Giovedì 15 Novembre 2018
   
Text Size

'Addio HACCP'. La proposta del Cons. D'Alessandro arriva in Regione

dalessandro-decaro

"Il settore alimentare da anni oramai versa in una preoccupante crisi di settore, i cui effetti stanno determinando numerose chiusure di esercizi in relazione anche ai pressanti adempimenti amministrativi, che più delle volte risultano essere superflui e costosi, come ad esempio gli adempimenti previsti da norme HACCP".

Così inizia l'informativa, inviata dal consigliere Vincenzo D'Alessandro al capogruppo regionale del PD Antonio Decaro, in cui si rileva l'inutilità dell'applicazione del protocollo HACCP (analisi dei rischi e punti critici di controllo) alle piccole e medie imprese del settore alimentare.

L'HACCP è un metodo di autocontrollo, entrato in vigore nel 1997. Lo scopo per cui fu pensato più di 13 anni fa, era tutelare la salute del consumatore, ricercando − in tutta la filiera di produzione, stoccaggio e vendita degli alimenti − gli eventuali fattori di rischio igienico-sanitari, annotandoli scrupolosamente su un apposito manuale e adottando le opportune strategie di prevenzione.

"Tale procedura − spiega D'Alessandro − è diventata onerosa sia sotto l’aspetto finanziario (date le notevoli spese per la redazione del manuale) che sotto l'aspetto operativo. Di fatto, nelle piccole realtà imprenditoriali, laddove le prassi di produzione si sono consolidate nel tempo, l'HACCP rappresenta solo un formale obbligo di legge e non un efficace strumento di verifica".

A supporto della sua tesi, il consigliere conversanese ha messo in luce l'esistenza di alcune direttive europee che, puntando a ridurre al minimo gli oneri amministrativi gravanti sulle imprese, consentono di esentare dall’applicazione dei criteri HACCP le microimprese e le piccole e medie imprese di ristorazione (panetterie, macellerie, drogherie, bancarelle, ristoranti e bar), a condizione che rispettino le altre prescrizioni del regolamento CE 852/2004.

Lo scorso 6 marzo, facendo proprie le osservazioni di D'Alessandro, il capogruppo Decaro ha presentato un'interrogazione all’Assessore alla Sanità, dott. Ettore Attolini, chiedendo che la Regione Puglia recepisca le indicazioni dell'UE e abolisca questo obsoleto protocollo per le categorie previste.

Commenti 

 
#2 datore di lavoro... 2012-03-09 08:08
veramente noi titolari subiamo un mare di controlli per garantire il consumatore. L'Haccp è inutile perchè nn garantisce nulla al cliente è solo una spesa che devi pagare per compilare il libretto!!
Segnala all'amministratore
 
 
#1 titty 2012-03-08 12:28
addio all`HACCP!! che idea, che grande idea.... ma stiamo scherzando? gia` passa di tutto. ma chi dovrebbe proteggere i lavoratori e i consumatori finali? il buon senso dei datori di lavoro? davvero lo credete? ma per favore.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI