Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Perplessità sui 'costi BIT', Sibilia: "Ampiamente coperti dai risultati'

sibilia2

I lavori del Consiglio sono iniziati con la discussione del question time − presentato dal consigliere Vincenzo D'Alessandro (PD) − inerente costi, finalità e benefici della partecipazione del Comune di Conversano alla Borse Internazionale del Turismo (BIT).

"Fin dal nostro insediamento − risponde l'Assessore Pasquale Sibilia − abbiamo puntato sul progetto legato al turismo, vedendo in questo ambito delle opportunità per l'intera città. Non lo ha fatto solo Conversano, anche la Provincia e la Regione stanno continuando a investire in questo ambito, registrando un incremento dei turisti".

Persa l'occasione di partecipare alle edizioni della BIT del 2009 e del 2010, in quanto "non avevamo progetti pronti per essere candidati con forza", nel 2011 i tempi sono diventati maturi: "Ci siamo andati da protagonisti con il nostro progetto sulla Settimana Santa. Il risultato si è visto otto giorni fa: presso l'info-point dell'aeroporto di Bari c'è una sezione dedicata appunto alla Settimana Santa, e Conversano è finalmente presente tra le tappe dell'itinerario cultuale".

Le ragioni che hanno motivato a reiterare l'adesione per il 2012 vanno rintracciate in altri due 'progetti forti': il Sistema Ambientale e Culturale (SAC) e Le Bande di Conversano.

"Per il SAC − illustra  Sibilia − abbiamo svolto due presentazioni ufficiali, una completamente dedicata a Conversano, con al nostro fianco gli Assessori alle Politiche culturali della Provincia, Nuccio Altieri, e della Regionale, Silvia Godelli. E i benefici del SAC sono noti: è stata stipulata una convenzione che vedrà arrivare a Conversano 754mila euro, ovviamente da suddividere con gli altri quattro comuni inclusi nel programma".

Non ha tardato neanche il riscontro all'esibizione in Piazza Beccaria della nostra Banda, scelta a rappresentare l'intera Provincia: "Abbiamo investito sulla nostra emittente televisiva Telenorba al fine di dare la maggior eco possibile all'iniziativa e, al nostro ritorno, sono stato chiamato dal Presidente regionale del Congresso delle Bande pugliesi che ha chiesto di poter svolgere, il prossimo 28 aprile, il Congresso regionale a Conversano".

Infine, buone notizie anche per la convenzione con la Royal Caribbean: "Dalle 5 tappe dello scorso anno siamo saliti a 34, anche grazie ai trasporti che la Regione mette a disposizione a costi accessibili. Tra l'altro, non siamo più inseriti nel catalogo come visita guidata ma come escursione".

 

Turismo o Politiche sociali? - Sulla vicenda del voto contrario dell'Assessore Alfarano, secca la replica di Sibilia:"Abbiamo speso 4 mila euro per il turismo e 30mila euro per l'acquisto delle bici. A voi la proporzione, tenuto conto che non abbiamo perso il nostro primato regionale nel settore delle politiche sociali".

Altrettanto incisivo l'intervento di Alfarano: "Non sono contrario al turismo, credo che sia una delle primarie fonti di reddito. Al tempo stesso, posso testimoniare che la povertà a Conversano sta aumentando e non dobbiamo far pagare questa crisi ai bambini. Per questo chiedevo che lo stesso importo stanziato per la BIT fosse reperito per dare un segnale alle famiglie, acquistando le bici per i bambini meno abbienti".

La sintesi al Sindaco Lovascio: "Queste iniziative hanno ricadute positive per la città. È chiaro che bisogna fare delle scelte: nel settore sociale siamo già leader, quindi abbiamo pensato di incentivare le politiche del turismo. I riconoscimenti ricevuti durante la BIT ci hanno dato ragione e sono stati gratificanti del lavoro fin qui fatto".

 

Risorse non equamente distribuite - Poco convinto dalla risposta di Sibilia, il consigliere D'Alessandro ha ribattuto: "L'Assessore ha parlato di grande turismo in Puglia, vorrei fare presente che a Conversano non lo vedo; casomai esiste una Puglia che sta incrementando le presenze turistiche, soprattutto per quanto riguarda il Salento.

Piena condivisione, viceversa, per le parole di Alfarano: "Questa Amministrazione sta investendo nelle politiche culturali e turistiche l'80% delle risorse, lasciando scoperti i settori produttivi. L'economia di un paese non passa solo dal turismo, le risorse vanno ripartite in maniera bilanciata. Vedremo se questa partecipazione porterà dei risultati, in caso contrario bisognerà avere la capacità di autocritica e ammettere che forse si poteva investire in altre iniziative più utili per la città".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI