Sabato 17 Novembre 2018
   
Text Size

D'Alessandro: "L'Amministrazione spieghi le sue intenzioni sull'IMU"

dalessandro-2

Come anticipato durante l'incontro organizzato dal Partito Democratico, il consigliere Vincenzo D'Alessandro ha protocollato un'interpellanza urgente sull'applicazione dell'IMU.

Nel testo dell'interrogazione, che riportiano per intero, si chiede di conoscere se l’Amministrazione intenda dotarsi in tempi rapidi di un regolamento comunale e se abbia intenzione di convocare un tavolo tecnico. 

Il regolamento consentirebbe di definire "la riduzione delle aliquote nella misura massima possibile, fino all'esenzione totale dal pagamento, da parte di anziani e disabili, appartenenti a fasce disagiate della cittadinanza". Il tavolo tecnico, di pari passo, diventerebbe strumento necessario ad affrontare le varie problematiche sollevate dal nuovo tributo.

 

__________________ 

 

OGGETTO: Interpellanza Urgente (ai sensi del Reg. Comunale approvato con delibera C.C. nr. 37/2006, art. 86 co. 5): Applicazione dell’IMU


Premesso:

 che La circolare n. 3/DF del 18/5/2012 del Dipartimento delle Finanze ha definito alcuni aspetti fondamentali dell’IMU, confermando per larga parte i contenuti della legge istitutiva del tributo e fornendo importanti chiarimenti.

 che in merito, la circolare precisa quali sono le modalità di calcolo dell'IMU, comprese le detrazioni; individua le categorie di soggetti ai quali si applica l'imposta e chiarisce le modalità di applicazione delle agevolazioni per categorie particolari di fabbricato (es. fabbricati rurali) o terreno (es. terreni agricoli).


Se ne deduce:

 che i soggetti passivi sono i proprietari di tutti gli immobili, sia residenziali, sia commerciali;

 che Le aliquote previste, avendo a base la rendita catastale rivalutata, sono dello 0,4 per la prima abitazione e dello 0.76 per le altre proprietà;

 che per prima abitazione o abitazione principale si intende solo quella nella quale il possessore ed il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Quindi se si hanno due case ed una viene ceduta in comodato gratuito ad un figlio, solo una delle due beneficerà dell’aliquota dello 04%, mentre l’altra sarà sottoposta all’aliquota ordinaria. Diverso è il caso, ovviamente, sei il figlio è proprietario della casa nella quale abita;

 che i Comuni possono modificare le aliquote in aumento o in diminuzione, rispettivamente, dello 0,2% per le prime case e dello 0,3% per le altre proprietà, ferma restando l’invarianza di gettito come stimata dal Ministero dell’Economia e Finanze e nel rispetto dei criteri di ragionevolezza e non discriminazione.

 che i Comuni possono considerare direttamente adibita ad abitazione principale la casa di proprietà o della quale sono usufruttuari anziani o disabili che siano residenti in Istituti di ricovero a seguito di ricovero permanente, purchè la abitazione di proprietà non sia stata locata

 che i Comuni devono iscrivere nel bilancio di previsione 2012 l’entrata da IMU nelle quantità indicate al punto precedente

 che i Comuni hanno tempo fino al 30 settembre 2012 per approvare o modificare il regolamento di applicazione dell’IMU e la delibera relativa alle aliquote e alla detrazione del tributo

 che Il versamento dell’IMU per l’anno 2012 potrà essere effettuato, a scelta del contribuente, in tre rate scadenti rispettivamente il 18 giugno, il 17 settembre ed il 17 dicembre pp.vv., ovvero in due rate scadenti rispettivamente il 18 giugno e il 17 dicembre pp.vv;


Considerato la forte incertezza che caratterizza i trasferimenti dello Stato per l’anno 2012 e successivi e quindi la notevole difficoltà che stanno incontrando gli enti locali nella predisposizione dei bilanci e l’approvazione dell’IMU;


Viste le forti restrizioni economiche imposte alle famiglie a seguito della grave crisi economica ed occupazionale in cui versa il paese;

 

Si chiede al Sindaco o all’Assessore:

1. Di conoscere se l’amministrazione intende dotarsi in tempi rapidi di un regolamento comunale che definisca da subito la propria volontà di praticare la riduzione nella misura massima possibile, fino alla totale esenzione dal pagamento, da parte di anziani e disabili, appartenenti a fasce disagiate della cittadinanza;

 

2. di conoscere la volontà dell’amministrazione di convocare con urgenza un tavolo tecnico al fine di affrontare e definire le problematiche derivanti dall’applicazione dell’IMU:

• che preveda idonee riduzione a favore dei proprietari di abitazioni date in affitto, nonché di proprietari di immobili non produttivi di reddito fondiario e di fabbricati ad uso agricolo ed zootecnico;

• che preveda opportune modalità di compensazione tra le somme dovute, nella parte di spettanza del Comune, per il tributo in questione e quelle a credito di singoli contribuenti nei confronti dell’Amministrazione Comunale;

• che preveda ampia ed esauriente informazione circa i tempi e le modalità di pagamento ed istituisca un servizio di HELPDESK per fornire, anche per telefono, i necessari chiarimenti alla cittadinanza.

Pertanto, il sottoscritto, vista l’importanza dell’argomento in oggetto, chiede che la presente interpellanza venga iscritta, all’ordine del giorno della prima seduta utile del Consiglio Comunale.

Conversano Lì, 31.05.2012

Dr. D’Alessandro Vincenzo

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI