Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

ALCOL, MOZIONE SU DIVIETO SOMMINISTRAZIONE A MINORI

logo-pdl

Divieto di somministrazione, consumo, detenzione e cessione gratuita di bevande alcoliche a minori di 16 anni. E’ questa una delle due proposte contenute nella mozione a firma del consigliere Nico Mottola (Pdl) . Nel documento si fa notare che il fenomeno del consumo di bevande alcoliche tra i giovanissimi, a partire già dai 9-10 anni, si sta configurando come un fenomeno di dimensioni sempre più preoccupanti e che sono 1.500.000 i giovani tra gli 11 e i 24 anni a rischio alcol in Italia.

mottola-immagine

Nel 2010 il Servizio Sanitario Nazionale ha preso in carico 180.656 alcol-dipendenti (9,6 per cento in più rispetto all'anno precedente) e, complessivamente, sono oltre 12  milioni le persone a rischio, con ricadute sotto il profilo sanitario (incidenti stradali, omicidi, suicidi, cirrosi epatiche, depressione, cancro) ed economico. Dei suddetti 180.000 "alcool-dipendenti" il 2,5% ha un'età inferiore ai 19 anni; secondo i dati Istat 9 ragazzi su 10 bevono nei pub e nelle discoteche, e il 13% delle persone beve per ubriacarsi. “Ogni anno – si legge nella mozione - vengono effettuati circa 100.000 ricoveri correlati all'alcol e l' 6% di tutte le patologie riscontrabili nella pratica clinica è associato a questa che ormai è da considerare una vera e propria piaga sociale”.

Recenti notizie scientifiche evidenziano come l'Alcol fa sballare il cuore ragazzi  ai sempre piu' attratti dalla moda del “binge drinking”, l'ubriacatura provocata da diverse bevande alcoliche con il preciso scopo di 'sballarsi'. Il cuore, anche a causa della dilatazione provocata dall'alcol, nei soggetti predisposti puo' subire un attacco di fibrillazione atriale. A segnalare il pericolo e' stato un recentissimo congresso a Parigi dei cardiologi europei.

“E’ necessario quindi – per Mottola - imporre una misura che abbia come scopo quello di arginare un fenomeno che anche a Conversano diventa sempre più grave, al fine di tutelare la salute dei giovanissimi che tra l'altro, insieme all'alcool, fanno uso sempre più spesso di sostanze psicotrope e stupefacenti”. “ Ci sono molti  sindaci  – si ricorda - che hanno firmato ordinanze che colpisce non solo gli esercenti, ma gli stessi minorenni colti a consumare alcolici o a passarli agli amici, imponendo un divieto che riguarda, in via sperimentale, la vendita, la somministrazione, il consumo, la detenzione e anche la cessione gratuita, facendo scattare, in caso contrario, una multa di 500 euro. Il Municipio di Conversano non può rimanere insensibile e inerte di fronte ad un fenomeno che interessa un sempre maggior numero di giovani e le cui conseguenze risultano essere sempre più preoccupanti e drammatiche. E’ necessario intervenire sia sul fronte dell'informazione (facendo conoscere le gravissime conseguenze dell'abuso dell'alcool), sia sul fronte di un maggiore controllo verso quei soggetti che non rispettando le disposizioni di legge mettono a repentaglio la loro e l'altrui incolumità. Con la mozione in oggetto si impegnano il Presidente e il Sindaco ad emanare un'ordinanza che stabilisca il divieto di somministrazione, consumo, detenzione e cessione gratuita di bevande alcoliche a minori di 16 anni. Si propone inoltre di intraprendere una campagna di sensibilizzazione, in stretta collaborazione con i dirigenti scolastici, gli insegnanti e i consigli d'istituto, nei confronti degli studenti delle scuole medie superioria intensificare i controlli  il Corpo della Polizia Municipale con gli etilometri, al fine di effettuare un controllo fuori  dai luoghi di ritrovo e sulle strade quanto più capillare possibile nei confronti di coloro che violando la legge mettono a repentaglio la propria e l'altrui vita; di effettuare qualsiasi altra iniziativa che si ritenga utile al fine di contrastare un fenomeno che sta assumendo proporzioni assai preoccupanti.

Commenti 

 
#8 Claudio Bolognino 2011-09-09 10:57
x eulerCM: Dì tu a questo punto qualcosa di intelligente per Conversano? Io penso che è sempre preferibile una persogna che si impegna piuttosto che persone che non fanno nulla o che si limitano solo a dire cose "pseudo/intelligenti" e ad essere sempre inconcludenti. Vai avanti Nico Mottola, "non ti curar di loro ma guarda e passa"
Segnala all'amministratore
 
 
#7 eulerCM 2011-09-08 21:23
Se tutti i consiglieri fossero come Nico Mottola saremmo un paese della Bolivia. Non basta lavorare tanto ovviamente, è necessario anche farlo in modo intelligente. Sfortunatamente Nico Mottola non lo fa. Anzi, direi da cittadino qualunque, leggendo le sue iniziative da qualche mese, è tra i pochi che non lavora in modo intelligente. Gli altri hanno magari il problema che non fanno, ma è un'altra cosa. A bientot, Claudio Matarrese
Segnala all'amministratore
 
 
#6 Ilaria 2011-09-08 15:04
Parlate e commentate a vanvera ! Siete di parte !! Oltre alla buona volonta' magari al Comune ci fossero 20 consiglieri che si impegnano come Nico Mottola !
Segnala all'amministratore
 
 
#5 Pepi 2011-09-08 10:34
mamma mia che noia...come al solito propongono cose inutili e le cose importanti della politica non vengono affrontate. il divieto c'è già
Segnala all'amministratore
 
 
#4 Grazianolo 2011-09-07 16:48
Il divieto esiste già ma non ho mai visto a conversano la polizia municipale fare dei controlli in tal senso...d'altronde non fanno rispettare i divieti di sosta e fermata girandosi puntualmente dall'altro lato, figuriamoci fare controlli sulla vendita di alcolici. Vorrei chiedere al Capitano se mai hanno fatto un verbale riscontrando questa irregolarità e quanti controlli all'anno vengono fatti.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Urania Impoverita 2011-09-07 12:01
Le grandi proposte banalissime di Mottola. Come se non fosse già in vigore una legge che lo vieta.

Come il governo, reitera a vanvera sempre le stesse quattro cose che non ricordano di aver già approvato ma mai messo in pratica

Dovevano far togliere le erbacce dalle doline e ci ritroviamo la città sempre più sporca
Segnala all'amministratore
 
 
#2 hans 2011-09-07 09:05
bell'articolo copiato. La retorica e le cacchiate servono poco, anche e soprattutto se si fa per APPARIRE!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 badabum 2011-09-07 06:49
Quando il consiglio, in sede di bilancio, è stato proposto uno studio sociologico sulle dipendenze voi avete risposto picche...
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI