Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Festeggiamenti Madonna della Fonte, D'Alessandro interroga l'Amministrazione

partito democratico_simbolo_640_x_300

Nel prossimo Consiglio comunale, convocato il 12 aprile,tra gli altri argomenti di cui vi riferiremo in seguito, verrà discusso il question time, presentato dal consigliere Vincenzo D'Alessandro (PD),  sullo spostamento dei festeggiamenti in onore della Madonna della Fonte.

Ecco il testo dell'interrogazione:

Alcuni organi di stampa locale hanno pubblicato la notizia di una conferenza stampa, tenutasi presso l’Ufficio parrocchiale della Cattedrale di Conversano dal Comitato direttivo della Festa Patronale, in cui si spiegavano le ragioni di spostare i festeggiamenti in onore della festa “Maria SS. della Fonte” lungo il Corso D. Morea, Largo della Corte e la Villa Garibaldi, ove, in fondo alla rotonda sarà allestito il tempietto con l’effige della Madonna della Fonte.

La notizia mi ha molto sorpreso per la leggerezza con cui il Comitato Feste Patronali prende decisioni senza sentire la necessità di ascoltare la volontà dei cittadini, tanto più che gli stessi contribuiscono alla riuscita della manifestazione religiosa in onore della SS. della Fonte, a cui l’intera città è devota, tramandata da una tradizione ultra centenaria.

Il Sindaco invece, esprime pareri favorevoli senza preoccuparsi minimamente di informare il Consiglio Comunale o consultare i consiglieri comunali su una scelta molto rilevante che riguarda anche gli interessi degli operatori economici, visto che la festa riguarda l’intera città e non solo una parte.

Apprendo dai giornali che si è costituito un comitato cittadino che si pone a difesa della tradizione e con forza si oppone a tale decisione, ritenuta ingiustificata dalle motivazioni addotte in conferenza stampa. Il fatto che in questa città crescano comitati cittadini significa che la politica non è in grado di farsi più portatrice delle istanze dei cittadini, quindi il Sindaco in primis dovrebbe fare una seria riflessione sull'argomento.

Le ragioni addotte dal Comitato Feste Patronali in conferenza stampa sono quelle di avvicinare i giovani alla festa e soprattutto consentire ai cittadini di apprezzare la ristrutturazione della Basilica Cattedrale. Se invece sono altre le motivazioni è bene, come hanno detto alcuni del Comitato, che vengano fuori.

Chiedo: Al Sindaco o all’Assessore in indirizzo

• di conoscere le motivazioni per le quali hanno avvallato la decisione assunta dal comitato direttivo della festa “Maria SS. della Fonte”, di spostare i solenni festeggiamenti storici in onore della Madonna SS. della Fonte che appartengono ad una consolidata tradizione conversanese;

• di conoscere il pensiero del Sindaco sul metodo da egli adottato, cioè di tener fuori da decisioni e/o notizie i consiglieri comunali, i quali sono costretti ad apprendere anche le notizie più importanti dalla stampa;

• di conoscere dall’assessore Sibilia, se questi provvedimenti vanno nella direzione dell’Amministrazione di rivalutare il centro storico.


Dr Vincenzo D'Alessandro

Commenti 

 
#6 redjoe 2012-04-10 16:39
intanto il comitato feste patronale non ha alcun potere decisivo, esistono delle regole, gli usi e i costumi ecc., piazza xx settembre è il cuore della città è la sede della casa municipale, i veri conversanesi, di generazione in generazione hanno ubicato le feste patronali nel cuore della città, il nuovo parroco di turno e il nuovo comitato feste non hanno nulla a che fare con le tradizioni di conversano. Vincenzo fai valere i diritti delle vecchie e nuove genenrazioni (piazza xx settembre).
Segnala all'amministratore
 
 
#5 Giobbe 2012-04-10 10:45
Signora Tea, Signor Eugen, il moralizzatore: io invece chiedo agli amministratori il vero motivo di questo spostamento e se non vi sono nel nostro comune, problemi ben più seri da affrontare. Se poi si vuol accontentare qualche amico che abita in quei paraggi e che in quei giorni non riesce a parcheggiare il fatto diventa chiaro.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 il moralizzatore 2012-04-08 17:21
d'alessandro vada in giro a chiedere agli ultranovantenni dove e come si faceva la festa prima.
questa festa non e una tradizione ma solo la festa di pochi commercianti e residenti della zona, basta solo sapere che ogni volta che si parla c'è sempre in mezzo il vil denaro.
comunque sig. presidente del comitato festa io sono d'accordo con lei.
Segnala all'amministratore
 
 
#3 io sud 2012-04-05 18:17
Le feste si continuano per tradizione. E la tradizione vuole e tramanda la Piazza XX settembre e Corso Umberto come fulcro della festa. Se si vuole cambiare, e tutti sono liberi di farlo, basta avere l'autorizzazione del comune, al quale, comunque va notificata la novità e poi, se si vuol agire per conto proprio, si è liberi di farlo, senza i soldi dei contribuenti.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 eugen 2012-04-05 12:03
MA CAPOGRUPPO D'ALESSANDRO, MI DICA MA LEI NON HA PROPRIO NULLA DI MEGLIO DA FARE O DA PROPORRE ALLA CITTA' CHE PRENDERSELA CON LO SPOSTAMENTO DELLA FESTA PATRONALE ?
Segnala all'amministratore
 
 
#1 tea 2012-04-05 08:51
al signor d'alessandro non ci sono cose piu' importanti dei festeggiamenti della madonna della fonte da discutere in consiglio comunale
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI