Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

IL TURESE BOCCARDI CHE ‘UCCISE’ CONVERSANO

Boccardi-e-il-giornale

"Turi: durante il Consiglio Comunale sul Bilancio Boccardi non fa un solo intervento e legge beatamente il giornale"

Dopo la rigenerazione urbana sembra scoccata l’ora di una rigenerazione politica. Qualche giorno fa, a Turi, dove ormai si prendono le decisioni per la nostra Conversano, si è tenuta la riunione dei due partiti maggioritari di centro-destra: il PDL rappresentato dal capogruppo Matteo Salzo – nonché dai consiglieri Lofano, Lorusso e Mottola – e il neo Commissario della Puglia Prima di Tutto (ex PD) Raffaele Piemontese. Gran cerimoniere turese, ancora lui, Michele Boccardi che non perde occasione per diventare protagonista.

boccardi_michele

Ebbene, il ballo mascherato di casa Boccardi si è concluso con un documento che sancisce la perentoria sfiducia verso l’operato dell’Amministrazione Lovascio, tanto da esigere l’azzeramento della Giunta e, parallelamente alla sospensione di ogni attività amministrativa, un momento di verifica politica. Gli ultimi aggiornamenti parlano di un incontro previsto per oggi, lunedì 11 giugno, tra Lovascio e la Savino, Commissario del locale PDL.

 

I contenuti della lettera. Quello che colpisce nella missiva è il candore con cui la maggioranza si boccia pubblicamente, il che è sintomo o di una scarsa propensione al dialogo tra componenti politiche che si suppone abbiano lo stesso colore; o di una prova di forza per ottenere qualche desiderata che ritorna attuale in vista del mercato del PIRP e del PUG. In entrambi i casi il copione sembra ripetersi stanco, senza variazioni: il primo cittadino sarebbe messo in scacco da una rete d’interessi che hanno solo il sapore della pubblica utilità. Ovviamente c’è anche la terza versione, cui francamente siamo più restii a credere, che vede i paladini della cosa pubblica sbracciarsi in solerti appelli al senso di responsabilità e al bene comune.

Ad ogni modo, il rischio di questo ennesimo braccio di ferro è perdere la credibilità: buon senso fatica a comprendere perché chi ha deciso di sostenere una coalizione, piuttosto che aprire il confronto nelle opportune sedi (per poi trarre le dovuto conseguenze, che possono coincidere anche con le elezioni anticipate) preferisca sorseggiare un aperitivo in compagnia di Boccardi ed  esternare le proprie doglianze in versi zoppi.

 

L’allargamento. Ritornando al documento, si dice che “sarebbe un grave errore non cogliere” la possibile inclusione in maggioranza di UDC e de “Il Centro”, anche perché si è riscontrata “un’attenzione positiva”. Non sappiamo a cosa si alluda con attenzione positiva, ci basta però ricordare che l’Unione di Centro ha fermamente sostenuto – almeno nelle ultime pubbliche circostanze e votazioni consiliari – di essere forza di opposizione. Dall’altro lato, “Il Centro”, pilotato dal sempre attento Lonero, è noto alle cronache cittadine per la ‘temporaneità’ dei propri orientamenti.

 

Il caso Di Mise. Ultimo aspetto degno di nota è come mai il Consigliere di opposizione (almeno formalmente) Domenico Di Mise abbia firmato un documento della maggioranza. È solo un moto solidale al poliedrico Piemontese o è l’occasione giusta per esternare il proprio malcontento per il veto, posto da alcune forze della stessa maggioranza, a partecipare alle conferenze a tema ambientale in quanto ‘portavoce’ della Lombardi Ecologia?

Siamo sicuri che a tutti questi interrogativi arriverà presto una risposta, magari siglata all’ombra delle paterne boccardiane sponde. Nel frattempo per giovedì 14 alle ore 9 è convocato il nuovo consiglio comunale che, oltre alle numerose interrogazioni, affronterà anche le convenzioni per il PIRP. Sarà questa la prima occasione per comprendere la tenuta della giunta Lovascio e la possibilità di portare a termine la consigliatura.

Commenti 

 
#14 conversano86 2011-07-16 18:43
Ma veramente pensavate che un estraneo avrebbe potuto interessarsi dei problemi di un'altra città?
Io personalmente me ne sarei fregato altamente (come tutti)!
Potevamo votare tutti un conversanese (tipo Bonasora) così qualcosa sarebbe cambiato nel destino del nostro defunto ospedale!
Questo è il vero problema della nostra mentalità: siamo tanto legati alla bandiera da nn accorgerci che ci stanno fo****do tutte le risorse!!!
Dormiteeeeeeee
Segnala all'amministratore
 
 
#13 aeiou 2011-07-13 14:34
intanto boccardi non uccise Conversano. Furono i conversanesi che per i soldi di boccardi permisero tutto ciò. Allora a questi, e lo sanno tutti chi sono, va la colpa. Altro che ai turesi. Boccardi fa accordi con Fitto, ad alto livello, trucchetto, bè, lasciamo stare... Il nuovo partito si chiamerà EPDT "EURO PRIMA DI TUTTO"
Segnala all'amministratore
 
 
#12 Il pacione 2011-07-13 08:22
Di Mise è nella maggioranza da sempre; le assenze tattiche nei consigli comunali sono la cartina di tornasole, qual'è la meraviglia. La maggioranza ha sempre esecrato i personaggi eticamente compromessi; ora attende a braccia aperte coloro che sono i rappresentanti di quei vituperati politici della passata amministrazione. Quando il mare è in tempesta ogni buco è un porto. IL CENTRO DI GRAVITA' PERMANENTE nell'Uomo è assente; COMANDARE questo è importante. Mi meraviglio di P. Gentile e Company; Se è anche vero che Piemontese farà il presidente del consiglio, meh! allora è meglio che si torni tutti a casa.
Segnala all'amministratore
 
 
#11 conversanovera 2011-07-12 12:47
...Intanto i poteri forti decidono sui loro affari, nel silenzio dei partiti di opposizione (PUG, Deroghe, assunzioni, ecc...) e [*taluna stampa*] si è convertito a loro difesa, dopo aver attaccato per cinque anni Spartano & c. ora vanno sottobraccio, con la benedizione del "Menelao" di turno. Dopo la cena della "spigola" a Lido Bianco, ancora una volta la Storia di Conversano si decide in un luogo di "uascezza". Bravi!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#10 Giuseppino 2011-07-11 17:22
Abbiamo gioiasamente applaudito all'elezione della S. alla camera e di B. alla regione in cambio di misere e squallida cene elettorali ma sapevamo come sarebbe andata a finire...stiamo tranquilli però. Non appena il nostro grande illustre magnanime e perfettissimo presidente del consiglio vorrà degnarci di una sua discesa (speriamo prima possibile e definitivamente) da palazzo vedrete come cambiano le cose.
P.s. fidiamoci di un certo Pasquale Gentile finchè ci sarà lui certe cose a corte non accadranno. Statene certi
Segnala all'amministratore
 
 
#9 Vincenzo 2011-07-11 16:51
Devo fare sinceri complimenti per l'articolo che risulta essere acuto e gonadico; meno per il titolo
Segnala all'amministratore
 
 
#8 fosse un turese.... 2011-07-11 16:47
Non me la sentirei di dare tutto il "merito" ad un "turese"...meglio faremmo ad indicare certa stampa a suo servizio e tanto di più tutti coloro i quali hanno permesso attraverso il loro voto tutto ciò. Impariamo a ragionare con la nostra capoccia.
Segnala all'amministratore
 
 
#7 Turi 2011-07-11 13:37
Forse a conversano non siete in grado, di prendere decisioni, e vi fate amministrare da altri !! bravi bravi Svegliatevi !!!
Segnala all'amministratore
 
 
#6 mario.p 2011-07-11 12:46
adesso ve ne accorgete..complimenti....
Segnala all'amministratore
 
 
#5 Il pacione 2011-07-11 12:20
Boccardi è un falso problema. La realtà e che fra 20 mesi si vota e stare al timone in una fase topica può produrre notevoli benefici... di ogni genere!
Segnala all'amministratore
 
 
#4 daniele pasquale 2011-07-11 12:02
Di Mise, con la sua firma, in sintesi dice:"Non mi volete ma ... ci sono malgrado voi!"
Segnala all'amministratore
 
 
#3 tea 2011-07-11 11:17
a casa sono d'accordo con te la sua non so se e' invidia o solo demagogia politica tanto chi lo rivotera' si vedra' e poi parla una classe politica che sta affondando come il loro fondatore berlusca
Segnala all'amministratore
 
 
#2 A CASA 2011-07-11 11:05
I problemi di Conversano li risolviamo noi a Conversano. Tornatene a Turi!!!!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 e la chiamano città 2011-07-11 10:06
Un plauso ai furboni che l'hanno votato.

La gloriosa città d'arte, ormai ridotta a sala-giochi, viene eterodiretta da un locatore di sale da ricevimenti turese,
dalle idee brillanti ed inusitate come la difesa della ciliegia, roba che poteva venire in mente solo a cime della politica tipo Spartano o Elvira S.

sic transit gloria civitatis
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI