Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

MAGGIORANZA E OPPOSIONE? DIFFICILE DISTINGUERLE

consiglio-comunale-luglio

Nelle comunicazioni preliminari del Consiglio Comunale di ieri, il consigliere D’Alessandro (PD) ha chiesto lumi sulla situazione della maggioranza e sulle voci che negli ultimi giorni hanno ipotizzato un allargamento della stessa. Voci che “generano una confusione sulla reale composizione del Consiglio, su quali forze vadano annoverate come opposizione e quali no”.

Indicativi i casi dei Consiglieri Di Mise e Coletta che, pur non avendo espresso una posizione ufficiale, denunciano negli interventi e nelle votazioni consiliari un sostegno alle forze di governo. O ancora la vicenda de Il Centro che – dimenticate le ragioni che portarono alla fuoriuscita dalla maggioranza e al teatrale ritiro dalle scene di Lonero – ora sembra entrato in simbiosi con la giunta Lovascio. Qualcuno afferma, maliziosamente, che la ritrovata armonia sia imputabile alla realizzazione dell’obiettivo da sempre perseguito da Lonero: la Fondazione “Vivere Insieme”, la cui convenzione è stata approvata nel pacchetto PIRP votato ieri. Ma siamo certi che si tratti solo di “immotivate illazioni”.

Alla domanda di D’Alessandro è seguita la risposta, in tono diplomatico, del Sindaco Lovascio: “L’esigenza di chiarezza sull’atteggiamento politico di tutte le forze è più che condivisibile e legittima, il punto è che la situazione è in fase di evoluzione: non c’è nulla di concreto o ufficiale da comunicare in Consiglio”. “Mi rendo conto – ironizza Lovascio – che in questo momento storico convocare una riunione di maggioranza o di minoranza è difficile. Di questa situazione, però, voglio cogliere il lato positivo: si stanno producendo atti concreti che vanno nell’interesse della città”.

Una confusione di casacche e ruoli, una labirintite che spinge alcuni Consiglieri a migrare da un banco all’altro della sala consiliare in cerca di una fissa dimora. Questa la diagnosi che se ne dedurrebbe. Nomadismo errante che, finora, ha trovato la massima espressione nel documento congiunto di PDL e Puglia Prima di Tutto (o se si preferisce dell’asse Boccardi-Fitto): senza mezzi termini si è chiesto l’azzeramento della giunta e una verifica. Verifica dell’operato dell’Amministrazione o conta dei voti? Costruttivo dialogo o mera trattativa privata, con tanto di prove generali di future alleanze? Del resto le elezioni si avvicinano e le regie occulte sono già a lavoro. Nel mentre, Conversano s’affossa in uno sterile dibattito politico, chiuso per giunta nelle aule consiliari sempre più deserte, o – peggio – popolate in base agli argomenti iscritti all’ordine del giorno. Prova ne è stata l’ultimo Consiglio, dove era possibile ogni tanto vedere affacciarsi il “notabile di turno” per controllare che tutto andasse nella giusta direzione. E sarà, certamente, solo un caso che si parlava di PIRP.

Commenti 

 
#8 redfox 2011-07-18 18:50
Conversano, un comune violentato da tutti, chiunque viene arraffa e porta via, classe politica meschina e inconcludente, tutti osservanti e ossequiosi, fuori dall'ambito comunale e confrontando con tutto quello che accade nel circondario è visibile il declino della città di Conversano.
Segnala all'amministratore
 
 
#7 fantastico 2011-07-16 02:28
Complimenti, due belle facce di cumulo. Anche Conversano ha i suoi responsabili. Il salto della quaglia uno sport molto praticato dai nostri politici, addirittura uno (il campione mondiale) rischia di diventare anche presidente del consiglio comunale. Ma anche qui, come al livello nazionale, bisogna ringraziare l'opposizione. Se non sapete rappresentarci non ripresentatevi, oppure chi non si sente rappresentato non voterà, e vincerà il partito dell'astensionismo, che alla fine è quello che se fosse rappresentato conterebbe molto di più. 30%, 40% fino 50 % di aventi diritto al voto che non votano sono molto di più di quei partitelli che continuano ad avere la faccia come il cumulo e che sono i primi che donano professionisti nel salto della quaglia.
Segnala all'amministratore
 
 
#6 il capo furbo 2011-07-15 22:45
az tra dieci anni la corte dei conti vi farà un c......o a scimmia. dici perchè: te lo spiego: i comuni con i soldi dei cittadini devono offrire servizi agli stessi e non fare la banca a fondo perduto a chicchessia. pertanto quello che è successo il 14 in consiglio comunale stanne certo non passerà inosservato alla magistratura contabile e secondo me neanche a quella penale. che bravi siete stati ad inguaiare tanti piccoli consiglieri comunali.
Segnala all'amministratore
 
 
#5 daniele pasquale 2011-07-15 21:55
QUELLA CHE QUI SI CHIAMA "VANA VISIBILITà", POTREBBE PUR ESSERE DEFINITA "DEMOCRAZIA"?

Perchè escludere il Consiglio da discussioni e decisioni così importanti?
Segnala all'amministratore
 
 
#4 AZcomeeperchè 2011-07-15 17:30
per colombe, l'obbiettività non ti appartiene, sei legittimamente di parte ma te ne vergogni, fare il proprio lavoro di consiglieri consiste nel ricercare il dialogo presentando trenta emendamenti per fare ostuzionismo? sull'argomnto ci sono state tre commissioni regolarmente retribuite in cui esprimere le proprie criticità, invece no meglio il consiglio alla ricerca di vana visibilità
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Rossidivergogna 2011-07-15 11:31
Come noto anche l'opposizione gioca. Meglio tacere...per ora.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 falchi § Colombe 2011-07-15 09:18
Quello che si è celebrato ieri èstato non un consiglio comunale pagato dai cittadini ma uno dei peggiori spettacoli teatrali in stile * Nerone da Roma * Sono personalmente dispiaciuto che pochi degni consiglieri hanno cercato di fare il proprio lavoro nel rispetto del loro ruolo venendo sbeffeggiati ancorchè ascoltati. A tal punto sarebbe meglio sedere tra il pubblico ove ce ne fosse ed assistere meglio agli intrecci non solo di politica di spacciato interesse come quello consumatosi ieri ... Si salvi chi può ! chi invece deve continuare a mettere i puntelli non faccia vergognare ulteriormente la città.
a tutto c'è un limite e una dignità.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 memoria corta 2011-07-15 08:44
piccoli scilipoti di provincia crescono
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI