Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Pista ciclabile, da lunedì via Matteotti cambia volto

via matteotti 2

La rivoluzione culturale della città di Conversano sta per partire: lunedì 9 luglio, infatti, inizieranno i lavori per la pista ciclabile in via Matteotti. Prenderà il via, quindi, un progetto innovativo, in grado di modificare abitudini e cambiare il modo di concepire la mobilità e il trasporto urbano. Prima dell'inizio dei lavori l'assessore ai Lavori Pubblici Carlo Gungolo di comune accordo con il sindaco Giuseppe Lovascio, ha voluto avvisare ad uno ad uno tutti i commercianti della centralissima via Matteotti. A ciascuno di loro è stata consegnata una locandina che annuncia che da lunedì, via Matteotti cambierà il proprio volto garantendo più sostenibilità della vita e più sicurezza allo shopping.

L'opera sarà realizzata lungo il lato che segna il confine con il centro storico e, fatto salvo per il senso unico di marcia, modificherà ben poco l'organizzazione di via Matteotti. I marciapiedi, infatti, resteranno della stessa larghezza. Anche il parcheggio resterà tale e quale ad ora, con la stessa organizzazione degli spazi e con le stesse aree per il carico e scarico delle merci.

La carreggiata diverrà a senso unico e sarà larga 4 metri (esclusi i due per il parcheggio). Una via di percorrenza così larga consentirà che non si creino ingorghi e garantirà una maggiore scorrevolezza dei mezzi.

Per la pista ciclabile saranno riservati 2 metri e 30, mentre il cordolo di confine tra la strada e la pista, sarà occupato da aiuole e alberi, per un totale di 60 centimetri. Il colore della pista sarà bordeaux e, ovviamente, per ogni svincolo di accesso alle strade del centro storico, sarà garantito il passaggio. Anche durante i lavori, sarà garantito il senso unico e comunque sarà sempre assicurato il transito di auto e camion merci. I lavori, al contrario che necessiteranno dell'interruzione del traffico, saranno effettuati in notturna.

“Si tratta di un progetto ambizioso e coraggioso”, ha dichiarato il sindaco Giuseppe Lovascio. “All'inizio potranno esserci dei disagi, ma sono convinto che in breve tempo, la pista ciclabile attorno all'anello della nostra città, diverrà il fiore all'occhiello della nostra mobilità, del nostro turismo”.

Soddisfatto anche l'assessore Carlo Gungolo che ha aggiunto: “Così come accade per molte altre cose che, nei paesi limitrofi ci invidiano, sono certo che anche la pista ciclabile sarà una di queste. Con l'inizio dei lavori noi ci apprestiamo a cambiare le abitudini dei conversanesi, abitudini che saranno certamente più salutari, più favorevoli per l'ambiente e per la stessa sicurezza stradale di tutti gli amanti delle due ruote, ma soprattutto dei nostri ragazzi”.

locandina pista ciclabile gungolo

Commenti 

 
#8 Michele Del Bene 2012-07-12 07:40
Non avete neanche avuto la delicatezza di attendere la manifestazione religiosa della Madonna del Carmine. Quanta fretta per un progetto che scontenta troppa gente.
Segnala all'amministratore
 
 
#7 up 2012-07-11 14:38
l'idea di pista ciclabile di solito viene associata al tempo libero alla vacanza, andare in bici per il centro della città potrebbe essere una scelta di vita per qualcuno ma tanti altri cittadini hanno esigenze diverse . Mettetevi nei panni di chi quotidianamente deve accompagnare i figli , portare la spesa a casa , far da autista ai genitori ecc. sicuramente percorrerà più km per arrivare a destinazione inquinerà di più e ne avrà solo svantaggi .
Segnala all'amministratore
 
 
#6 CATARSI 2012-07-11 07:19
A Gungolo: le cose che gli altri paesi ci invidiano: 1) Discarica. 2)Mattatoio. 3)Stazioni carburanti in pieno centro. 4) Campi elettromagnetici. 5) laghi prosciugati con moria di pesci, tartarughe, germani reali ecc.. ma per piacere!
A Gianvito: Leggi " El Cid Campeador"...
Segnala all'amministratore
 
 
#5 scelte 2012-07-09 08:29
queste pista ciclabile è frutto di una scelta politica che dice che i cittadini si adatteranno. Questo è l'ennesimo esempio di come la politica non si adatti al cittadino, ma impone delle scelte di montiana memoria. Bene le piste ciclabili, ma non in pieno centro, chi ha l'abitudine di usare l'auto non la cambierà per mille motivi ed esigenze, chi usa la bici respirerà smog prodotto dalle auto in fila. Questo è l'unico elemento poco-salutare che mi viene in mente. Sarebbe stato opportuno ricavarla da un arteria centrale che la portasse in periferia per poi diramarsi verso le campagna, sviluppando un turismo e mobilità ciclo-rurale. Credo che il risultato sarebbe stato ottimale. A prescindere dalle mie idee, adesso aspettiamo questa opera e poi tiriamo le somme...mi auguro vivamente di sbagliare.
Segnala all'amministratore
 
 
#4 ultras 2012-07-07 13:16
ma solo in via matteotti costruirete questa pista ciclabile? o si espanderà anche in molte altre zone della città? GRAZIE DELLA RISPOSTA!!
Segnala all'amministratore
 
 
#3 Gianvito F. 2012-07-06 19:04
Gli accessi alle strade laterali esistono ovunque, anche in Danimarca, ma non mi pare che ci siano problemi insormontabili.
Segnala all'amministratore
 
 
#2 giò 2012-07-06 07:44
uno scorcio idilliaco. mancano però gli accessi alle strade laterali dove, gioco forza, i ciclisti si fermeranno e le auto avranno difficoltà ad immettersi o ad uscire.
Segnala all'amministratore
 
 
#1 vito antonio 2012-07-06 07:41
e' una bella immagine quella che vuole fissare un momento di vita futuro della nostra città nella "via dello shopping".
Ma se ci fossimo fermati un attimo ed avessimo realizzato che le vie dello shopping si possono fare altrove, (dove i costi di affitto, a prezzi politici, da concordare con i richiedenti le autorizzazioni a costruire) avremmo avuto un altro risultato.
Vuol dire che inizialmente si ascolteranno anatemi e paroline rivolte agli amministratori ed in seguito, come sempre succede da noi, un nuovo provvedimento di "sistemazione" dell'affaire.
Segnala all'amministratore
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI