Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

RAFFAELE CAPOTORTO: “ADESSO BASTA”

lettera

A seguito dell'intervista al Consigliere Pasquale Coletta, in cui si spiegavano le ragioni della sua autosospensione, pubblichiamo la personale riflessione di Raffaele Capotorto, uno dei componenti del Direttivo del Partito Democratico di Conversano.

 


 

... Ed oggi tocca l’autosospensione del GRUPPO COLETTA!!!

In un anno dal congresso di giugno 2010 il PD di Conversano da 4 consiglieri comunali è passato ad uno solo (vicenda Tedesco, permettendo).

Non può unirsi ciò che è nato diviso. Il PD di Conversano nasce da una somma di capibastone della politica locale che nelle elezioni amministrative del 2008 hanno dato il massimo di se: il gruppo ROTUNNO – ex DS, il gruppo COLETTA – ex Margherita, il gruppo – D’ALESSANDRO ex socialisti e poi il gruppo PIEMONTESE –  se stesso da sempre con i suoi “trucchetti”.

Tutto ciò veniva poi riportato nei due congressi susseguitisi, in cui le ripartizioni/spartizioni di tesserati e membri del direttivo veniva rispettato in modo scientifico, con garante l’attuale segretario Rino Ranieri (non ex) repubblicano.

Tutto ciò però non poteva durare molto ed il partito ha cominciato a perdere pezzi, segnando la sconfitta della politica della mediazione tra i diversi capibastone.

Prima se ne andato/cacciato ROTUNNO, poi PIEMONTESE, adesso COLETTA e se il gruppo al Senato del PD vota a favore dell’autorizzazione all’arresto di TEDESCO scommetto che toccherà a D’ALESSANDRO.

Ci metto in questo le dimissioni del vice segretario del Circolo FRANCESCO SOLFRIZZI, giustamente respinte dal segretario, ma che alla fine ha portato all’allontanamento del gruppo dei GIOVANI DEMOCRATICI.

Che fare a questo punto? Il partito, pur dopo la bella e riuscita iniziativa con l’on. Violante di Venerdì scorso organizzata dal segretario Ranieri, deve chiedersi cosa deve fare: continuare ad organizzare bei convegni o prendere atto che la linea della mediazione tra le troppe e diverse anime del PD è fallita e bisogna fare qualcosa?

Io penso che ciò che resta del direttivo del PD di Conversano dovrebbe fare una sola cosa: prendere atto della sua sconfitta politica, comunicare la data del nuovo congresso con all’ordine del giorno il rinnovo delle cariche del circolo, chiedendo alla federazione di Bari un garante esterno che gestisca il tesseramento 2011 ed organizzi il congresso. Dopo di che ciò che rimane al direttivo è una sola cosa: rassegnare le proprie dimissioni.

Dopo questo atto il PD di Conversano dovrà rimettersi alla volontà dei cittadini e di coloro che vorranno rimettersi in gioco seriamente in prima persona e non in nome e per conto del pacchetto di tessere che hanno portato in dotazione.

Grazie

 

Raffaele Capotorto (non Lello)

componente del direttivo del PD di Conversano

Commenti 

 
#12 AntonellaIntartaglia 2011-03-28 14:00
Grazie Raffaele. E come dice un nostro caro "amico": ora ci sentiamo meno soli! A prestissimo!
Segnala all'amministratore
 
 
#11 raffaele capotorto 2011-03-25 18:32
.......... sì forse per omonimia.
Segnala all'amministratore
 
 
#10 senza rancore 2011-03-24 20:42
vedremo vedremo!!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#9 daniele pasquale 2011-03-24 15:49
meno male che Silvio c'è!
Ad Arcore solo cene tra amici amanti del "bello" e ... del fondoschiena.
Lui mantiene le promesse (a volte è vero, purtroppo!)....
Se non ci fosse stato lui, l'Italia sarebbe sul lastrico (adesso fortunatamente è "alle pezze"!) ...
Questi "comunisti", son così fanatici e spietati che, quando erano piccoli, si mangiavano da soli ...
I cittadini "bianchi" però, sono meno colorati dei "rossi" e per questo quindi sono "moderati" e ... settari.
Le stagioni, per colpa dei comunisti, non sono più quelle di una volta ...
Se ci sono troppi gay, è colpa della degenerazione dei "rossi" ...
Quando andremo alle urne (se ancora avremo occhi) ... vedremo.
Segnala all'amministratore
 
 
#8 coletta pasquale 2011-03-24 12:35
se per capibastone si intende impegno continuato per il partito, messa a disposizione di ogni tipo di risorse da quelle umane a quelle organizzative, disponibilità a fare gli uomini di fatica, rinunciare ad attività ludiche per garantire la partecipazione ai vari momenti di confronto ed elettorali interni al partito ebbene sì sono un capobastone, inoltre la tua presenza nel direttivo deriva da che? se dalla spartizione scientifica mi sorprende la tua posizione attuale, se invece è dovuta alla omonimia mi sorprende ancora di più.
Segnala all'amministratore
 
 
#7 un cittadino bianco 2011-03-23 20:36
per angelo lorusso2
stiamo ancora subendo i danni provocati dai rossi con falce e carrello e dai rossi col garofano. non credi? credi che la gente queste cose non le ha vissute sulla propria pelle? una cosa é certa: il 1994 se non ci fosse stato berlusconi, oggi tutta la nazione sarebbe ROSSO COMUNISTA.quando saremo chiamati alle urne vedremo.se poi le sue tradizioni sono di cultura affine al rosso, rideremo meglio.
Segnala all'amministratore
 
 
#6 rossocomunista 2011-03-23 10:57
se fosse così semplice... forse è l' ora di abbandonare il progetto maggioritario piuttosto che cercare di rifondarlo con altri capibastone,forse+giovani ed inesperti sarebbe più facile bruciarli! nemmeno l' incipiente&prossima sconfitta alle amministrative potrà cambiare qualcosa,visto il clima che già si respira più di una parte politica a suon di "ma chi siete voi" starà affilando le lame politiche. a Putignano hanno creato DeL (Democrazia e Libertà)... un' idea malvagia.
Segnala all'amministratore
 
 
#5 Angelo Lorusso2 2011-03-23 10:56
aahahahahaahaha... i rossi comunisti... giuro, mi viene da piangere quando sento ancora ragionare in questi termini.

Anche alla luce del fatto che le idee comuniste sono già belle ammuffite e abbandonate da quasi tutti.

è già tanta sfida per noi italioti garantirci un sistema democratico, figurarsi le idee successive.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 un cittadino bianco 2011-03-22 23:13
era ora. bravo pasquale.dopo tanti anni anche a conversano succederà che i rossi comunisti non avranno neanche un rappresentante in consiglio comunale.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 daniele pasquale 2011-03-22 19:32
Quoto Raffaele,
mi sembra una posizione molto critica ma, assolutamente realistica. Questa Dirigenza ha realmente fallito.
Le colpe di questa rovinosa debacle però, le possiamo condividere in tanti ... Sia tra coloro che, sin dall'inizio han dubitato delle capacità strategiche e diplomatiche del Gruppo Dirigente e sia tra quelli che ad esso si sono affidati.
Io vedo una profonda diffidenza, che spesso sfocia in vera e propria apatia, tra gli elettori ed i simpatizzanti della Sinistra. Certo c'è chi come Raffaele (Non Lello) ed i GD, hanno combattuto per cambiare il corso degli eventi ma c'è anche chi non ha capito che bisognava lasciare spazio a quei giovani che hanno voglia di buttarsi con il loro bagaglio di sani principì e freschi entusiasmi nell'agone politico. La disfunzione che ha creato questo spropositato "corto circuito", di volta in volta, è sembrata provenire da Rotunno e Renna, poi da Coletta e Piemontese, forse, nel prossimo futuro proverrà da D'Alessandro e Todisco ... Però, se davvero fosse così, se davvero questi uomini rappresentano solo loro stessi ed i loro interessi, perchè tra tanta gente parimenti degna, l'elettore ha suffragato proprio loro? Perchè dunque, non cominciamo noi per primi a voltare pagina nelle urne? E, perchè un Partito che vuole rappresentare il "Nuovo" si affida sempre alle stesse persone che tra un salto e l'altro da un partito ad un tramezzino, continuano ad incantarci? Perchè se il Pd decide di cambiare resta comunque ancorato a vecchie logiche di pacchetti e pacchettini?
Comunque, tanto di quel che c'era, sembra perduto ... Adesso è necessario ricostruire! Non ci resta quindi che affidarci davvero alle giovani leve per voltar pagina, ... questa volta.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 lasvoltagiusta 2011-03-22 18:24
bravo raffaele!!!
con un pd, senza capi-bastone ma rispettabile...
forse una speranza di riscatto per il centro-sinistra ci potrebbe essere...
intanto vediamo quanti concordano con te sulla necessità di dimettersi dall'attuale direttivo e convocare un nuovo vero congresso.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 R. Gaetano 2011-03-22 18:06
Se dovessimo fondare un partito io e mia moglie dopo qualche giorno avremmo già due correnti!
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI