! Speriamo presto in un salutare tornado.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 paesello 2011-02-14 12:06
no no ci sono anche altri: tutto il pdl e quelli che pensano al pd federale (vedi alla voce chiamparino)
Segnala all'amministratore
 
 
#3 cittadina 2011-02-14 10:34
Ma come, non era la Lega che faceva i danni al Sud ?
Segnala all'amministratore
 
 
#2 ... 2011-02-14 09:21
speriamo davvero che i "parlamentari meridionali" facciano qualcosa!!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 TEA 2011-02-14 08:58
ma quanto mai sto governo pensa al sud spero che stia finalmente arrivando al fine
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI