Martedì 20 Novembre 2018
   
Text Size

IL PDL FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE ECONOMICA E POLITICA

castelloconversano

Il nostro primo cittadino, Giuseppe Lovascio, domenica 8 ottobre, ha organizzato un incontro con i simpatizzanti del Pdl, in cui sono intervenuti il Senatore Gaetano Quagliariello e il consigliere regionale Domi Lanzilotta.

L’incontro si è aperto con una breve introduzione da parte dell’Avv. Lovascio, in cui ha analizzato la situazione della maggioranza della nostra Città, e ha evidenziato più volte il suo unico obiettivo: il bene comune e l’importanza di coinvolgere persone che hanno voglia di interpretare la politica come spirito di servizio.

Il nostro Sindaco è apparso sereno. Probabilmente questa serenità è derivata dal fatto che ritiene di aver portato avanti con coerenza e determinazione il suo programma elettorale, correndo così il rischio di inimicarsi i suoi stessi “amici”, come d'altronde è accaduto.

Interessante è stato l’intervento di Lanzilotta che ha spiegato la crisi economica che stiamo vivendo e la difficoltà che c’è nell’affrontarla. Sono, difatti, difficili le scelte, le manovre e i sacrifici per tentare il pareggio di Bilancio entro il 2013, come è stato imposto dalla BCE (Banca Centrale Europea). Da quanto è emerso dalle parole del Consigliere Regionale, la BCE avrebbe preso provvedimenti differenti a seconda della Nazione in questione, e con noi italiani non avrebbe utilizzato una linea “morbida” come avrebbe invece fatto con altre. Ragion per cui, noi italiani dovremo fare più sacrifici di altri.

Colpevolizzare qualcuno della crisi che stiamo vivendo, sono solo energie sprecate. Dovremmo solo tentare e cercare di reagire a questa situazione, utilizzando al meglio le nostre potenzialità.

A supportare l’argomento “crisi economica” c’è stato l’intervento dell’Onorevole Quagliariello che ha spiegato storicamente la nascita della nostra crisi, facendo anche comparazioni con altre Nazioni, passando poi all’analisi della situazione politica Nazionale e locale.

Ha denunciato l’attacco incondizionato al nostro Premier, ma anche al Pdl che vorrebbero assolutamente indebolire, quando invece sarebbe più coerente misurarsi in campo politico e non su quello personale.

Passando alla politica locale, il Senatore, ha evidenziato il suo dispiacere riguardo ciò che sta accadendo all’interno del Pdl conversanese in un momento così delicato, in cui sarebbe stato opportuno, invece, privilegiare l’unione, con l’unico scopo di fare del bene e di affrontare al meglio le difficoltà della Città.

Commenti 

 
#13 mah 2011-10-20 01:55
altro che fare il punto, il PDL fa solo ridere!
Segnala all'amministratore
 
 
#12 Angelo Lorusso 2011-10-19 19:16
In genere mi astengo dal puerile gioco dello specchio. ("si, ma anche tu...").

In questo caso credo che ne valga la pena però.nonleggerlo.blogspot.com/2011/10/gente-pericolosa.html
Segnala all'amministratore
 
 
#11 Angelo Lorusso 2011-10-18 17:08
Giovanni Laterza, la smetta anche lei di approfittarne in maniera così subdola.

Io non mi permetterei mai di dire che la destra è tutta violenta per colpa di gente come Saya, o tanti teppisti insiti in Casa Pound.

O che siano tutti delinquenti affiliati alle organizzazioni mafiose per casi singoli.

La mala erba non ha colore, c'è in ogni campo. Questo non la autorizza a giudicare un intera fetta di popolazione.

***
Segnala all'amministratore
 
 
#10 Gianvito F. 2011-10-18 14:35
Sarei curioso di avere i nomi invece per i centri sociali di sinistra... Aggiungo che su 1000-5000 persone, ne sono state arrestate sì e no 15.
Segnala all'amministratore
 
 
#9 Angelo Lorusso 2011-10-18 11:29
http://lmgtfy.com/?q=centro+sociale+destra
Segnala all'amministratore
 
 
#8 Giovanni Laterza 2011-10-18 11:20
Basta vedere il colore delle bandiere che alimentano queste manifestazioni, notoriamente tutte rosse confuse con le bandiere della pace (sic !) basta vedere cosa c'e' scritto sul blindato saccheggiato dei carabinieri (ACAB Carlo Giuliani Vive)per comprendere la matrice di questi attacchi. Basta vedere cio' che accade in Val di Susa. Sempre loro. I black block si mimettizzano con le loro felpe nere ma si sa a quale matrice appartengono. La sinistra deve prendere le distanze da questi signori senza "se" e senza "ma". Ma non basta, per primo dovrebbe proporre il carcere duro per questi signori, la schedatura, e il rimborso dei danni subiti dal patrimonio pubblico e privato delle loro devastazioni. Prendersela con la statua della Madonna è paradossale. Sinistra ipocrita e reazionaria. Per sempre all'opposizione, l'Italia ha bisogno di moderazione, l'Italia ha bisogno di ritrovare se stessa lavorando sodo, non di teppisti e reazionari che mettono a soqquadro il valore supremo della Nazione.
Segnala all'amministratore
 
 
#7 daniele pasquale 2011-10-17 20:09
non capisco il motivo di questa censura ...
Segnala all'amministratore
 
 
#6 Antonio S. 2011-10-17 19:25
Gianvito F., sia cortese: indichi nome e cognome di un centro sociale di destra ( quelli di sinistra sono purtroppo noti a tutti ).
Vorrei anche ricordarLe alcuni episodi recenti, apparentemente scollegati ma aventi la stessa matrice:
- L'aggressione fisica al presidente Fitto a Terlizzi ( colpevole di volere un piano di riordino ospedaliero che il suo successore ha poi dovuto applicare con gli interessi );
- L'irruzione a Bari nella sede del PD di facinorosi che così condizionarono l'esito delle primarie regionali.....
Questi violenti *** ma che continua ad alimentare, col linguaggio e gli atteggiamenti, un clima d'odio nel quale gli estremisti di sinistra o anarcoidi che si voglia dire sguazzano.
Il tempo, come al solito, sarà galantuomo.
Segnala all'amministratore
 
 
#5 Angelo Lorusso 2011-10-17 15:28
Fabio Locaputo, si vergogni di politicizzare la violenza.

Lei, in questo momento, sta esercitando una violenza maggiore di qualsiasi "nero".
Segnala all'amministratore
 
 
#4 daniele pasquale 2011-10-17 14:12
Confusi tra i black bloc c'erano i ***...
Cosa ci facevano lì(ripresi durante la manifestazione mentre esponevano i loro grotteschi simboli, vedi "presa diretta")?
Mantenevano il moccolo agli indignati o seminavano terrore e discredito nelle fila della protesta?
Quello che è successo è grave! Un ritorno agli anni '70 in grande stile.
I black bloc poi, non hanno alcun riferimento politico.
L'unica cosa visibile in loro ... è il nero delle loro "divise".
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Gianvito F. 2011-10-17 10:16
Al sig. Fabio Locaputo chiedo le fonti delle sue illazioni. I violenti erano semplici spiantati, di "sinistra" o "destra" conoscono solo la mano con cui lanciare i sassi. Potranno essere nati nei centri sociali di sinistra o destra, ma di ideologico avevano poco, a parte il gusto per la guerra.


Si contenga, e legga meno Sallusti, e più Sallustio.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 Fabio Locaputo 2011-10-16 08:06
Per Gio Valachi, da uomo simpatizzante della sinistra non posso che non ammettere che mentre la sinistra antagonista, che proviene dei servizi sociali (che di sociale non esprimono nulla) mette a ferro e fuoco la città di Roma, il Governo Berlusconi, continua a vincere nelle sedi istituzionali e democratiche. La sinistra per questa gentaglia violenta che mette a ferro e fuoco la citta' di Roma non e' credibile e quindi non merita per ora di andare in queste condizioni al governo nazionale. La sinistra riformista deve prendere urgentemente e nettamente le distanze dal movimento di Vendola e Di Pietro, che usano un linguaggio non certo basato su principi di moderazione. L'Italia mai come in questo momento ha bisogno di ritrovarsi, come dice Giorgio Napolitano, in unità e ritrovare la serenità di andare avanti senza alimentare altre dispute e divisioni. Se così non fosse Berlusconi è destinato a governarefino al 2112 d.c..
Segnala all'amministratore
 
 
#1 gio valachi 2011-10-15 16:29
ma quale punto, al massimo una virgola.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI