Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Ospedale Conversano: "Un riordino basato solo su tagli"

ospedale

Pubblichiamo l'intervento del consigliere regionale Peppino Longo (UDC) sulla situazione del nostro presidio ospedaliero "F. Jaia", vittima – a dire del consigliere scudocrociato – di un piano di riordino che si è finora limitato a tagliare risorse e personale, senza procedere alla promessa riconversione in "Casa della Salute".

"L’ospedale Florenzo Jaia di Conversano è diventato la cartina di tornasole dello scellerato piano di riordino sanitario: si progettano le riconversioni, avvengono i tagli ma la riorganizzazione non si attua in tempi brevi", è l’allarme lanciato da Peppino Longo, consigliere regionale dell’Unione di centro.

"Le notizie che provengono dalla struttura sanitaria del Sud-Est Barese – prosegue Longo – non sono affatto tranquillizzanti: una donna incinta avrebbe perso il bambino per i ritardi con cui sarebbe arrivata un’ambulanza ed al Centro trasfusionale non sarebbero state possibili le donazioni per mancanza del medico. Se queste notizie dovessero essere confermate non si potrebbe stare allegri. Ed è per questo che invito il nuovo assessore alla Sanità, Ettore Attolini ed il direttore generale della Asl Bari, Domenico Colasanto, ad avviare un’indagine interna per capire cosa davvero sia successo.

"Questi – afferma Longo – sono i risultati di un piano di riordino che è stato attuato per metà, soltanto, cioè, per quanto riguarda i tagli. Per il “Florenzo Jaia” è stata prevista la trasformazione in “Casa della salute”: ma la riconversione quando avverrà? Intanto si taglia e si trasferisce personale e le conseguenze sono così tragiche".

"Ed allora – conclude Peppino Longo – è giunto il momento di agire: se si è deciso di riconvertire che lo si faccia senza creare disagi e causare rischi per la salute dei cittadini".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI