Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

LACANDELA: “LA MAGGIORANZA PADRONA DELLA CITTÀ”

intervento_bonasora_2

Si è celebrato sabato 30 aprile il primo Congresso cittadino di Sinistra Ecologia e Libertà. Ad aprire i lavori, gli interventi dei coordinatori pro tempore, Lucia Cacciapaglia e Stefano Coppola, cui è seguita la lettura dello Statuto da parte di Cesare Totaro.

Dopo i contributi dei Segretari degli altri partiti politici, il congresso è proseguito con le relazioni tecniche, consultabili sul sito www.selconversano.it, di Leonardo D’Ambruoso, che si è soffermato sullo sviluppo sociale, con particolare riferimento alle strategie della sanità futura; di Candida De Toma, con il suo intervento sulle politiche culturali, in cui ha rimarcato la differenza tra ‘evento’ e ‘cultura’ e la necessità di recuperare al pubblico il patrimonio artistico-cultuale di Conversano; e di Angelo Lorusso sullo sviluppo economico.

A conclusione le votazioni che hanno visto l’elezione di Antonio Lacandela a Coordinatore del Circolo cittadino; mentre la prof.ssa Lucia Cacciapaglia occuperà il ruolo di Presidente dell’Assemblea degli iscritti. Gli altri membri del Coordinamento sono Chiara Candela, Candida De Toma, Enzo Abbonante, Leonardo D’Ambruoso, Gianni Rotolo, Cesare Totaro, Angelo Lorusso, Vito Bonasora e Annalisa Loiotila. Di diritto sono entrati Pasquale Bonasora, in quanto consigliere comunale, e Enzo Locaputo, membro del coordinamento regionale di SEL.

Il Congresso ha sancito la intitolazione del circolo a Vittorio Arrigoni, attivista per i diritti umani dell'International Solidarity Movement, rapito ed ucciso a Gaza il 15 aprile scorso da parte di un gruppo di militanti jihadisti. Un tributo a uno dei tanti uomini che insegna come accanto alla ‘banalità del male’, di arendtiana memoria, esiste anche il ‘coraggio del bene’ – come dirà oltre Cacciapaglia.

lacandelaDi seguito, vi proponiamo l’intervista rilasciataci dal nuovo Coordinatore, Antonio Lacandela.

Il suo giudizio sull’attuale situazione politica amministrativa?

“In tutti gli anni in cui l’attuale maggioranza non è stata all’opposizione ha sviluppato un senso di minorità che, giunta al potere, sfoga sentendosi padrona della città e costruendo una rete d’interessi e lobbies. Prove tangibili sono la questione degli ausiliari, il distributore di via Gobetti o l’antenna di via Norba. Tra l’altro, manca una progettualità definita: non stanno rispettando le linee programmatiche che presentarono appena eletti, dove emergeva un’idea di Città che poteva anche essere condivisibile. La conseguenza sono interventi dell’ultimo momento, che non permettono di capire quali sono le emergenze da affrontare e prevenire. Non può essere taciuto l’affaire discarica: Lovascio, a mio avviso, dovrebbe dimettersi dalla presidenza dell’ATO perché ha mostrato di non saper gestire un incarico di questo tipo. Le ultime quattro assemblee sono andate deserte e non solo per la reticenza ad approvare la nuova tariffa ma anche per un risentimento degli altri Comuni, motivato dal fatto che “la discarica è entrata in maggioranza” con il consigliere Di Mise. Come può il Sindaco contrapporsi a un potere così forte avendolo in casa? Altro esempio di una gestione non condivisa sono le ‘anomalie’che si stanno riscontrando nella variante tecnica al PRG, il primo passo verso il Piano Urbanistico, che arriva con quasi tre anni di ritardo non giustificabili con problemi organizzativi degli uffici: Lovascio è stato per tanti anni Consigliere di opposizione e conosceva bene i limiti della macchina amministrativa. A breve cominceranno le consultazioni con la Città, ci auguriamo non siano come quelle sul Casalnuovo, dove si è arrivati impreparati e ci si è limitati ad annuire a tutto quello che veniva detto dagli abitanti”.

Quale contributo pensate di poter dare al dialogo con il centro-sinistra?

“Siamo arrivati al nostro congresso con un’idea di Città, elaborata dopo un lavoro di qualche mese in cui abbiamo consultato i diversi settori, che mettiamo a disposizione del centro-sinistra, delle associazioni, dei cittadini e di tutti i Comitati che stanno nascendo in questo periodo, chiaro sintomo della debolezza amministrativa. Non vogliamo essere un partito arrogante, come qualcuno ha detto, lavoriamo con umiltà consapevoli dell’importanza di ascoltare la gente: questa è una cosa che dicono tutti, noi ci permettiamo di affermarlo perché lo abbiamo già fatto in questi anni e nella fase di preparazione delle nostre relazioni per il nostro congresso. E vogliamo continuare a farlo. Come ho ricordato nel mio intervento durante il Congresso, la nostra sede non deve essere via Mazzini, dobbiamo avere una forma duttile per spostarci in ogni zona della città e raccogliere le varie esigenze”.

Tre situazioni di Conversano che meritano immediata attenzione?

“Pensiamo che sia fondamentale lavorare su tre settori, che sono quelli che abbiamo presentato in congresso: politiche sociali, politiche culturali e sviluppo economico. Per le politiche sociali, rimaniamo basiti davanti alla superficialità con la quale vengono affrontate. Sulle politiche culturali, apprezzo l’impegno di Sibilia, che ha dato progettualità e sviluppo alle sue idee; tuttavia, oltre all’organizzazione degli eventi, sarebbe importante desse seguito alla sua intuizione dei contenitori culturali, creando una linea di connessione tra i vari appuntamenti e calibrando meglio i momenti opportuni in cui proporre qualcosa: ci sono giorni in cui gli eventi si affollano e giorni in cui non è offerto nulla. Un esempio su tutti, a pasquetta sono arrivati tre pullman dal nord-barese che, avendo trovato tutto chiuso, hanno deciso di andare via. Urge, infine, investire in un rinnovato sviluppo. Ci sono delle realtà locali, anche importanti, che stanno chiudendo o sono in crisi: questo deriva da una situazione globale cui si sommano i tagli nazionali, la difficoltà di gestione regionale e la mancanza di una strategia locale”.

Qualcosa da aggiungere?

“Ringrazio i compagni per aver visto in me una persona in grado di rivestire questo ruolo, è stata una scommessa visto che difficilmente a un venticinquenne viene data la gestione di una responsabilità di questo tipo. Infine, un ringraziamento a Stefano Coppola, Lucia Cacciapaglia e Cesare Totaro che in questi anni hanno retto il Partito e ci hanno portato a risultati soddisfacenti, come le ultime provinciali e regionali”.

Commenti 

 
#18 Angelo Lorusso 2011-05-15 20:26
Anch'io ritengo che l'assemblea del PCI di Conversano del 1973 fosse stata poco pragmatica....

Ma forse ti sfugge che allora presentammo i lavori in itinere, non completi.

Forse al congresso abbiamo presentato una tappa importante soprattutto a livello di soluzioni reali come puoi leggere.

Ma se poi vuoi leggere solo quello che fa comodo pur di aver ragione, parli da solo.

Io so che, tessera o non tessera (sono uno dei pochi idioti che vede insostituibili i partiti, concedimelo), noi abbiamo lavorato come le bestie in questi mesi, e nessuno l'ha voluto vedere.

Ne riparliamo nel prossimo futuro.
Segnala all'amministratore
 
 
#17 Gianvito F. 2011-05-15 17:43
Non è assolutamente l'unico metro, perché c'ero in sala consigliare durante la vostra prima assemblea cittadina. Quando ho potuto ascoltare, l'ho fatto. Nemmeno quella volta sinceramente rimasi molto ben impressionato, perché si parlò molto "filosoficamente", fin troppo, e si diede davvero poca importanza alle soluzioni reali e praticabili ai problemi che affliggono la nostra città. Voglio dire: il turismo non va, ok. Di solito ci si ferma a dire che l'attuale Amministrazione sta lavorando male. Che Conversano dovrebbe essere questo e quello. Sì, ma come? Queste sono le mancanze di un'opposizione che non è costruttiva, ma distruttiva. Che pungola (anche giustamente), ma fa solo quello. Chiaramente non mi riferisco solo a SEL, ma a tutta l'area della sinistra conversanese. Anzi, ora come ora, vi considero l'unico partito che abbia un minimo fondo di credibilità e la gente giusta per promuovere un cambiamento. Certo che se l'ispiratore principale è quello che si sta rivelando negli ultimi tempi, allora (da ex-elettore di SEL praticamente) non posso essere necessariamente fiducioso. Ecco perché io preferisco le liste civiche, senza leader "ispiratori", fatte di tante persone che condividono idee e volontà. Si può essere ecologisti anche senza avere la tessera di alcun partito...
Segnala all'amministratore
 
 
#16 Angelo Lorusso 2011-05-14 14:46
Assolutamente d'accordo Gianvito.

Credo però che un buon punto di partenza per un'azione concertata e costruttiva sia proprio l'individuazione di responsabilità e delle motivazioni di tutti i livelli di governo.

Questa è un pratica assolutamente assente nel discorso politico locale, in una confusione su cui si è giocato molto, soprattutto per distrarre la cittadinanza in momenti di crisi interne.

Antonio credo abbia mosso delle critiche ben indirizzate, senza demonizzare proprio niente e nessuno.

Se c'è un partito che non si fa tanti problemi a condividere idee e spazi con gente politicamente anche molto diversa, credo sia proprio il nostro.

Se poi, per tua stessa ammissione, il tuo unico metro per valutare il territorio è il filtro giornalistico, abbi il decoro di contenerti in certi giudizi affrettati.
Segnala all'amministratore
 
 
#15 Gianvito F. 2011-05-13 19:43
@ Angelo Lorusso:

il disturbo ahimè sono impossibilitato a prendermelo per motivi geografici. Come buona parte di chi commenta gli accadimenti "romani" del Parlamento. La stampa riporta dichiarazioni virgolettate di Antonio Lacandela che io non condivido. Se non altro perché sembra che Lovascio e soci abbiano distrutto l'Eden creato da anni di amministrazioni di sinistra. Nessun cenno alla sinistra conversanese latente ed a danni effettuati dai suoi amici, nessun cenno ai problemi provocati alla città dal capo del partito, Nichi Vendola. Un discorso obiettivo avrebbe, a mio parere, con onestà intellettuale, dovuto offrire una panoramica più larga dell'orizzonte della nostra città. Ci si è limitati, invece, a denotare le umane mancanze altrui, tralasciando questioni spinose relative al proprio partito ed eventuali azioni positive svolte dall'Amministrazione, che, invece, sembra un manipolo di dittatori senza cuore (già il "padrona della città" lascia capire molto).

Io attendo ancora soluzioni praticabili ai problemi oltre che critiche su critiche. L'opposizione dovrebbe essere "minoranza", e non - appunto - opposizione... distruttiva.
Segnala all'amministratore
 
 
#14 pasquale coletta 2011-05-12 16:29
i miei più sinceri auguri di buon lavoro ad antonio, cerca di seguire sempre il tuo pensiero di tutti gli altri non ti curar, il mio unico consiglio per incidere sul presente, studia ed analizza attentamente, scevro di ogni facile presupposto, gli ultimi quindici anni di politica in città.
solo così eviterai che la tua età venga di volta in volta strumentalizzata ed usata sia come alibi che come colpa.
Segnala all'amministratore
 
 
#13 Angelo Lorusso 2011-05-12 06:41
ah Gianvito... da quel che dici mi sa che non ti sei preso assolutamente il disturbo di assistere al congresso nel suo svolgimento.

Ti sei limitato a soppesare tutto da dichiarazioni di massima, tali per ovvi motivi di spazio.

andiamo bene
Segnala all'amministratore
 
 
#12 andrealasgobba 2011-05-11 21:53
xenzo
se come dici hai argomenti perchè non li descrivi come ho fatto io?attendo fiducioso.
Segnala all'amministratore
 
 
#11 Enzo 2011-05-10 17:32
Dico ad Andrealasgobba, perchè non investi una parte della tua rabbia politica per contribuire a smascherare gli scheletri nell'armadio dell'attuale amministrazione? Perchè non ti esprimi sul furore affaristico e propagandistico dell'attuale maggioranza e dei suoi degradanti giochetti? [MOD] Come vedi di carne al fuoco ce ne sarebbe, ma si preferisce attaccare gli indifesi, tutto sommato Antonio Lacandela lo è. Come sempre forti con i deboli e deboli con i forti.
SPERO CHE IL FUTURO PROSSIMO VENTURO SMENTISCA LE TUE NEFASTE CONSIDERAZIONI.
Segnala all'amministratore
 
 
#10 U MBossi 2011-05-10 15:44
Gianvito
chi ti trattiene ?
stai pure a destra con le tue parole d'ordine [mod]
Segnala all'amministratore
 
 
#9 Angelo Lorusso 2011-05-10 12:43
Siete stupendi tutti quanti.

I vostri veleni mi riempiono di gioia, perchè si riversano su gente che, in potenza, è corruttible come chiunque altro.

è questa è un'ovvietà.

Di fatto, questa gente perde ore della sua vita a studiare e discutere(spesso con difficoltà, lo ammetto) per trovare delle soluzioni.

Se qualcuno crede che siano inefficaci, io gli chiedo di scendere dal piedistallo. Anzichè perdere 30 secondi a scrivere un commento di sfogo umorale, utile a espiare una probabile inerzia civile, vada in una delle sedi di partito che più lo aggradano e offra la sua soluzione.

E forse si renderà conto che il grande limite della politica attiva è la solitudine.
Segnala all'amministratore
 
 
#8 poverodisoccupato 2011-05-10 10:15
Auguroni Antonio. Continua per la tua strada e dimostra che una sinistra diversa da quella professata da certa gente esiste! Di screditamenti ed insulti ne riceverai tanti, ma sono sicuro che con le tue capacità e con la tua forza di volontà riuscirai ad andare avanti contraddicendo le malelingue.
Segnala all'amministratore
 
 
#7 daniele pasquale 2011-05-10 06:52
Chi è stato al Governo della città? Antonio Lacandela?
Certo che è facile smontare a parole l'entusiasmo di chiunque possa e voglia credere in un cambiamento ...
Basta ricordargli di un passato che, a 25 anni, non può essere che di studi universitari e liceali, oltre che di impegno politico puro e coerente ...
Mi spiace che l'attacco più duro provenga da chi si professa da sempre "di sinistra"!
Andiamo proprio bene ...
Auguri Antonio.
Segnala all'amministratore
 
 
#6 Gianvito F. 2011-05-10 00:16
Sempre la solita solfa. Parole da centrosinistra, e fatti a zero come al solito. Basta con 'sti partiti, 'ste ideologie morte e soprattutto con 'sta [mod] fissa per "l'altra parte"! Ci siamo rotti le scatole!!! Ormai essere di sinistra significa usare parole complicate, radunarsi in dieci facendo discorsi da un'ora l'uno, con molti silenzi ed espressioni da pseudo-intellettuali, e contemplando lo sfascio che avviene sempre per cause altrui. L'intervista ovviamente non smentisce. Un ottimo elenco, pure condivisibile, di criticità, ma soluzioni zero. E di fatti, quando sono stati al Governo, davvero ben pochi...

[mod]
Segnala all'amministratore
 
 
#5 un cittadino bianco 2011-05-09 23:14
quoto andrea lasgobba e aggiungo:
lei neo segretario SEL afferma che avete ascoltato i cittadini in questi anni!!
mi risulta personalmente che l'unica volta nella storia di conversano i cittadini sono stati ascoltati ufficialmente e su tutti i problemi dalla giunta judice.voi non siete stati mai capaci di farlo neanche quando eravate maggioranza di governo cittadino e oggi vendete queste fandonie a tutti. [mod]
Segnala all'amministratore
 
 
#4 Beppe S. 2011-05-09 20:10
Vi siete accorti solo adesso che il consigliere Domenico Di Mise è un dipendente della Lombardi Ecologia ? Scommettiamo che non sapete che il consiglere provinciale E. T. è manager della stessa Società, imparentato con i Lombardi. Chissà se c'è un altrettanto autorevole rappresentante del gruppo anche in altre istituzioni.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Giusy 2011-05-09 20:04
Ipocriti! Dimenticate che il Piano regionale dei rifiuti del 2005( CDR ) sugella il patto, neanche nascosto, tra chi vi rappresenta ed i Padroni delle discariche-Albanese-Marcegaglia! Chi non ha le mani in pasta nell'affaire rifiuti deve ancora nascere!
Segnala all'amministratore
 
 
#2 che ridere 2011-05-09 13:00
poveri voi credenti nella filosofia dei partiti, l'eletto lo si conosceva ancor prima di iniziare, concordato tra i capi [mod]

ne vedrete delle belle, rimarrete a bocca aperta.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 andrealasgobba 2011-05-09 12:44
mi risulta fin troppo facile contestare con forza tutte le sue affermazioni poichè sono di facile propagandismo preelettorale e basate su forti contraddizioni politiche gestionali, con ordine:
1) la discarica è entrata nelle stanze già dal 1996 con il patto della spigola;
2) le politiche culturali non sono cambiate in meglio poichè le idee sono sempre le stesse, fondate solo nel segno della continuità amministrativa e sempre vuota di un progetto di sviluppo reale del turismo;
3) sulle politiche urbanistiche non posso dimenticare gli affaire delle deroghe basate sopratutto sulla speculazione e di alcuni imprenditori e politici-assessori dell'epoca-.
dove sono le vostre progettualità? continuate ancora a prendere in giro la gente. conversano sa tutto, e non potete ancora nascodervi dietro l'elezione di un segretario 25enne, toglietevi il cappotto e fate uscire tutti gli scheletri che avete per finta nascosto dietro un velo di seta. auguri.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI