Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

METROPOLI TERRA DI BARI: PIANO ‘POCO’ STRATEGICO

lomelo

Sono ben 900 i milioni di euro da distribuire nella nostra provincia (compresa Conversano) per il piano strategico Metropoli Terra di Bari 2007-13 (Area Vasta), che potrebbero tornare indietro a Bruxelles. E’ il solito copione. Pessima poi è la figuraccia, a tutti i livelli istituzionali, per non parlare dei giornali e televisioni che sembrano aver dimenticato tutto del piano strategico.

Mimmo Lomelo (a sinistra nella foto), ex assessore regionale lancia il pericolo in consiglio, e non passa inosservato ai nostri microfoni.

Alcuni giorni fa, Lomelo (Verdi), da Polignano, ha così dichiarato: “Presto restituiremo quei milioni di euro all’Unione Europea, che erano destinati all’Area Vasta”.

Ma il Piano strategico si è davvero arenato? Che fine hanno fatto i progetti dei singoli comuni aderenti?

“Arenato? Peggio – risponde allarmato Lomelo – il punto è che non si sa come tirare avanti per spendere tutti quei soldi, prima che l’UE se li riprenda.”

PIANO ‘POCO’ STRATEGICO – Lomelo fa delle riflessioni piuttosto sconcertanti che ridisegnano un’area, di sicuro vasta, ma vasta di problematiche. Sembra che non abbia funzionato nulla e che le responsabilità siano di tutti: Regione Puglia, Provincia e singoli comuni dell’area vasta.

“Non c’era programmazione – spiega Lomelo - non c’erano delle priorità ben definite all’interno del piano strategico. Tutti i comuni dell’area vasta hanno presentato i loro piani delle opere pubbliche, l’elenco delle opere che solitamente si allega al bilancio. Ma secondo voi è possibile tutto ciò? Ci vorrebbero chissà quanti miliardi di euro… Il libro dei sogni moltiplicato per tutti i comuni aderenti al piano, son tanti sogni che non si avverano. Nessuno ha fatto un lavoro come si deve. Andavano presentate le opere prioritarie e strategiche di ciascun comune dell’area vasta. Non a caso si chiama piano strategico. E’ evidente che rispetto a questo tipo di impostazione, il piano si è arenato. Chi doveva decidere non sapeva cosa finanziare.”

DI CHI SONO LE RESPONSABILITA’? – “Secondo me sono da distribuire…” - Lomelo fa una rivelazione sconcertante – “pare che anche l’Unione Europea avesse messo in guardia, chiedendo un diverso modo di programmare il piano strategico. Ora, fatta la frittata, il comitato di sorveglianza del piano strategico che analizza le opere da finanziare non sa più come andare avanti.”

BISOGNA RIPROGRAMMARE ENTRO IL 2013 – Sarebbe come ripartire da zero e aver bruciato quattro anni, perché il piano strategico cominciava nel 2007 e scade nel 2013. “Tutti i comuni sono in attesa di avere informazioni, attendono che da un momento all’altro arrivi lo stop al piano strategico per ripensare a una programmazione – conclude Lomelo – Se non avremo l’opportunità di rimanere nell’obiettivo 1 per avere ulteriori aiuti europei e continuare a spendere almeno per altri cinque anni, tenuto conto della crisi, non so che fine faremo!”.

GUNGOLO: ‘LOMELO HA RAGIONE’ - L’assessore Gungolo ha seguito i lavori e le assemblee del piano strategico per conto del comune di Conversano. “E’ vero che è stato speso poco, molto poco. Mimmo Lomelo ha ragione – osserva Gungolo contattato telefonicamente - poi si fa a scaricabarile: la regione dice che è colpa dell’area vasta, l’area vasta se la prende con le amministrazioni che non si attiverebbero, i comuni alla regione. Il dato oggettivo è che i soldi non sono stati spesi. Nell’asse 2007-13 è stato speso pochissimo. Continuiamo a non spendere i soldi.”

Commenti 

 
#2 il tuttologo 2011-04-29 18:33
Avevamo dato "le spalle" al "famoso" progetto metropolitano, anche perdendo la nostra identità locale. Si puntava sugli euro che sarebbero dovuti arrivare, ma, come sempre, è stata una mozzarella di bufala.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 Angelo Lorusso 2011-04-28 01:55
Di soldi congelati per mancanza di progettualità o di coraggio politico son pieni gli annali di tanti comuni.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI