Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Claudio Natile candidato alle amministrative di Polignano

natile elezioni polignano

"Mi sono candidato in SEL perché, grazie al suo fondatore, Nichi Vendola, ho potuto dare vita ad un’idea che da tempo coltivavo: riportare la canapa all’interno del panorama pugliese per sfruttarne gli utilizzi e promuovere, grazie alle sue caratteristiche eco-friendly, una “cultura sostenibile”. Tanti altri giovani pugliesi, come me, hanno potuto concretizzare le proprie idee grazie a “Bollenti Spiriti”, il più imponente intervento mai realizzato da una regione italiana e in Europa in favore delle giovani generazioni. E, per questo, non potevo scegliere altro schieramento".

"Ho fatto ingresso in politica per mettere le mie competenze e la mia energia a disposizione dei cittadini di Polignano a Mare, una rigogliosa cittadina del Sud-Est barese. Qualora fossi eletto, mi impegnerò nel porre le basi di una consapevolezza etica e ambientale nelle scelte di Governo. Ma anche se questo non accadesse, mi sforzerò affinché la mia esperienza maturata con il Progetto CanaPuglia contamini le scelte della nostra politica che ora, come non mai, devono essere incentrate sul concetto di “sostenibilità".

"Il mio ingresso ha portato una novità all'interno del panorama politico italiano: infatti, ho da subito espresso la necessità di coerenza con il messaggio di Sinistra Ecologia e Libertà. Ho investito le mie energie per sensibilizzare il partito SEL di Polignano a Mare, che promette ottimi risultati, a stampare parte del materiale pubblicitario per la campagna elettorale utilizzando la carta di canapa, che non deriva da deforestazione. Sappiamo che ogni giorno vengono abbattuti circa 2.000 alberi sulla Terra per soddisfare i nostri bisogni. Un partito che ha l'ECOLOGIA tra i suoi messaggi NON PUO' alimentare questa devastante pratica che mina, ogni giorno, la salute del Pianeta e di chi lo abita".

"Una scelta simile va presa per quanto riguarda gli altri materiali di consumo che si utilizzano durante qualsiasi tipo di evento: la plastica più diffusa deriva da materiale petrolchimico, non è biodegradabile e, durante la decomposizione, che dura centinaia d'anni, rilascia sostanze tossiche che inquinano l'aria, il mare, la terra e il nostro organismo. Per questo ho parlato della necessità di sforzarsi, in primis, di ridurre il consumo di rifiuti, poi di utilizzare plastica derivante da cellulosa vegetale che ha un impatto decisamente minore sull'ambiente. E' una plastica biodegradabile che non deriva dal petrolio ma dalla piante".

"Metterò, dunque, a disposizione dei cittadini di Polignano a Mare la mia determinazione per salvaguardare il suo territorio, promuovere l’ecoturismo incentivando le buone pratiche nelle scelte politiche, nell’ottica di una “cultura sostenibile”.

Claudio Natile - Presidente CanaPuglia -

Candidato Consigliere SEL Comune di Polignano a Mare(Ba)

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI