Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

RIGENERAZIONE URBANA: VOTO UNANIME DEL CONSIGLIO

CONSIGLIO-COMUNALE---RIGENERAZIONE

 

L’Assessore Walter Scazzetta ha aperto il Consiglio Comunale, tenutosi ieri primo luglio, evidenziando l’importanza DPRU, ossia il “Documento Programmatico di
SCAZZETTA-4
Rigenerazione Urbana”: “Questo documento, che trova le sue origini all’interno della legge regionale 21 del 2008, è uno strumento urbanistico che dà la possibilità ai Comuni di delineare gli ambiti su cui si definiranno gli interventi del cosiddetto PIRU (Piano Integrato di Rigenerazione Urbana). L’Amministrazione, subito dopo la pubblicazione del bando regionale, ha provveduto a assegnare l’incarico di stesura del DPRU, tramite bando pubblico. Ad aggiudicarsi la gara è stato lo studio Finepro srl di Alberobello, il quale ha redatto tale documento, anche a seguito delle indicazione emerse nell’apposito forum cittadino, uno strumento di comunicazione attraverso cui la cittadinanza ha potuto vagliare idee e proposte sugli ambiti d’intervento su cui focalizzare le risorse”.

 

“Mi preme sottolineare – ha continuato Scazzetta – che questo documento programmatico non  prevede alcuna variante urbanistica a differenza del PIRP, non comporterà nessuna nuova edificazione bensì solo interventi per migliorare la nostra Città che riguardano principalmente il centro storico su cui si investirà circa 1milione e mezzo del finanziamento ottenibile dalla Regione (circa 2 milioni di euro). In una fase successiva, l’obiettivo sarà quello di coinvolgere i privati per quanto riguarda le aree S2A e S2B, prevedendo la realizzazione di parchi urbani a permeabilità totale in quelle aree geomorfologicamente deboli. Questo è quanto prevede il documento programmatico per ottenere i finanziamenti dalla Regione Puglia ai quali si aggiungerà un co-finanziamento da parte del Comune di Conversano pari all’11%, ovvero a circa 221 mila euro, che ci permetterà un punteggio maggiore ai fini del buon esito del bando.”

 

 

Il dibattito – Al termine della presentazione dell’Assessore Scazzetta è iniziato il dibattito con l’intervento del Consigliere Gian Luigi Rotunno che ha immediatamente sottolineato l’importanza del documento in questione e le ripercussioni che potrebbe avere sul PUG; ragion per cui ha lamentato il poco tempo avuto a disposizione per poterlo programmare bene. Premesso questo, Rotunno è entrato nel merito della questione: “Vorrei evidenziare che, come è stato detto anche in seconda Commissione, il gruppo  SEL è a favore del contenuto del progetto esposto, meno favorevole, invece, al metodo utilizzato. Nello specifico non concordiamo con il co-finanziamento, previsto dall’Amministrazione Comunale dell’ 11%; ne proponiamo l’aumento al 30% attraverso la gestione dell’avanzo di bilancio, evitando così di attingere dagli oneri di urbanizzazione dell’Amministrazione Comunale, che potrebbero servire per le emergenze urbane. La seconda proposta è inserire nel programma, il recupero di  immobili
ROTUNNO-BONASORA-3
dismessi presenti nel centro storico, con lo scopo di destinarli ad interventi di edilizia convenzionata e agevolata, coinvolgendo anche i privati, al fine di riportare nel centro storico gli abitanti”.

 

“Per quanto riguarda la quota del co-finanziamento – ha replicato il vicesindaco Carlo Gungolo – non è possibile aumentarla al 30%, perché è stato fatto un calcolo concreto delle nostre possibilità di copertura anche alla luce del fatto che sembra essere volontà della Regione concludere l’iter dell’assegnazione delle risorse entro il prossimo ottobre. Abbiamo pensato una quota fattibile per le nostre tasche, oltre la quale non possiamo garantire”.

Pasquale Bonasora, rimarcato che affrontare separatamente PUG e Rigenerazione fa venir meno quello sguardo d’insieme che consente una più lungimirante programmazione, ha ribadito l’importanza di arrivare ad una quota di co-finanziamento pari al 30% e l’abbattimento delle barriere architettoniche degli edifici di proprietà pubblica, come il Castello, San Benedetto e il complesso di Santa Chiara. Infine ha chiesto contezza di quali siano i progetti definitivi elaborati dall’Amministrazione. Richiesta perorato dalla stesso Consigliere Vincenzo D’Alessandro, a seguito della qual è stata data lettura degli interventi.

 

Gli interventi definitivi Per quanto concerne l’ambito del centro storico, si procedrà alla ribasolatura di Via Acquaviva e alla realizzazione dei sottoservizi (rete elettrica, idrica e fognaria). Stesso intervento di manutenzione delle basole subirà Largo Cattedrale; Corso Dante Alighieri vedrà invece la delocalizzazione dei due distributori carburante e la riqualificazione urbanistica delle piazzette.

Venendo invece al secondo ambito d’intervento si prevede il recupero ad area parcheggio di iazza Cimarrusti; la realizzazione di una pista ciclabile che colleghi via Jaia a via Togliatti, laddove verrà attrezzata una piazza mercatale con nuove aree di sosta, piantumazione di alberi  e organizzazione degli stalli.

 

Il voto – Alla fine del dibattito, le proposte che il gruppo SEL aveva enunciato sono state proposte come emendamenti e poste ai voti: bocciate con una media di 13 voti contrari e 4 astenuti (PD e Il Centro).  Il Consiglio si è concluso con l’adozione all'unanimità il DPRU che, entro lunedì, con provvedimento di Giunta, sarà approvato ed inviato in Regione.

La Dichiarazione di Lovascio. “Voglio ringraziare con forza l’Ufficio Tecnico gli Assessori Scazzetta e Gungolo per il prezioso lavoro svolto in un ufficio che deve affrontare quotidianamente molti problemi; sappiamo bene quanto soffre rispetto alle carenze di personale e l’arretrato che da sempre si trova a gestire . Doveroso anche il ringraziamento a tutte le forze politiche per l’attenzione posta rispetto ad un provvedimento che riguarda l’intera Città.  Speriamo di poter affrontare i prossimi appuntamenti con altrettanta attenzione e fortuna nell’esito finale”.

Commenti 

 
#2 AZcomeeperchè 2011-07-03 11:49
specie se gli argomenti trattati erano già contenuti nel documento programmatico. Quindi delle due l'una, o bonasora rotunno non hanno letto il documento programmatico (impreparati) o cinicamente disperatamente sono alla ricerca di visibilità
Segnala all'amministratore
 
 
#1 nardy 2011-07-02 06:44
Non rimane che piangere se non si abbattono le barriere architettoniche dalle strutture pubbliche.
L'orgoglio fa brutti scherzi.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI