Domenica 18 Novembre 2018
   
Text Size

Ospedale, Lovascio scrive a Vendola

ospedale

Il sindaco Giuseppe Lovascio, dopo la conferenza stampa da lui stesso indetta e tenutasi lo scorso martedì 3 aprile, si è rimesso a lavorare sulla questione ospedale. Nonostante, infatti, la molte di pratiche da smaltire presenti sulla scrivania del primo cittadino, quella relativa all’ospedale conserva la dovuta priorità al punto che, già nel corso dei giorni precedenti alle vacanze di Pasqua, Giuseppe Lovascio aveva incontrato informalmente il Comitato (si veda comunicato stampa del 12 aprile 2012) con cui aveva discusso delle ultime novità relative all’offerta sanitaria della città, tra le quali c’è la riattivazione della Pneumotisiologia.

A distanza di una settimana, atteso il silenzio della direzione generale della Asl e della Regione, il primo cittadino, munitosi di carta e penna, ha deciso in comune accordo con il Comitato Permanente per la tutela della Salute, di scrivere direttamente al Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola.

“A seguito degli intercorsi colloqui avuti con il sottoscritto”, si legge nella missiva, “con la presente, sono a chiederLe un appuntamento al fine di affrontare l’annosa questione dell’ospedale “Florenzo Jaia”. Ed ancora il sindaco precisa: “dopo l’incontro avuto il 12 dicembre u.s., durante il quale fu promessa la riqualificazione del nosocomio cittadino in Poliambulatorio di III livello, il sottoscritto, assieme al Comitato Permanente per la Tutela della Salute ed alcuni consiglieri comunali, ha provveduto a redigere una bozza di protocollo d’intesa relativa alle modalità operative tramite cui dovrebbe avvenire la riconversione. Detta bozza, è stata approvata a maggioranza dal Consiglio Comunale della Città del 14 marzo u.s. ed è stata consegnata presso la Sua segreteria lo scorso 28 marzo. Consapevole dell’importanza che Lei stesso riconosce nella salute dei cittadini, e considerato che ad oggi, a distanza di quattro mesi alcuni accordi sono rimasti senza seguito, Le chiedo Presidente, di voler cortesemente incontrare il sottoscritto, unitamente ad una delegazione del Consiglio Comunale nonché del Comitato permanente per la Tutela della Salute, al fine di poter discutere di persona della proposta redatta”.

Al Comitato e al sindaco, quindi, non resta che attendere una risposta formale da parte del Presidente della Regione, fermo restando che nel frattempo, sarà dovere di tutti continuare a monitorare la situazione in attesa di una svolta decisiva in merito alla riqualificazione del nosocomio cittadino.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI