Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

COVITO: “LA CONOSCENZA È LA MADRE D’OGNI SUCCESSO”

conversano-nel-cuore-logo

Dopo l’inaugurazione del Movimento politico-culturale “Conversano nel Cuore”, vi proponiamo l’intervista rilasciata qualche giorno fa dal Consigliere Cosimo Covito, capogruppo dell’ex lista civica, che ci permette di darvi qualche anticipazione sulla riunione di questa sera.

 

covitoQual è l'obiettivo di questo nuovo spazio?

Riuscire a stare con la gente e in mezzo alla gente, creando un punto d’incontro dove far confluire richieste, perplessità e istanze dei cittadini. In secondo luogo, Conversano nel Cuore ha sempre rivendicato la propria autonomia, la volontà di poter scegliere in piena libertà e coscienza, condividendo le proprie idee con tutti, che non vuol dire seguire quello che è deciso dagli altri. Infine, noi paghiamo lo scotto di una frammentazione del voto cittadino nell’elezione dei rappresentati negli enti sovraordinati. Sappiamo bene che, in assenza di rappresentati in Regione e Provincia, Conversano continuerà a essere l’ultima ruota del carro. Il nostro proposito, dunque, è invitare i cittadini a far convogliare la propria preferenza su persone della nostra comunità: facciamo quadrato e troviamo insieme questi candidati, mettendo da parte il colore della casacca e le private aspirazioni; valutando solo lo spessore delle proposte che devono rappresentare l’intera comunità.

 

Avete già in mente alcuni punti sensibili su cui avanzare proposte?

Intendiamo lavorare, da subito, sull’approfondimento tematico delle questioni più urgenti per la città. “La città deve conoscere”, questo è il nostro slogan. Conoscere per evitare che le soluzioni siano calate dall’alto e, sic et simpliciter, debbano essere accettare. Viceversa, dobbiamo essere noi cittadini i promotori di quella che riteniamo la migliore politica per Conversano.

 

Il primo punto all’ordine del giorno?

In anticipazione, posso dirvi che affronteremo il problema rifiuti. Il nostro intento è coinvolgere le numerose associazioni, che stanno lottando per la chiusura del terzo lotto, insieme a esperti come il prof. Franco Fanizzi, uno dei molti conversanesi valorizzati fuori e dimenticati nella propria città. Se qualcuno con la propria conoscenza e competenza è in grado di dare un contributo importante, piuttosto che giocare al massacro noi preferiamo farne tesoro. Alla fine, vogliamo approdare a una soluzione, ratificata con la stesura di un documento, che sarà nostro onere porre all’attenzione dell’amministrazione comunale, provinciale e regionale. Chi siede nelle poltrone di Provincia e Regione, prima di firmare un altro atto deliberativo, deve pensarci due volte. Inoltre, vorremmo, provocatoriamente, portare la gente a visitare Contrada Martucci: ognuno di noi deve realizzare che esiste un “quartiere dell’immondizia”; un’intera area seriamente compromessa per i prossimi 150 anni.

 

La sua visione sulla chiusura della discarica?

Se si vuole che questa chiusura abbia un senso, va chiesta subito l’attivazione degli impianti e la precisa destinazione delle eco-balle. Aggiungo che non si può pensare di andare avanti unicamente con i termovalorizzatori – impianti sicuri solo fin quando vi è un controllo costante dei filtri e degli altri meccanismi di vigilanza. Perché non sostituire il petrolio bruciato dagli altiforni con il CDR? In questo modo si avrebbe una duplice utilità: non si appesantirebbe il livello d’inquinamento e l’imprenditore avrebbe un combustibile a basso costo. A dire  il vero, questa ipotesi l’ho sentita un anno fa nei corridoi della Regione, non è poi seguito nessun riscontro, probabilmente perché ci sono grossi centri d’interesse. Ora, nessuno vuole che questi centri smettano di lavorare, ma devono rispettare gli interessi della comunità.

 

Centri d’interesse anche politico?

La politica, a ogni livello, ha un grande peso nelle scelte gestionali. L’Amministrazione, insieme a tutti i consiglieri comunali, ha lottato per espletare gli adempimenti per la chiusura di C.da Martucci. Il punto è che Vendola ha usato il rifacimento del Piano Rifiuti elaborato da Fitto come cavallo di battaglia per la sua campagna elettorale. Personalmente, condivido che quel piano poteva essere migliorato; tuttavia, se per cambiare si fanno cose peggiori o si rimane inerti, ci si assume una grave responsabilità. Recentemente, il Governatore ha organizzato un incontro all’Isola. Ho partecipato e sono andato via umiliato: ancora una volta Vendola ci ha preso in giro parlando dell’impossibilità giuridica di avviare gli impianti. In realtà, ben sappiamo che i poteri straordinari consentono di superare ogni limite normativamente imposto.

 

Le numerose ordinanze, “contingibili e urgenti”, avrebbero legittimato il ricorso ai poteri straordinari.

Infatti, queste ordinanze sono provvedimenti caratteristici di una difficoltà nella gestione dei rifiuti e averli reiterati, a mio avviso, è già un’illegittimità: non si può reiterare all’infinito un istituto che è nato per l’eccezionalità. Si finge di non sapere, si fa leva su gratuite illusioni e si continua a non partecipare alla vita politica di Conversano, nonostante i ripetuti inviti. L’inettitudine del governo Vendola è chiaramente trasparsa non soltanto nella questione rifiuti ma anche nella sanità, che – vi anticipo – sarà oggetto del secondo ciclo di approfondimenti.

Commenti 

 
#8 finitura 2011-03-26 15:43
già vi conosciamo!
Segnala all'amministratore
 
 
#7 beppecand. 2011-03-20 21:04
In parte il consigliere Covito ha ragione, però deve ammettere che l'attuale governo cittadino, come altri in passato hanno una sola politica [mod]. I danni all'ambiente di Conversano sono evidenti, ma con la [mod] che Vi contradistingue, nonostante Vi reputate uomini di legge non avete il coraggio di denunciare i veri malfattori, Vi accontentate del piatto di lenticchie. Poveri noi che brutto esempio per i posteri.
Segnala all'amministratore
 
 
#6 un cittadino 2011-03-20 10:51
egregio consigliere COVITO,faccia una promessa alla città, del tipo:
cari concittadini vi prometto che nella prossima campagna elettorale non parleremo piu' del problema discarica perchè avremo raggiunto la quota di percentuale prefissata nel programma elettorale del 50% di raccolta differenziata!!!!Egregio avvocato invece di stare a sollevare critiche, anche se giuste e fondate, cercate di non perdere il senso dell'attività di governo, poichè anche voi avete fatto delle promesse pesanti in campagna elettorale e vostro malgrado la popolazione tutta che vi ha votato le ricorda benissimo. auguri.
Segnala all'amministratore
 
 
#5 falchi&colombe 2011-03-19 15:12
“La città deve conoscere”, Chi siede nelle poltrone di Provincia e Regione, prima di firmare un altro atto deliberativo, deve pensarci due volte.finge di non sapere, si fa leva su gratuite illusioni e si continua a non partecipare alla vita politica di Conversano, nonostante i ripetuti inviti. Consigliere Covito ma a che area politica appartieni? Dite agli altri quello che la maggioranza di cui fai parte da tre ANNI omette di fare? Non discolpatevi così...assumete le vostre responsabilità che sono tante e non provate a far dimeticare le cose serie!!ristoro, inquinamento delle falde postgestione ecc... Cittadini siate critici e attenti...troppe cose non tornano
Segnala all'amministratore
 
 
#4 Il pacione 2011-03-18 12:29
Il piano regionale dei rifiuti è miseramente fallito, questa fuor di ogni presa di posizione è la realtà. L'Ato Ba 5 ha fallito perché non è stato capace di mettere in opera il compito, neanche tanto complesso, che aveva ricevuto dalla regione. I comuni hanno fallito perché non sono stati capaci di mettere in pratica soluzioni, anche impositive, atte ad incrementare la raccolta differenziata. Il fallimento c'è stato su tutti i fronti, anche da parte dei cittadini, quasi nessuno escluso. Gli unici a far cassa i detentori della discarica. Ora ci troviamo a piangere sul rifiuto versato...
Segnala all'amministratore
 
 
#3 giuseppe 2011-03-18 09:33
l'unico rimpianto è avervi votato,errore che non si ripeterà più.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 coco 2011-03-17 20:33
agli amici "vendoliani" perchè tentate di difedere l'indifendibile?
perchè tentate ad ogni costo di dare un senso ad un operato che è a dir poco sciocco. Perchè 2 pesi per la stessa misura? Meditate gente, meditate ....
Segnala all'amministratore
 
 
#1 giuseppe 2011-03-16 20:30
leggo l'intervista,al consigliere covito,è degna della più bella trasmissione di cabaret zelig,si condanna l'inettitudine del governo vendola,ma lui si è mai chiesto se a conversano c'è una maggioranza che governa?
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI