Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

CONSIGLIO SOSPESO, LE DICHIARAZIONI DI UDC E SEL

aula-conversano

Prima di riportare le considerazioni dell’UDC e di SEL, ripercorriamo brevemente le principali tappe dell’ultimo Consiglio comunale.

Dopo le comunicazioni preliminari – tra cui merita attenzione la dichiarazione dei consiglieri Piemontese e Di Mise di aderire a “La Puglia Prima di Tutto”, la lista creata da Fitto in appoggio elettorale al PDL – si è passati al primo punto all’ordine del giorno: la discussione politica sulla presunta carenza d’imparzialità del Presidente del Consiglio, Pasquale Gentile.

Il confronto si è concluso con la consegna a tutti i consiglieri di un documento redatto da Gentile, nelle cui conclusioni lo stesso s’impegna a “seguire ancora più pedissequamente le norme regolamentari invocate e a contemperare le esigenze della propria parte politica con quelle della carica istituzione rivestita, senza tuttavia far venir meno l’attenzione sui temi d’interesse generale”.

Il Consiglio veniva, dunque, aggiornato alle ore 15 per la discussione delle interrogazioni e delle mozioni presentate dall’opposizione. Ad apertura della sessione pomeridiana non si raggiungeva il numero legale e l’assise veniva sciolta.

In risposta a quanto accaduto, i capigruppo dell’UDC e di SEL hanno diramato il seguente comunicato stampa:

“È il primo esempio, quello della maggioranza di Conversano, di una compagine che si ingrossa con i transfughi ma non riesce ad assicurare la presenza in Consiglio Comunale. Nel momento in cui avremmo dovuto affrontare temi delicati quali quello del ristoro ambientale per far entrare nelle casse del Comune di Conversano risorse economiche dovute dalla ditta Lombardi, la maggioranza guidata da Lovascio ha disertato i lavori del Consiglio ed è scappata via dalla discussione. Cosa ha da nascondere la maggioranza sulla questione del ristoro ambientale?

Ormai ci troviamo di fronte ad una situazione paradossale. Le opposizioni presentano interrogazioni e mozioni per discutere e risolvere i problemi e la maggioranza, oltre a non proporre nessun atto al Consiglio Comunale, fugge e manda deserte le sedute perché non è in grado di rispondere ai quesiti posti.

Durante il Consiglio Comunale del 28 febbraio 2011 avremmo dovuto discutere, tra l’altro, del ristoro ambientale dovuto al Comune di Conversano, del progetto di riqualificazione della Villa Garibaldi, del programma per una mobilità sicura e sostenibile, dell’avvio dell’impianto complesso di gestione di rifiuti, della restituzione alle casse comunali delle spese sostenute dal sindaco per un suo comizio politico.

Mentre noi sottoponiamo questioni importanti, la maggioranza evita di parlarne e rimane nella sua splendida torre d’avorio rinviando ogni tipo di soluzione dei problemi”.

 

I capigruppo

UDC (Unione di Centro)                              Angiolino Coppola

SEL (Sinistra Ecologia e Libertà)                  Pasquale Bonasora

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI