Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

Ospedale, mercoledì il Sindaco consegnerà la proposta alla ASL

ospedale

Ieri sera, nella sala consiliare del comune di Conversano, si è tornato nuovamente a parlare di ospedale. L’incontro organizzato dal Comitato Permanente per la Tutela della Salute, è servito per fare chiarezza in merito a quella che è la situazione di avanzamento dei lavori circa il progetto di riqualificazione del “Florenzo Jaia”.

Come molti ricorderanno, il consiglio comunale ha approvato, a maggioranza, la proposta di riqualificazione del nosocomio che dovrà, ora, essere discussa con la direzione generale della Asl. Nel corso dell’incontro di ieri è intervenuto anche il primo cittadino Giuseppe Lovascio il quale ha pubblicamente annunciato che mercoledì mattina incontrerà il direttore Colasanto a cui consegnerà il progetto definitivo che, come ormai noto, prevede la riqualificazione dell’ospedale in Poliambultorio di terzo, e che prevede inoltre, che venga confermata la presenza di un Pronto Soccorso piuttosto che quella di un punto di primo intervento.

Ciò che, al momento, la proposta non prevede è la realizzazione della RSA e della Casa della Salute. Come spiegato più volte dal sindaco ma anche dalla stessa dott.ssa Carmela Fanelli, intervenuta nel corso dell’incontro di ieri sera, non si tratta di una rinuncia definitiva, ma di un semplice posticipo per paura che, l’attivazione di tali servizi, possa sottrarre terreno e qualità all’attivazione dei servizi sanitari previsti dal poliambulatorio di III livello.

Ieri sera, dopo una breve introduzione del presidente del comitato Lonero e dopo un accorato intervento della dott.ssa Fanelli, è intervenuto anche il sindaco Giuseppe Lovascio, da sempre protagonista di questa battaglia, fianco a fianco con il comitato. “L’amministrazione comunale”, ha dichiarato il sindaco, “sta lavorando con grande determinazione ed il frutto di questo impegno è stata la bozza del protocollo d’intesa che abbiamo portato in consiglio comunale e sul quale purtroppo non c’è stata piena condivisione tra le forze politiche. Io ho cercato di mettere insieme tutte le voci: quella delle forze politiche, quella della Asl e quella dello stesso comitato. Abbiamo quindi fatto un passo ulteriore ed oggi siamo pronti per fare la nostra proposta che vede l’attivazione di tanti nuovi servizi. Ci vede perdere i tre reparti rimasti per acuti, ma ci vede acquistare numerosi servizi".

"La popolazione di Conversano”, ha aggiunto, “avrebbe voluto avere l’ospedale di una volta, ma purtroppo la sanità ha avuto questa evoluzione e noi siamo stati scoperti in quegli anni. Oggi Conversano sta dimostrando di avere una forza, in un progetto che è già in uno stato avanzato. Noi oggi siamo a metà della battaglia, abbiamo ancora tanto da fare e da protestare se sarà il caso: abbiamo avuto delle promesse, stiamo facendo una controproposta, ma le promesse non sono un risultato acquisito”.

Riguardo alla Casa della Salute il primo cittadino ha ulteriormente precisato “realizzare la casa della salute è facile ed economico. Spostare i medici di base in ospedale non costa molto ma la paura è che poi non ci sia più lo spazio per realizzare il poliambulatorio di III livello. Realizziamo prima le specialistiche e poi, se ce ne sarà la possibilità provvederemo a verificare gli spazi residui e occupiamoli con i medici di base. Per quanto riguarda la RSA, in questo momento è l’ultima esigenza che ha la città di Conversano, ma potremmo comunque realizzarla solo dopo che avremo realizzato tutto il resto, con la speranza che il nostro ospedale diventi un punto di riferimento per il nostro territorio”.

Il prossimo appuntamento è quindi per mercoledì quando il sindaco si recherà a Bari per incontrare la dirigenza della Asl e forse, lo stesso governatore Vendola. Un appuntamento per il quale, il sindaco ha ancora una volta coinvolto il comitato, chiedendo espressamente di essere accompagnato da almeno un paio di loro rappresentanti.

Commenti 

 
#2 falchi&colombe 2012-03-26 15:48
Caro Sindaco a parlare sono buoni tutti pure quelli oggi molto vicini a Lei : Molti si chiedono ma chi sta gridando oggi forse non sono gli stessi che hanno messo veti e contro veti per far decollare molti anni fà l'Ospedale di Conversano? E lei Caro Sindaco oggi che è così vicino all'influente politico di Monopoli non pensa ad un senso di ::::: benj sapendo che quel suo amico è l'artefice con i nostri di tanto sfacelo? Si ricordi che la gente queste cose le sà forse fà finta di dimenticarle ma con buona pace saranno ricordate documentate!!! Continuate così che la politica ci guadagna no la gente in stato di bisogno.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 vito notarnicola 2012-03-24 20:47
la r.s.a. non è l'ultima esigenza, considerando la popolazione di anziani in aumento, con tutte le necessità di cure riguardo alle patologie croniche proprie di quel periodo della vita, e che non possono essere curate a casa. per cui credo che ci sia una sorta di insensibilità nei confronti di queste PERSONE,da parte del sindaco non che, della sua maggioranza.spero in un ripensamento su questa scelta affinchè dia dignità a tutte quelle persone che hanno contribuito alla crescita della nostra comunità; è il minimo che possiamo fare per loro, SINDACO CI RIPENSI!!!
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI