Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

IL PUG E LE PRECISAZIONI DELL’ASSESSORE SCAZZETTA

casa2

Abbiamo raccolto la replica dell’Assessore all’Urbanistica, Arch. Walter Scazzetta, in merito alle numerose polemiche che in questi giorni hanno fatto dell’urbanistica la protagonista indiscussa della politica.

“Vorrei partire dalla questione sull’approvazione degli atti concernenti la nuova perimetrazione del vigente PRG e dei primi adempimenti al PUTT/p paesaggistico: mi sorprendono tutti i commenti riportati su molti giornali locali e non, in cui si è sottolineata la pericolosità dell’aver approvato questi atti, facendoli passare come una modifica integrale del PRG vigente. Tutto questo non è assolutamente vero e mi preme tranquillizzare tutti coloro che hanno avuto dubbi in merito”.

scazzetta2

“Ci sono stati dei piccoli errori meramente materiali – continua Scazzetta – nel riporto cartografico, riconosciuti dagli stessi progettisti che, proprio in questi giorni, hanno riconsegnato i nuovi elaborati corretti e rivisti, anche alla luce degli emendamenti che erano stati richiesti durante il Consiglio Comunale. Vorrei sottolineare che questo atto, puramente formale e non sostanziale, non modifica o lede nessun diritto dei cittadini e andava obbligatoriamente portato a termine nell’ottica dell’approvazione dei primi adempimenti al PUTT/p, così come impone la procedura sancita dalla Regione Puglia e propedeutica al PUG. Ad ogni modo, le nuove tavole sono già state depositate presso il Comune per la pubblicazione, in modo da consentire ai cittadini di avanzare le proprie osservazioni in merito”.

Chiusa questa parentesi, l’Assessore spiega che il passo successivo riguarderà la redazione del PUG: “Si è tenuto in data 28 aprile il primo tavolo tecnico di copianificazione per la redazione del PUG presso l’Autorità di Bacino della Puglia, nel quale si è subito stretta una proficua collaborazione tra la stessa Autorità, i progettisti incaricati e l’UTC per risolvere definitivamente tutte le problematiche dal punto di vista idrogeomorfologico”.

“Tra l’altro sono già pronti sia l’Atto di indirizzo del PUG, che definisce gli obiettivi generali dello stesso ed il documento di studio preliminare (c.d. Scoping) per la Valutazione Ambientale Strategica (VAS), che a giorni saranno approvati entrambi in Giunta. Allo stesso tempo, la Planetek Italia, società incaricata di elaborare la nuova cartografia aggiornata di tutto il territorio della Città di Conversano, ha completato il lavoro di mappatura e di indagini attraverso rilevazioni satellitari ad altissima risoluzione. Tutto questo lavoro di mappatura serve per elaborare al meglio e nel dettaglio tutti i quadri conoscitivi del PUG e quindi per la redazione del DPP (documento programmatico preliminare), che sarebbe il PUG tradotto in forma scritta. Ovviamente il tutto prima di essere presentato in Consiglio, sarà preceduto dagli incontri partecipativi con tutta la cittadinanza, incontri che rappresenteranno i veri momenti focali e nevralgici di tutto l’iter redazionale del PUG. Su quest’ultimo punto vorrei soffermarmi: preciso che proprio attraverso la partecipazione ed il consenso della collettività, il nuovo Piano Urbanistico Generale definirà le norme generali, gli obiettivi e le strategie della futura politica urbanistica comunale. Spesso, un compito cosi importante diviene strumento della polemica politica locale, facendo dimenticare le questioni identitarie, forti e condivise da tutti, e la rilevanza del risultato finale per tutti i cittadini di un Comune di qualsiasi orientamento politico”.

“Pertanto ritengo che all’inizio di un percorso così importante, difficile, ma allo stesso tempo ricco di nuove opportunità per il nostro territorio e per i suoi abitanti, occorre impegnare tutti i cittadini di Conversano a contribuire, ognuno nelle sue possibilità, alla costruzione di uno strumento utile ad agevolare gli investimenti sul territorio, alla valorizzazione dei suoi tanti beni naturali e culturali, all’organizzazione di servizi e spazi pubblici, a migliorare la qualità dell’offerta residenziale e produttiva, a consentire, in estrema sintesi, ai suoi abitanti di vivere meglio nella  prospettiva dei prossimi quindici anni. A tali modalità di partecipazione “diretta” si affiancheranno alcune possibilità di partecipazione “indiretta”, attraverso il sito web della Città di Conversano, su cui sarà reso disponibile un indirizzo mail del PUG ed una pagina web dedicata, che nel tempo diverrà un portale, su cui archiviare, distribuire materiali, verbali, manifesti, fornire news e consentire l’inserimento di post-it e messaggi con allegati da parte dei cittadini. In conclusione, riprendendo le parole di un famoso urbanista italiano come Francesco Indovina, che definisce il piano urbanistico come “un atto politico tecnicamente assistito”, si tratta di iniziare un ampio, complesso percorso di mutuo apprendimento tra cittadini, amministratori e tecnici, in cui ognuno avrà la possibilità di fornire la propria concreta collaborazione”.

Questo è il percorso che condurrà all’atteso Piano Urbanistico, ma non mancano altri progetti: “È in corso la preparazione di un regolamento per l’edilizia sostenibile, utile a migliorare la realizzazione delle nuove costruzioni, secondo i criteri che la Regione Puglia indica attraverso la legge n. 13 del 2008 dal titolo “Norme per l’abitare sostenibile”. Inoltre, stiamo partecipando al bando regionale sulla rigenerazione urbana, grazie al quale potremmo ottenere un finanziamento di circa 2 milioni di euro”.

In conclusione, grande soddisfazione per l’assessore e il suo staff urbanistico, giacchè, in poco tempo, con proprio lavoro ed impegno sono riusciti a porre solide basi per la futura approvazione del PUG.

Commenti 

 
#3 il partecipato 2011-05-17 21:56
caro assessore il sottoscritto a differenza di falchi e colombe le vuole mancare di rispetto, nel merito:
1)ma lei sa che il pug è un atto che fin dai primi adempimenti deve essere condiviso?
2) con quale parte politica ha condiviso la variante di riperimetrazione e zonizazzione emendata in consiglio comunale?
3) lei lo sa che la metodologia del vecchio PRG non ha nulla a che vedere con la nuova metodologia del PUG?
4) ha provveduto affinchè le nuove cartografie emendate siano ratificate dal consiglio comunale?
5) perchè non si comincia la campagna di ascolto dei cittadini, atto propedeutico obbligatorio all'atto di indirizzo politico del PUG?
volendo potrei farle centinaia di domande e al momento mi fermo qui'. ma le voglio ricordare che se qualcuno pensa che il pug sarà come il prg del 1984 sbaglia di grosso. oggi noi cittadini a cominciare dal sottoscritto partecipato staremo molto attenti e nel caso ....... MONOPOLI INSEGNA!!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#2 conversanovera 2011-05-12 05:34
ma la preventiva partecipazione democratica dei cittadini non è prevista e programmata da questa amministrazione? Il P.U.G. è dei conversanesi o dei singoli amministratori & C.:? Si ricordino questi ultimi che un vecchio proverbio dice: la fretta fa i figli storpi!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 falchi & colombe 2011-05-11 12:15
Caro Assessore non per mancare di rispetto ma solo " Indovina " si poteva chiamare una persona da citare come testimonial - A Conversano ci serve proprio un indovino di terza generazione per evitare ulteriori errori... !!!! capito mi hai ?
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI