Venerdì 16 Novembre 2018
   
Text Size

Ospedale Jaja. Protocollo d'intesa vicino alla firma

ospedale

La delicata questione dell’ospedale Florenzo Jaia di Conversano sta finalmente per giungere ad una svolta. Dopo mesi di proteste, incontri discussioni ed inutili strumentalizzazioni, alla fine il progetto presentato dal Comitato permanente per la tutela della salute e dal Sindaco Lovascio, dovrebbe andare avanti e, dunque, l’ospedale di Conversano dovrebbe essere riconvertito in Poliambulatorio di III livello.

Nei giorni scorsi, infatti, la Regione Puglia e la direzione generale della Asl hanno, annunciato l’avvio della fase due del piano di rientro della sanità pugliese. Nell'ambito di tale iniziativa è prevista anche la chiusura dell'ospedale di Conversano. E’ bene precisare che quando si parla di chiusura, ci si riferisce alla chiusura dei posti letto che, come noto, erano già quasi del tutto scomparsi, e non alla chiusura della struttura.

Il Comitato, il Sindaco e la sua maggioranza, da questo punto di vista, ben avevano intuito, quindi che, in un clima di crisi come quello attuale, l’unica strada da percorrere e su cui puntare era proprio quella delle riconversione. Era inutile, infatti, insistere per avere l'ospedale con i posti letto rischiando di rimanere con un pugno di mosche in mano. Con tenacia e dopo duro lavoro, quindi, l’ospedale di Conversano, prevalendo su altre strutture, è riuscito a ritagliarsi uno spazio importante al servizio di circa 400 mila utenti, con servizi di day surgery in grado di coprire una grossissima parte dell’utenza ospedaliera, ovvero, tanto per fare chiarezza, tutta quella parte che non necessita, di ricovero.

Ma le novità per il nostro nosocomio non finiscono qui. Vendola infatti, durante la Conferenza dei Servizi della Asl tenutasi lunedì mattina a Bari presso i padiglioni della Fiera del Levante, ha avuto modo di confrontarsi nuovamente con Lovascio. I contatti tra i due proseguivano da tempo, proprio per risolvere alcune delicate questioni che riguardano conversano e per le quali, il sindaco sta svolgendo un ruolo di mediatore estremamente importante. All’incontro erano presenti anche la dott.ssa Fanelli e il dott. Tangorra, in rappresentanza del Comitato, ai quali Vendola ha dichiarato che, la settimana prossima, firmerà il Protocollo d’Intesa che lo stesso Lovascio, la mattina del 28 marzo, aveva lasciato sulla scrivania del Governatore. Puntuale nel pomeriggio, il Governatore Vendola ha sentito il sindaco Lovascio, fissando appuntamento per la prossima settimana, per definire gli ultimi dettagli del protocollo.

Se le promesse del Governatore dovessero essere mantenute (il condizionale è d’obbligo) la città di Conversano potrebbe considerare vinta questa battaglia.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI