Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

ASPETTANDO 31 LIBERI TUTTI, IL PRIMO INCONTRO

incontro 31libera tutti

La sala della Biblioteca “Maria Marangelli” ha ospitato martedì 29 Novembre alle 16,00 il primo dei tre incontri (6 e 13 dicembre) di formazione che sono previsti dal progetto “Aspettando 31 Liberi Tutti”, finanziato dal Comune di Conversano e promosso dalla Cooperativa sociale I.T.A.C.A.

Il tema dell’incontro è “Stereotipi nell’approccio educativo. Chi ho di fronte?”. Esso fornisce una prima occasione di riflessione e dibattito sul concetto di identità di genere, identità sessuale e ruolo di genere: identità come strumento di emancipazione e accettazione di sé nella società.

L’incontro affronta il problema degli stereotipi nell’approccio educativo e offre strumenti utili per l’accompagnamento degli adolescenti nel percorso di crescita.

Docente formatore è Gianni Marsico, progettista di interventi formativi sull’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati e si occupa già da una ventina d’anni di attività formative ed è esperto da una quindicina d’anni di welfare.

L’incontro è stato preparato sulla base degli stimoli dei partecipanti in un’ottica dialettica dinamica che è partita dalle esperienze biografiche di ciascuno e ha analizzato le modalità che ognuno ha messo in gioco nel confronto con il mondo dell’altro. Questo è servito per comprendere come integrare la dialettica genitore/figlio nell’approccio all’identità sessuale e di genere; per riconoscere lo stereotipo che definisce le modalità alternative di presentazione dell’identità sessuale da parte degli adolescenti e comprendere come questo influisce ed incide nel benessere psicologico dei ragazzi. L’incontro è servito per comprendere in che modo l’identità sessuale influisce nella capacità degli adolescenti di definire relazioni stabili e quali supporti troverebbero nella società.

L’attività formativa è rivolta a genitori, insegnanti per sostenerli nel capire e analizzare i bisogni degli adolescenti e delle differenti alterità.

L’attività formativa mira a mettere i soggetti destinatari, genitori, insegnanti, operatori sociali nella condizione di analizzare le differenti alterità e accompagnare gli adolescenti nell’approccio di integrazione con gli altri in fase di crescita.

L’attività formativa è gratuita ed è rivolta oltre agli Operatori del sociale, ai genitori e docenti essenzialmente ai giovani del territorio.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI